Storia: l'età giolittiana in breve

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per descrivere l'età giolittiana in breve ci si deve riferire al periodo della storia Italiana che va dal 1901 al 1914. Nel 1901 il re Vittorio Emanuele III nominò presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli ed ad affiancarlo c'era, come ministro degli Interni, Giovanni Giolitti. Egli era un uomo pratico, moderato, esperto conoscitore della macchina burocratica statale grazie all'esperienza maturata negli anni. Dal 1901 al 1914 Giolitti esercitò un'influenza così autorevole sulla vita politica dell'Italia che questo periodo viene comunemente definito età giolittiana.

27

L'età giolittiana coincise con il decollo della rivoluzione industriale in Italia: i progressi più evidenti si registrarono nell'industria siderurgica, nell'industria elettrica e nell'industria meccanica. Lo sviluppo economico ed industriale dell'Italia, così come venne attuato sotto i governi di Giolitti, fu favorito da alcune condizioni particolari: in primo luogo, l'industria italiana fu fortemente aiutata dall'intervento statale, particolare importanza ebbero le varie commesse statali nel campo dei trasporti ferroviari che incentivarono la crescita nel settore meccanico e siderurgico. La politica protezionistica, attuata con l'imposizione di alte tasse sui prodotti esteri, favorì notevolmente lo sviluppò al Nord, mentre danneggiò il Sud che vide chiuse le porte dei mercati esteri per i propri prodotti tipici.

37

Nell'epoca giolittiana, all'interno del Partito socialista italiano, si formarono due correnti: i riformisti, guidati da Filippo Turati, ritenevano che si dovesse cambiare la società gradualmente, attraverso le riforme; i massimalisti, guidati da Costantino Lazzari e Benito Mussolini, ritenevano che per cambiare la società fosse necessario ricorrere alla rivoluzione. Giolitti più volte cercò l'appoggio dei riformisti, tanto da invitare a far parte del suo governo lo stesso Turati, che tuttavia non accettò.

Continua la lettura
47

Il modo di fare politico di Giolitti fu definito dal "doppio volto": aperto e democratico nell'affrontare i problemi al Nord, conservatore e corrotto nello sfruttare i problemi del Sud. Al Nord Giolitti consentì gli scioperi, varò anche alcune riforme che migliorarono le condizioni di lavoro degli operai e la lotta sindacale portò all'aumento dei salari dei lavoratori. L'azione del Governo nel Meridione, invece, ebbe carattere sporadico, con interventi spesso affidati a leggi speciali: per Giolitti il sud era un semplice serbatoio di voti da controllare e quindi molti contadini del Sud furono costretti ad emigrare all'estero.

57

Giolitti, spinto da interessi politici ed economici e dall'opinione pubblica, riprese la politica coloniale con la guerra in Libia: nel 1911 l'Italia dichiarò guerra alla Turchia e nel 1912, con il Trattato di Losanna, questa cedette la Libia. La più grande riforma democratica dell'età giolittiana fu l'approvazione, nel 1912, di una nuova legge elettorale, che introduceva il suffragio universale maschile, cioè la concessione del diritto di voto a tutti i cittadini maschi. Due anni più tardi, nel 1914, Giolitti preferì dare le dimissioni: la guerra in Libia e la crisi economica avevano indebolito il suo governo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Breve storia dell'Impero romano

L'Impero Romano costituisce una delle fasi finali che riguardano la storia di Roma. Questo periodo storico si snoda per diversi secoli, durante i quali si susseguono numerose dinastie e tappe fondamentali che culminano poi nella caduta di Roma nel 476...
Superiori

Storia: breve guida alla storia della pirateria

La guida che seguirà si concentrerà nel racconto della storia della pirateria, in quanto vi offrirà una breve sintesi su questo argomento interessante. Possiamo dire che i pirati siano dei personaggi che appartengono per lo più a racconti di fantasia,...
Superiori

La storia di Roma in breve

Roma, come è ben noto, possiede una storia antichissima. Secondo la tradizione la città si fondò il 21 aprile 753 a. C. e, nel corso dei suoi tre millenni di storia, può considerarsi la prima grande metropoli dell'umanità. La sua importante ed antica...
Superiori

La storia di Achille in breve

La mitologia greca ha sempre affascinato la maggior parte degli studenti dalle scuole elementari fino agiungere agli atenei. Questo genere letterario racchiude in sé un gran numero di personaggi, luoghi e storie avvincenti. Come per molti altri personaggi,...
Superiori

Breve storia della rivoluzione russa

La storia è una delle materie maggiormente importanti da studiare in quanto ci permette di avere una conoscenza del passato, facendo in modo di capire come siamo arrivati fino ai giorni nostri, però anche per conoscere quali sono stati gli errori fatti...
Superiori

Storia: la Seconda Repubblica Francese in breve

La storia francese è ricca di avvenimenti che hanno mutato profondamente il Paese e dei quali ancora oggi se ne risentono i colpi. Uno di questi eventi fu l'instaurazione della seconda repubblica. Si parla di seconda repubblica anche se in effetti questa...
Superiori

Storia: la lotta per le investiture in breve

La lotta per le investiture si è svolta nel medioevo e vide contrapposti Papato e Impero. La genesi di queste vicissitudini aveva radici profonde, legate proprio al concetto stesso di investitura: tramite cerimonia solenne, venivano concessi feudi, cariche,...
Superiori

Storia di Cartagine in breve

Cartagine è una città di antiche origini, oggi parte della Tunisia. Secondo le fonti più accreditate fu fondata nell'814 a. C, ci sono discordanze anche sulle sue origini ma in molti tendono a credere alla legenda secondo cui fu fondata da Didone,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.