Storia: la guerra civile in Spagna

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Studiare gli eventi storici che hanno determinato il destino di un paese è importante per capire a fondo come si è evoluta quella determinata civiltà fino ad oggi, ciò che ne ha determinato l'assetto politico e sociale attuale. Tra gli avvenimenti più duri e importanti degli ultimi secoli c'è da ricordare la guerra civile in Spagna.
La guerra civile in Spagna, merita quantomeno una citazione, sia per come è nata, che per come si è svolta; iniziò dopo un pronunciamento (dichiarazione di opposizione) di un gruppo di generali delle Forze Armate spagnole repubblicane, sotto la guida di José Sanjurjo contro il governo eletto della Seconda Repubblica Spagnola (all'epoca sotto la guida del presidente Manuel Azaña). Il colpo ribelle fu supportato da una serie di gruppi conservatori, tra cui la Confederazione spagnola del diritto autonomo. Ma vediamo di approfondire ancora di più l'argomento e la storia.

25

La guerra civile spagnola fu combattuta dal 17 luglio 1936 fino al primo aprile 1939 tra i repubblicani fedeli alla Repubblica spagnoli e i nazionalisti che erano un gruppo di ribelli guidati dal generale Francisco Franco. Da un lato c'era il movimento di sinistra (noto anche come lealisti e repubblicani) che comprendeva operai, contadini e sindacati, ma anche il governo spagnolo in carica composto da una maggioranza di socialisti, comunisti e anarchici.

35

La guerra civile spagnola si rivelò feroce e sanguinosa; anche se le risorse umane e militari delle due parti non erano impari, i nazionalisti erano meglio organizzati e ricevettero aiuti strategici e materiali dalla Germania. I lealisti invece, ricevettero molto poco da parte dell'Unione Sovietica; questi erano divisi da conflitti interni tra: comunisti, socialisti e anarchici. Mentre i volontari europei e i nord americani combatterono per la difesa della Repubblica spagnola, nel quadro delle organizzazioni Internazionali, un certo numero di artisti stranieri ed intellettuali sostenne la causa lealista, tra cui Ernest Hemingway (che stava lavorando come giornalista e fotografo) e George Orwell (i nazionalisti alla fine la spuntarono dopo un bagno di sangue tra fratelli spagnoli).

Continua la lettura
45

La vittoria del generale Franco segnò l'inizio dei 40 anni di dittatura in Spagna (1939-1975). In seguito alla guerra civile spagnola, Hitler cercò il sostegno di Franco per la propria campagna militare, ma la Spagna non fu in grado di fornire né aiuti finanziari e né umanitari, a causa delle sostanziose perdite subite. Sotto il regime di Franco, la Spagna soffrì l'isolamento internazionale, anche se in modo contraddittorio. Francisco Franco fu nominato principe dal re Juan Carlos (ovvero come suo successore) e quindi futuro re di Spagna. Alla morte del dittatore avvenuta nel 1975 il Re Juan Carlos I fu incoronato ed il paese finalmente iniziò il processo di ritorno verso la democrazia.
Studiare la storia non solo è importante, ma anche interessante per capire come funzionano le cose attualmente. La guerra civile spagnola è un'avvenimento che ha segnato molto il popolo spagnolo, e conoscerne la storia può aiutarci a comprendere di più questa popolazione.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la guerra dei Trent'anni

La guerra dei Trent'anni è stato uno dei momenti più caldi e difficili della storia europea. Questa guerra fu scatenata non solo da ragioni dinastiche e di potere ma anche da accese dispute religiose. Infatti nel XVI secolo la Riforma protestante aveva...
Superiori

Storia: la prima guerra d'indipendenza in Italia

1848. La storia della prima guerra d'indipendenza in Italia inizia con l'insurrezione dei democratici e repubblicani italiani, a seguito della notizia della caduta di Metternich e dei fatti di Vienna. Venezia si ribellò agli austriaci il 17 marzo, Milano...
Superiori

Storia: le origini della guerra fredda

Nel periodo seguente alla fine del secondo conflitto mondiale, per quasi 50 anni, la situazione politica generale venne fortemente compressa dallo scontro tra i paesi a regime comunista, guidati dall'Unione Sovietica e l'Occidente, capeggiato invece dagli...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

Storia: la guerra fredda in breve

Esistono su internet dei riassunti di vari periodi della storia, che possono esserci di aiuto per riuscire a memorizzare i vari eventi accaduti. La storia è una materia molto importante sia per il nostro bagaglio culturale e sia perché, conoscendo...
Superiori

Storia: la guerra all'Iraq

La guerra all'Iraq è stata una delle più gravi crisi internazionali della storia recente e ha visto contrapporsi gli Stati Uniti e numerosi loro alleati, prima tra tutti la Gran Bretagna, contro il regime iracheno di Saddam Hussein. Nello scenario successivo...
Superiori

Storia: la Guerra dei Sei Giorni

Il Medio Oriente, dopo il crollo dell'impero turco (1918) era stato assegnato alla Francia e successivamente all'Inghilterra. Nel corso del secolo scorso con l'affermarsi del movimento sionista in Germania molti ebrei si rifugiarono in Palestina, territorio...
Superiori

Le conseguenze della guerra fredda

La guerra fredda è stato uno degli eventi più rilevanti e importanti del XX secolo, così rilevanti che gli effetti si fanno sentire ancora oggi.. Al termine della seconda guerra mondiale, le nazioni erano divise in due blocchi principali: il mondo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.