Storia: l'organizzazione sociale degli Egizi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La società egizia era divisa in caste ognuna delle quali rappresentava una classe sociale, ovvero un gruppo di persone impegnata a svolgere lo stesso tipo di attività o occupante lo stesso ruolo nella società. Si trattava di caste molto rigide dalle quali era praticamente impossibile spostarsi. Questa suddivisione aveva una struttura piramidale: a partire dal faraone, si scendeva gerarchicamente sempre più in basso. Man mano che si procedeva nella discesa, il numero degli appartenenti alle classi diventava sempre più numeroso a fronte di un sempre minore numero di privilegi e diritti, fino all'assenza totale di questi corrispondente all'ultima casta, quella degli schiavi. Vediamo più nello specifico, ripercorrendo la storia del tempo, come si presentava l'organizzazione sociale degli egizi.

25

Faraone e Scribi

Come accennato, in cima alla piramide si trovava il Faraone. Ritenuto dal popolo egizio figlio degli dei, godeva di un potere illimitato riconosciuto da tutta la popolazione. Sul gradino successivo si trovava la famiglia del faraone e le classi sociali privilegiate rappresentate da nobili, sacerdoti e comandanti dell'esercito. Queste stesse persone costituivano il governo ed erano esonerati da oneri di ogni genere. Tra tutti, primeggiava il primo ministro e consigliere del re. Ai sacerdoti spettavano l'amministrazione della giustizia e lo studio. Ad essi dobbiamo le principali scoperte in campo astronomico e matematico della loro civiltà.
Eccoci poi al gradino degli scribi, la classe amministrativa dello stato, composta da uomini capaci di leggere e scrivere. Tra le funzioni svolte da quasi tutti gli scribi compariva la riscossione delle tasse.

35

Soldati, Artigiani e Commercianti

I soldati ricoprivano un ruolo importante anche in tempo di pace. Erano infatti incaricati di sorvegliare il paese, oltre ad occuparsi dei lavori idraulici ed edili. Per questo godevano di molti privilegi che permettevano loro di arricchirsi e allargare i loro possedimenti.
Gli artigiani non arrivavano, solitamente, ad arricchirsi veramente, ma godevano di un certo benessere; tanto migliori erano le loro capacità lavorative, tanto più potevano aspirare alla fama e, quindi, dettare prezzi più alti.
I commercianti avevano la possibilità di viaggiare molto lungo le rotte del Nilo e diffondere le tendenze della capitale, contribuendo così alla creazione e alla crescita della civiltà egizia.

Continua la lettura
45

Contadini e Schiavi

Molto più in basso nella piramide sociale troviamo i contadini. Fonte di grande ricchezza e principale sostentamento dell'Egitto, non venivano ripagati giustamente di questa loro importanza per il paese e vivevano spesso in povertà, senza alcun privilegio. L'agricoltura occupava la maggior parte della popolazione.
Infine, gli schiavi occupavano l'ultimo gradino. Occorre però fare una distinzione: nei primi secoli della civiltà egizia non esistevano veri e propri schiavi, bensì uomini condannati dalla giustizia ai lavori forzati per motivi diversi. Soltanto nel II Millennio a. C., con le guerre di conquista, i prigionieri vennero trasformati in veri e propri schiavi. Privi di qualunque diritto, erano mera proprietà dei loro padroni come gli animali.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Storia: la struttura sociale dell'Antico Egitto

I funzionari di stato erano rappresentanti del faraone e il loro compito era quello di coadiuvarlo nell'amministrazione di diversi settori. L'esercito rappresentò un altro scalino fondamentale della gerarchia sociale. Nonostante non vi fosse presente...
Elementari e Medie

Storia: l'Italia Medievale

La storia è ricca di riferimenti importanti, ognuno segna una tappa fondamentale per il proseguire dello sviluppo umano, sociale e industriale che ha portato a quel tipo di società che oggi chiamiamo moderna. Ma il processo di evoluzione è stato molto...
Elementari e Medie

Appunti di storia: la civiltà egizia

In questa guida daremo alcuni appunti di storia sulla grande civiltà egizia. Stabilire con certezza il periodo in cui nacquero gli egizi è una cosa impossibile. Questo è dovuto al fatto che i reperti storici sono andati persi sotto i cumuli di limo...
Elementari e Medie

Come studiare la storia

Se si incontrano delle difficoltà nello studio della storia perché è difficile ricordare date, nomi di battaglie, generali e politici non bisogna disperare in quanto esiste una soluzione per tutto. La storia è molto importante; essa permette di conoscere...
Elementari e Medie

Come inventare una storia fantastica

Quello fantastico è un genere letterario che ci concede una moltitudine di libertà a livello narrativo. Il contenuto di un racconto di questo tipo può prevedere una serie di elementi irreali e paradossali che compongono una storia misteriosa e magica....
Elementari e Medie

I principali errori in un tema di storia

Quando si scrive su di un qualunque argomento non è mai così semplice come appare. Infatti capita molte volte di conoscere bene il fatto da descrivere, ma nel momento in cui le idee o i ricordi devono essere espressi con la scrittura, i dubbi e le incertezze...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare storia

Aiutare i bambini a studiare ed a svolgere i compiti per la scuola non è sempre necessario: alcuni bambini riescono, fin dai primi anni della scuola elementare, a sviluppare un proprio, semplice metodo di studio, con il supporto e le direttive dell'insegnante....
Elementari e Medie

Come memorizzare una lezione di storia

Studiare non è di certo un compito semplice, ma nonostante tutto si tratta di un impegno con cui tutti voi avrete dovuto fare i conti almeno una volta nella vita. Come ben saprete non si finisce mai di imparare, e dunque di studiare, al fine di imparare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.