Storia: il Piano Marshall

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'European Recovery Program, meglio conosciuto come Piano Marshall, è un piano di interventi politico-economici varato nel 1947 dagli Stati Uniti e diretto a coinvolgere direttamente Washington nella ricostruzione dell'Europa post bellica. In effetti fu un potente incentivo a risollevarsi per tutto l'occidente, compresa l'Italia che beneficiò di 1.300 milioni di dollari. Unico Paese a non accettare l'aiuto fu l'Unione Sovietica, preoccupata delle conseguenze di un simile intervento americano, specie sulla sovranità e sull'indipendenza dei singoli stati. Nei passi successivi, in particolare, vedremo una parte importante della storia: "Il Piano Marshall".

26

Occorrente

  • Leggere con attenzione la guida.
36

Discorso ai neolaureati

Il 5 giugno 1947, il segretario di Stato americano George Marshall, tenne un discorso per salutare i neolaureati di Harvard dalle scale della Memorial Church. In quella occasione, pur non entrando nel merito fornendo dati precisi, rese pubblica l'intenzione degli Stati Uniti di elaborare un piano di intervento in Europa finalizzato al supporto economico e politico della ripresa e che potesse anche essere il primo tassello per la realizzazione del progetto, allora ancora utopico, di Europa unita.

46

Conferenza con Francia, Inghilterra e Russia

Tra il 27 giugno e il 2 luglio del 1947 si svolse a Parigi una Conferenza a tre, tra i ministri degli esteri di Francia (Georges Bidault), Inghilterra (Ernest Bevin) e Russia. La delegazione russa, composta da 300 membri e guidata dal ministro Molotov, giunse a Parigi per discutere del piano proposto dagli USA, ma abbandonò ben presto il tavolo accusando gli interlocutori di tramare con gli americani allo scopo di dividere in due l'Europa e isolare la Russia. Terreno dello scontro fu la configurazione degli aiuti, che Molotov chiedeva fossero attribuiti sulla base di piani specifici per i singoli Stati, mentre inglesi e francesi configuravano come progetto complessivo.

Continua la lettura
56

Conferenza aperta a tutti gli Stati coinvolti

Il 12 luglio 1947 Bidault e Bevin, in accordo con gli Stati Uniti, convocarono a Parigi una Conferenza aperta a tutti gli Stati coinvolti, ad eccezione di Urss e Spagna, al fine di predisporre il programma di aiuti da presentare poi a Washington. Nessuno dei Paesi appartenenti al blocco orientale partecipò, principalmente per non contrapporsi alle posizioni espresse dalla Russia. I lavori della Conferenza si protrassero fino a settembre, evidenziando la difficoltà di riunire tutti attorno ad un unico progetto. Si riuscì però a raggiungere un accordo e a presentare un piano di richieste complessivo del valore di 22 miliardi di dollari, senza accantonare totalmente le esigenze dei singoli Stati.

66

Fine del Piano Marshall

Il piano Marshall terminò ufficialmente nella primavera del 1951. La scadenza era già stata prevista, ma non si può non considerare che altri avvenimenti vi concorsero: in primo luogo la vittoria del Partito Repubblicano alle elezioni per il Congresso nel 1950 aveva raggelato gli entusiasmi per i buoni risultati ottenuti fino a quel momento. In oltre lo scoppio della seconda guerra di Corea richiedeva ormai che pensieri e risorse americane si concentrassero altrove.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la ricostruzione nell'Italia reppubblicana

La Guerra Fredda che si inasprì, provocò la caduta del Governo Italiano che era presieduto da Parri Ferruccio e che, nel dicembre dell'anno 1945, venne sostituito da Alcide De Gasperi, democristiano. Quest'ultimo, affidò il ministero della giustizia...
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Appunti su Italo Calvino

Ora tratteremo uno degli scrittori più importanti del 1900 in Italia, ovvero Italo Calvino. Attraverso le due guerre mondiali, Calvino assunse uno spazio importante come voce di spicco della cultura italiana, proseguendo poi nel dopoguerra. Al confine...
Maturità

Come realizzare uno schema sulla seconda guerra mondiale

In questa bella guista storica, vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono degli studenti delle scuole o anche perché serve al proprio lavoro. Ecco perché abbiamo pensato di proporre il modo sul come poter realizzare uno schema, semplice e veloce,...
Superiori

Il Congresso di Vienna in breve

Il Congresso di Vienna fu una conferenza che si tenne tra la fine del 1814 e l'inizio del 1815 nel castello di Schoenbrunn, residenza estiva degli Asburgo, nell'allora capitale dell'Impero austriaco. Vi parteciparono le principali potenze europee dell'epoca...
Superiori

Appunti di Storia: la fine della prima guerra mondiale

In questa guida illustreremo gli Appunti di Storia inerenti la fine della prima guerra mondiale. La prima guerra mondiale finì nel 1918. I cambiamenti territoriali e politici impressi da questo primo conflitto segnarono in maniera determinante le nazioni...
Superiori

Appunti di letteratura inglese: Thomas Stearns Eliot

La letteratura inglese, sin dalla sua nascita, ha sempre contribuito a cambiare profondamente lo scenario letterario ed artistico europeo, tramite i suoi importantissimi esponenti, che hanno caratterizzato secoli e secoli di letteratura. Agli inizi del...
Superiori

Storia: il patto di Londra

Il Patto di Londra fu un trattato segreto, stipulato il 26 Aprile 1915, tra l'Italia e i governi della Triplice Intesa (Gran Bretagna, Francia, Russia) poco dopo lo scoppio della Prima Guerra Mondiale (luglio 1914). Con tale documento, l'Italia tradiva...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.