Storia: la battaglia di Trafalgar

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'epica battaglia di Trafalgar, può essere annoverata, fra le più importanti battaglie riguardanti il Regno Unito, anche perché, è stata una battaglia, dove si è rivelata importante, l'immensa potenza navale dell'Inghilterra. È stato un conflitto molto sanguinoso, che ha sconvolto tutte le coscienze dell'epoca, diventando anche oggetto di romanzi, libri, di dipinti e addirittura, di rappresentazioni teatrali.
In questa guida, andremo a ripercorrere tutta la storia di questa battaglia, comprese le cause e le conseguenze che sono derivate da essa.

25

L'eroe di Trafalgar

La battaglia di Trafalgar, vide come protagonista indiscusso, il famoso ammiraglio inglese, Horatio Nelson, che si distinse per il suo coraggio, dando la vita, addirittura, in battaglia. Vincendo di misura contro le flotte navali di Francia e Spagna, Nelson divenne, dopo la battaglia, l'eroe nazionale, celebrato con la famosa colonna issata in suo onore, proprio nella piazza, omonima della battaglia, Trafalgar Square a Londra.

35

Luogo del conflitto

Il conflitto, doveva avvenire nel mar dei Caraibi, dove Villeneuve, confidava di potere spingere la flotta di Nelson, ma l'armata britannica, purtroppo, bloccò lungamente le navi franco-spagnole nel porto di Tolone, che riuscirono, pertanto, a sfuggire con difficoltà, dirigendosi in direzione dell'Oceano Atlantico, precisamente a Cadice, in Spagna, luogo, per l'appunto, della battaglia vera e propria.
Infatti, nel 20 Ottobre 1805 le navi inglesi, con in testa la Victory, la nave storica, comandata dall'ammiraglio Nelson, raggiunsero la compagine franco-spagnola e proprio qui, lo scontro ebbe inizio, all'altezza di Capo Trafalgar.

Continua la lettura
45

La sanguinosa battaglia

Le flotta britanniche, più numerose ed esperte in guerre marittime, giocando d'astuzia, grazie anche al forte carisma rappresentato da Nelson, colsero di sorpresa l'armata nemica con una manovra chiamata 'tocco alla Nelson', questa manovra, prevedeva, la disposizione delle navi su due colonne, innovativa, rispetto alla classica fila orizzontale. Lo scontro fu violentissimo e sanguinoso, infatti, ci furono innumerevoli morti, ciononostante, la vittoria inglese fu decisamente schiacciante. Come anticipato prima, lo stesso Nelson fu colpito a morte da un proiettile vagante, morendo poche ore dopo.

55

La finta tregua

Dopo la pace di Amiens, sottoscritta nel 1802, l'eterna rivalità tra Francia e Inghilterra, ebbe una battuta d'arresto, che però non fu duratura, perché già nell'anno seguente, si riaprirono, comunque, le ostilità. L'obiettivo britannico, infatti, era quello di aggredire e conquistare le colonie francesi e spagnole del nuovo Mondo. Infine, Napoleone, per impedire ciò, si alleò, con la Spagna, e con l'intenzione futura di invadere la Gran Bretagna.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la Battaglia di Lepanto

La Battaglia di Lepanto fu uno scontro della storia navale decisivo tra cristiani ed Ottomani che pose fine alle mire espansionistiche di questi ultimi. Si svolse nell'ottobre del 1571 in Grecia nelle acque di Lepanto, durante la guerra di Cipro, e vide...
Superiori

Le più grandi battaglie navali della storia

Il mare è stato teatro di molte contese e di molte battaglie. Quelle nazioni che nella storia sono riuscite ad avere il predominio di mari ed oceani si sono viste aprire grandi vie commerciali e di potere. Per questo motivo lungo tutto l'arco della storia...
Superiori

Storia: la Breccia di Porta Pia

Nel 1860, l'attuale Capitale d'Italia non apparteneva alla Penisola Italiana. A quei tempi Roma faceva parte del regno pontificio. Il territorio romano diventò una città italiana il 20 Settembre 1870, grazie ad un gruppo ben fornito di Bersaglieri e...
Superiori

Storia: Federico Barbarossa

L'imperatore Federico I, detto Barbarossa, è stato uno dei più importanti sovrani della storia europea, durante il Medioevo. Vissuto nel XII secolo, è stato imperatore del Sacro Romano Impero. Fu autore di molte battaglie per la conquista dell'Italia...
Superiori

Storia: La Repubblica di Venezia

La Repubblica di Venezia possiede una storia affascinante. Tutti gli storici italiani ed internazionali hanno cercato di comprendere come questa città avesse conseguito enormi successi in un'epoca buia per l'Italia e l'Europa, corrispondente al Medioevo....
Superiori

Storia: breve guida alla storia della pirateria

La guida che seguirà si concentrerà nel racconto della storia della pirateria, in quanto vi offrirà una breve sintesi su questo argomento interessante. Possiamo dire che i pirati siano dei personaggi che appartengono per lo più a racconti di fantasia,...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

Storia: le guerre puniche

La storia delle guerre puniche riguarda tre guerre combattutesi ferocemente, tra Romani e Cartaginesi, nel periodo storico tra il II e III secolo a. C. Per il predominio sul mar Mediterraneo. Tali guerre hanno rappresentato il primo vero conflitto tra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.