Storia: il trattato di Schengen

Tramite: O2O 22/03/2020
Difficoltà: media
19
Introduzione

Il Trattato di Schengen ha come caposaldo l'abolizione di molte frontiere in Europa, garantendo la libera circolazione delle persone, senza necessità dell'esibizione di un passaporto. La sua storia inizia nel 1985 e prende il nome dalla città di Schengen, in Lussemburgo, dove l'accordo fu firmato. La storia del Trattato di Schengen mostra come nel corso degli anni esso abbia subito diverse variazioni nel numero dei paesi aderenti e delle norme che lo regolano. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi la storia di questo importante trattato, passando in rassegna le principali tappe della sua evoluzione.

29
Occorrente
  • Manuale di Storia per le Scuole Superiori
39

L'entrata in vigore

Il Trattato di Schengen, dal nome della località del Lussemburgo dove è stato firmato il 14 giugno 1985, dà vita ad un immenso e rivoluzionario spazio di libera circolazione per le persone. Solo per questo fatto, rappresenta dunque uno degli accordi di pace più significativi e importanti che siano mai stati stipulati tra gli stati sovrani del vecchio Continente. La sua entrata in vigore ha permesso che frontiere storicamente presidiate, invalicabili e insormontabili, venissero gradualmente eliminate. Scompariva così, dopo tantissimi anni, l'immagine di un' Europa "cortina di ferro", come la ebbe a definire in una sua celebre espressione lo statista britannico Winston Churchill al termine della Seconda Guerra Mondiale. Le norme del Trattato entrarono ufficialmente in vigore nel 1995.

49

Gli obiettivi del trattato

Il primo obiettivo del Trattato di Schengen fu quello di creare un singolo territorio, privo di frontiere, all'interno dell'Europa. Questi accordi furono integrati nel 1990 dalla Convenzione di Schengen, all'interno della quale furono definiti con maggiore dovizia di particolare i punti principali dell'accordo. Le norme del Trattato entrarono in vigore immediatamente dopo la sua ratifica: il principale effetto fu che i cittadini degli Stati firmatari ebbero la possibilità di iniziare a viaggiare liberamente da un paese all'altro senza la necessità del passaporto. La Cooperazione Schengen fu inserita all'interno del quadro legislativo dell'Unione Europea attraverso il trattato di Amsterdam del 1997.

Continua la lettura
59

Gli Stati aderenti

Inizialmente l'accordo fu firmato e ratificato da Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo e Olanda nel 1985. Prima che le frontiere fossero abolite nel 1995, anche la Spagna e il Portogallo aderirono ai contenuti del trattato. Nel 1997 fu la volta dell'Italia e dell'Austria, seguite nel 2000 dalla Grecia. I paesi del Nord Europa, come Norvegia, Islanda, Svezia, Danimarca e Finlandia, aderirono nel 2001. Nel 2007 altri nove Stati europei allargarono ulteriormente il lotto dei paesi firmatari. Ed ecco così l'adesione anche di Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Slovacchia e Slovenia. Infine, il Liechtenstein e la Svizzera furono gli ultimi Stati che ne entrarono a far parte: ciò avvenne nel 2008.

69

Il successivo Trattato di Amsterdam

Il resto è storia recente: attualmente sono ben 26 i Paesi facenti parte dell'area Schengen, la quale copre la maggior parte del territorio europeo. Ventidue di questi Stati sono membri dell'Unione Europea, i rimanenti quattro, invece, non ne fanno parte. Questi paese sono la Svizzera, il Liechtenstein, l'Islanda e la Norvegia. Gli Stati membri cercarono di incorporare tali regole nel contesto legale dell'Unione Europea attraverso il Trattato di Amsterdam. Ben presto, tuttavia, si rese necessario scegliere le disposizioni e le misure già adottate dagli Stati firmatari. Queste si dimostrarono infatti indispensabili se si voleva proseguire una ampia e accettabile formula di cooperazione europea globale. Per ciascuno di questi provvedimenti poi, venne definita la base giuridica corrispondente nei trattati europei.

79

Il contenuto degli accordi

Passiamo ora a definire il contenuto degli accordi più nel dettaglio. Il trattato offre libertà di movimento a circa 400 milioni di cittadini che, dunque, possono viaggiare nell'area di Schengen liberamente. Per quanto riguarda invece i cittadini non europei, questi possono ottenere un visto al costo di 99 euro per un soggiorno di ampia durata. Le altre principali norme di Schengen includono: regole comuni per chi attraversa i confini esterni all'Unione, incluso l'asilo politico; una potenziata collaborazione delle forze dell'ordine nel perseguimento di soggetti sospetti lungo i confini degli Stati membri; maggiore cooperazione nel combattimento del crimine; armonizzazione delle regole del visto di breve durata che garantiscono il diritto di soggiornare per circa tre mesi. Tutte norme che, di lì in avanti, rappresenteranno veri capisaldi per l'affermazione di regole ancor più democratiche in tutto il continente europeo.

89
Guarda il video
99
Consigli
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Storia: la seconda guerra balcanica

La seconda guerra balcanica fu combattuta nel 1913 tra la Bulgaria con i suoi alleati nella prima guerra balcanica (Serbia, Grecia e Montenegro, dall'altra), e la Romania con l'Impero Ottomano. Il conflitto scoppiò quando la Bulgaria, insoddisfatta della...
Elementari e Medie

Come studiare la storia

Se si incontrano delle difficoltà nello studio della storia perché è difficile ricordare date, nomi di battaglie, generali e politici non bisogna disperare in quanto esiste una soluzione per tutto. La storia è molto importante; essa permette di conoscere...
Elementari e Medie

Come inventare una storia fantastica

Quello fantastico è un genere letterario che ci concede una moltitudine di libertà a livello narrativo. Il contenuto di un racconto di questo tipo può prevedere una serie di elementi irreali e paradossali che compongono una storia misteriosa e magica....
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare storia

Aiutare i bambini a studiare ed a svolgere i compiti per la scuola non è sempre necessario: alcuni bambini riescono, fin dai primi anni della scuola elementare, a sviluppare un proprio, semplice metodo di studio, con il supporto e le direttive dell'insegnante....
Elementari e Medie

Come insegnare Storia dell'Arte ai bambini

La storia dell'arte è fondamentale per la formazione di un bambino, dato che sin da piccoli occorre saper apprezzare ciò che è bello. Inoltre l'arte permette uno sviluppo della capacità cognitive che va oltre il meccanismo della logica e della matematica....
Elementari e Medie

Storia del Colosseo

Uno dei monumenti più belli ed importanti di Roma è senza dubbio il Colosseo. Non per nulla quando si parla dell'impero romano e della sua storia viene in mente la sua magnificenza, la sua grandezza e la vastità territoriale. L'impero romano, è stato...
Elementari e Medie

Come insegnare la storia ai bambini

L'insegnamento può essere qualcosa di gratificante, se poi ciò viene fatto con i propri figli lo diventa ancora di più ed è una di quelle esperienze di vita che di certo non si dimenticano facilmente. La curiosità e l'essere svegli sono tra le qualità...
Elementari e Medie

I 10 papi più influenti della storia

Nel corso della storia della Chiesa si sono succeduti centinaia di papi (ben 266!) che, nel bene o nel male, hanno influito a volte in profondità nel decorrere degli eventi dell'uomo. Papi che sono stati in grado di creare un rapporto molto forte con...