Storia: la decolonizzazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La storia della decolonizzazione ha inizio nel secondo dopoguerra. È un processo attraverso il quale una nazione, prima sottomessa ad una potenza coloniale, ottiene la propria indipendenza. Il periodo di colonizzazione più forte si ebbe negli anni che divisero i due conflitti mondiali, dopo che il Trattato di Versailles obbligò la Germania a ridistribuire i propri possedimenti coloniali. Questi e tanti altri territori occupati da stati stranieri, covarono per anni un desiderio di libertà che esplose dopo il secondo conflitto mondiale. La guida descriverà le tre fasi che hanno portato alla decolonizzazione.

24

Le potenze europee

Il rapporto fra le potenze europee e le colonie di certo non fu particolarmente equilibrato. Agli stati occupati, che “offrirono” il loro aiuto fornendo moltissimi uomini nelle due guerre mondiali, venne infatti promesso un forte progresso e una continua protezione. In realtà, nonostante la creazione di tante e necessarie infrastrutture, le grandi potenze coloniali pensarono soprattutto al loro interesse, speculando sulle coltivazioni e sfruttando la manodopera indigena. Così facendo stravolsero le attività di questi territori a loro vantaggio, impedendo agli indigeni di sviluppare un proprio sistema economico e costringendoli dunque ad abbandonare le loro uniche fonti di sostentamento, basate per lo più sull'allevamento e sulle coltivazioni, con il conseguente impoverimento di questi territori.

34

Il progresso

Tuttavia, il progresso culturale portato avanti dalle grandi potenze coloniali portò ad una presa di coscienza sempre maggiore, che portò i paesi sottomessi a ribellarsi al sistema coloniali. Lo fecero utilizzando le armi intellettuali che gli europei stessi gli avevano insegnato, facendo leva in particolar modo sulle idee nazionaliste e religiose.
A tal proposito la seconda guerra mondiali portò a maggior consapevolezza i popoli occupati. Nazioni come la Francia, l'Olanda, il Belgio, travolte senza troppi problemi dalla Germania, si trasformarono in stati da cui ci si poteva difendere facilmente agli occhi dei popoli occupati. Inoltre, le stesse due potenze che uscirono vittoriose dal conflitto, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica, erano, per motivi diversi, anticolonialiste.

Continua la lettura
44

Gran Bretagna

Gran Bretagna. Così come il Pakistan, che decise a sua volta di separarsi dall'India, per organizzarsi in uno stato a religione mussulmana. Fu poi la volta della Birmania e del Ceylon nel '48, anch'esse colonie degli inglesi e dell'Indonesia olandese nel '49.
La seconda fase riguardò invece gli anni cinquanta e gli Stati dell'Africa settentrionale. La Libia ottenne l'indipendenza dall'Italia nel '51, mentre molte altre nazioni, fra il '54 e il '56, si liberarono dell'occupazione francese (il Vietnam, la Tunisia, l'Egitto e il Marocco). La Malesia, invece, riuscì nel '57 e non senza difficoltà a sganciarsi dalla Gran Bretagna.
La terza fase, infine, ebbe inizio nel '57 e va fino al '65. Fu particolarmente pacifica, e nazioni come la Guinea e la Nigeria riuscirono ad ottenere la totale indipendenza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Organizzare Un Ripasso Di Storia Durante Il Periodo Estivo

Se durante il periodo estivo è necessario ripassare una materia dove nel corso dell'anno scolastico c'è stata una vistosa lacuna, ed in particolare la storia, bisogna saper organizzare il programma in modo da comprenderlo al meglio, e soprattutto farlo...
Superiori

Storia: le grandi dinastie inglesi

Se siete degli appassionati di storia studiarla e/o approfondirla sarà sicuramente molto interessante per voi. La storia vi sarà molto utile al giorno d'oggi, per accrescere la vostra cultura personale e comprendere in maniera più specifica il vostro...
Superiori

Storia: i moti rivoluzionari del '48

In questo articolo vogliamo cercare di dare delle informazioni perfette di storia, sui moti rivoluzionari del '48. Ecco come ebbe inizio la storia dei moti rivoluzionari del ' 48: mentre i governi continuavano la politica reazionaria della Restaurazione,...
Superiori

Breve storia dell'Impero romano

L'Impero Romano costituisce una delle fasi finali che riguardano la storia di Roma. Questo periodo storico si snoda per diversi secoli, durante i quali si susseguono numerose dinastie e tappe fondamentali che culminano poi nella caduta di Roma nel 476...
Superiori

La storia di Roma in breve

Roma, come è ben noto, possiede una storia antichissima. Secondo la tradizione la città si fondò il 21 aprile 753 a. C. e, nel corso dei suoi tre millenni di storia, può considerarsi la prima grande metropoli dell'umanità. La sua importante ed antica...
Superiori

Come studiare storia dell'arte

La storia dell'arte tratta le espressioni artistiche in relazione ai vari periodi storici. La prima volta che lo studente si approccia alla materia può trovarla difficile ed al tempo stesso noiosa. Lo studio della storia dell'arte può avvenire con metodi...
Superiori

Storia: la repubblica romana

Per storia della Repubblica Romana si intende il periodo storico in cui la forma di governo adottata da Roma fu la Repubblica. Tale periodo storico va dal 509 a. C. fino al 31 a. C., quando Ottaviano diede inizio all'Impero. Prima di quell'evento già...
Superiori

La storia di Achille in breve

La mitologia greca ha sempre affascinato la maggior parte degli studenti dalle scuole elementari fino agiungere agli atenei. Questo genere letterario racchiude in sé un gran numero di personaggi, luoghi e storie avvincenti. Come per molti altri personaggi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.