Storia: la Guerra dei Sei Giorni

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Medio Oriente, dopo il crollo dell'impero turco (1918) era stato assegnato alla Francia e successivamente all'Inghilterra. Nel corso del secolo scorso con l'affermarsi del movimento sionista in Germania molti ebrei si rifugiarono in Palestina, territorio destinato ad accogliere lo Stato ebraico. Da qui nasce il quadro fondamentale da cui è possibile tracciare l'intero iter che portò alla sanguinosa guerra dei sei giorni. Si tratta di una parentesi alquanto viva nelle menti di chi l'ha vissuta e di coloro che ancora oggi abitano quei luoghi, considerato anche che il territorio non ha mai cessato di essere teatro di ulteriori contrasti e guerre. La storia tende a ripetersi, e mai come in questa situazione storica le evidenze contemporanee ci permettono di appurare che il detto è drammaticamente vero. Buona lettura!

26

Occorrente

  • Desiderio di approfondire la guerra dei sei giorni
36

lo Stato di Israele

A seguito della seconda guerra mondiale le comunità ebraiche di tutto il mondo finanziarono la nascita dello Stato di Israele e grazie a questi aiuti, e alla propria iniziativa e competenza, gli abitanti seppero trasformare una terra arida in un territorio rigoglioso e potenzialmente carico di sviluppi industriali anche avanzati; era il 14 maggio del 1948. Nel frattempo, in questi territori, si trasferivano centinaia di migliaia di ebrei di ogni nazionalità, sino a raggiungere i 4 milioni. Da allora, fu un succedersi di crisi: la più grave sfociò nella guerra dei "sei giorni" (1967), con cui l'esercito israeliano sconfisse una coalizione di tre stati: Egitto, Siria e Giordania.

46

La striscia di Gaza

Nel corso del conflitto Israele occupò la penisola del Sinai, la striscia di Gaza, la Cisgiordania (vasta zona di confine con la Giordania) e le alture del Golan (sottratte alla Siria). Le truppe israeliane bombardarono duramente gli aeroporti militari in Egitto ed invasero i territori giordani. Ancora una volta, decine di migliaia di Arabi palestinesi furono costretti ad abbandonare le loro terre per rifugiarsi come profughi in Libano ed in Giordania.

Continua la lettura
56

Il conflitto

D'altra parte i Palestinesi, cacciati e costretti a vivere in condizioni disperate, senza uno Stato, senza una terra, si preparavano per combattere Israele su ogni fronte e con ogni mezzo. Nel 1969, l'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OPL), guidata da Yasser Arafat, dichiarò di fatto guerra a Israele, dando vita a un feroce terrorismo contro gli ebrei e i loro interessi in tutto il mondo. La questione palestinese è ancora molto attuale e piena di intricate ripercussioni a carattere politico-economico.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La questione palestinese è ancora attuale in tutta la sua complessità

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la guerra civile in Spagna

Studiare gli eventi storici che hanno determinato il destino di un paese è importante per capire a fondo come si è evoluta quella determinata civiltà fino ad oggi, ciò che ne ha determinato l'assetto politico e sociale attuale. Tra gli avvenimenti...
Superiori

Storia: la Guerra del Vietnam

Agli inizi degli anni '60 per il presidente John Kennedy, la preoccupazione principale era quella di non perdere il Vietnam come era successo con la Cina. Da anni gli Stati Uniti, lottavano contro l'espansione del Comunismo da parte dell'Unione Sovietica....
Superiori

Breve storia della guerra di secessione americana

Il primo esempio di conflitto totale si ebbe con la guerra di secessione americana; questo perché furono coinvolti milioni di soldati, alcuni dei quali privi di alcun tipo di addestramento, con la conseguente morte per migliaia di essi. Con l'evoluzione...
Superiori

Storia: la guerra dei Trent'anni

La guerra dei Trent'anni è stato uno dei momenti più caldi e difficili della storia europea. Questa guerra fu scatenata non solo da ragioni dinastiche e di potere ma anche da accese dispute religiose. Infatti nel XVI secolo la Riforma protestante aveva...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

Appunti di storia: la guerra di Etiopia

La guerra d'Etiopia o anche conosciuta guerra italo-etiopica si fa riferimento al conflitto sorto il 3 ottobre 1935 tra il Regno d'Italia l'impero di Etiopia a partire. Si concluse dopo ben sette mesi di combattimenti contraddistinti anche dall'utilizzo...
Superiori

Storia: la prima guerra d'indipendenza in Italia

1848. La storia della prima guerra d'indipendenza in Italia inizia con l'insurrezione dei democratici e repubblicani italiani, a seguito della notizia della caduta di Metternich e dei fatti di Vienna. Venezia si ribellò agli austriaci il 17 marzo, Milano...
Superiori

Storia: le origini della guerra fredda

Nel periodo seguente alla fine del secondo conflitto mondiale, per quasi 50 anni, la situazione politica generale venne fortemente compressa dallo scontro tra i paesi a regime comunista, guidati dall'Unione Sovietica e l'Occidente, capeggiato invece dagli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.