Storia: la Battaglia di Vienna (1683)

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La storia è ricca di eventi ed avvenimenti che in qualche modo hanno segnato il nostro presente.
Le guerre, senza ombra di dubbio, sono di quegli eventi che più di ogni altro hanno segnato l'antichità. Una delle battaglie più importanti del XVII secolo fu la battaglia di Vienna (1683). L'esito di questa battaglia ebbe un effetto profondo sul futuro di tutta l'Europa. Una guerra combattuta tra i Turchi, con circa quindici mila tartari dalla loro parte e gli europei meno numerosi e rappresentati dalla coalizione tra forze polacche, tedesche ed austriache. Ma vediamo più nel dettaglio e più approfonditamente gli scenari e la storia della Battaglia di Vienna.

25

Kara Mustafa guidava le forze turche

Kara Mustafa guidava le forze turche, un uomo ambizioso, ma che non era un generale molto buono a giudicare dal numero di battaglie che aveva perso. Jan Sobieski guidava le truppe avversarie. Il 21 maggio 1674, Sobieski venne eletto re a seguito dell’improvvisa morte del suo predecessore. Sobieski si rivelò subito un uomo intelligente, di gran talento militare e molto coraggioso.

35

Invasione dell'Austria e Re Leopoldo si rifugiò a Passau

Nel frattempo dal mese di marzo, i turchi si stavano preparando per un attacco alla capitale degli Asburgo (Vienna), e stavano radunando le loro forze militari piuttosto rapidamente. A giugno avevano già invaso l'Austria e re Leopoldo con tutta la sua corte si rifugiò a Passau. Il 14 luglio, i turchi arrivarono a Vienna e assediarono la grande città. I Viennesi anche per questo motivo si difesero coraggiosamente, nonostante il loro approvvigionamento alimentare e le munizioni erano diventate piuttosto scarse. I Turchi tentarono allora di perforare le difese viennesi ma, il loro sforzo risultò vano perché ostacolati dalle barricate erette dal popolo. All'inizio di quello stesso anno il 31 marzo 1683, venne firmato il trattato di Varsavia.

Continua la lettura
45

Battaglia di Vienna dell'anno 1683

Quando ordinò l’attacco e, sorprese Kara Mustafa, il generale Sobieski e la sua cavalleria pesante, insieme con la collaborazione di tutti gli alleati spazzò letteralmente via l’esercito turco conquistando una memorabile vittoria. Quest’ultima riusci’ a liberare definitivamente l'Europa dalla minaccia dei turchi ottomani regalando al cristianesimo il predomino religioso. Dopo la battaglia di Vienna Jan Sobieski entrò nella leggenda. Il re generale e il suo esercito polacco infatti divennero popolarissimi in tutto il continente. Abbiamo, quindi, visto un evento storico molto importante, come la Battaglia di Vienna avvenuta nel corso dell'anno 1683.

.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Purtroppo lo studio e la conoscenza sono alla base di tutto. Non esistono scorciatoie che possano in qualche modo aiutarvi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Superiori

Storia: il Regno Lombardo-Veneto

Il regno Lombardo-Veneto è uno Stato dipendente dall'Impero Austriaco: esso venne fondato nel 1814 a seguito del Congresso di Vienna, uno dei momenti chiave della storia moderna. I lombardi e i veneti, infatti, non sopportavano la politica austriaca,...
Superiori

Storia: la dissoluzione dell'Impero Ottomano

Il primo ventennio del Novecento è stato caratterizzato in Europa dall'avvento della Prima Guerra Mondiale, con conseguenze importanti per la storia di tutto il mondo. Trattative, conflitti e accordi tra le varie potenze hanno portato alla dissoluzione...
Superiori

Storia: la prima guerra d'indipendenza in Italia

1848. La storia della prima guerra d'indipendenza in Italia inizia con l'insurrezione dei democratici e repubblicani italiani, a seguito della notizia della caduta di Metternich e dei fatti di Vienna. Venezia si ribellò agli austriaci il 17 marzo, Milano...
Superiori

Stendhal e la Certosa di Parma

La Certosa di Parma è una delle opere di maggiore successo di Marie-Henri Beyle, anche noto come Stendhal. Tradizione vuole che il libro sia stato scritto tra il novembre ed il dicembre del 1838 in appena 52 giorni, durante i quali lo scrittore francese...
Superiori

Il Congresso di Vienna in breve

Il Congresso di Vienna fu una conferenza che si tenne tra la fine del 1814 e l'inizio del 1815 nel castello di Schoenbrunn, residenza estiva degli Asburgo, nell'allora capitale dell'Impero austriaco. Vi parteciparono le principali potenze europee dell'epoca...
Superiori

Le guerre d'Indipendenza: guida

La guida che svilupperemo, si occuperà di storia. Per essere più specifici, andremo a parlare di guerra, spostandoci indietro nel tempo fino all'ottocento, per trovare le guerre d'indipendenza. Cominciamo questo percorso interessante. Con l'espressione...
Elementari e Medie

La Seconda Guerra d'Indipendenza in breve

In questa guida verranno date nozioni informative circa la Seconda Guerra d'Indipendenza. In breveessa iniziò tra l'Aprile e il Luglio del 1859, ovvero in pieno Risorgimento. Venne combattuta dalla fazione sarda e francese contro quella austriaca. Fu...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.