Storia: i moti rivoluzionari del '48

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo cercare di dare delle informazioni perfette di storia, sui moti rivoluzionari del '48. Ecco come ebbe inizio la storia dei moti rivoluzionari del ' 48: mentre i governi continuavano la politica reazionaria della Restaurazione, fasce sempre più ampie di popolazione aspiravano a un'Italia unita e indipendente. Un tale risveglio politico dell' Italia fu favorito anche dal risveglio economico che si manifestò dopo il 1830, soprattutto grazie allo sviluppo industriale, non paragonabile comunque a quello delle maggiori nazioni europee sia per la scarsità del carbone unica fonte di energia impiegata allora nell'industria, sia per l'interesse rivolto prevalentemente all'agricoltura e al commercio.
Vediamo insieme come fare per studiare questa parte della storia, che è sempre fondamentale sapere.

26

Occorrente

  • conoscenza di base
  • libri di storia
  • voglia d'imparare
36

La creazione della giovine Italia

Nonostante ciò erano abbastanza floride le industrie tessili delle regioni settentrionali ed erano sorte le prime industrie metallurgiche. C' era il problema di come ottenere l' unificazione e su ciò si aprì un vivace dibattito, caratterizzato da posizioni spesso contrapposte. Inizialmente si affermò la linea politica di Giuseppe Mazzini (1805-1872), il quale riteneva che solo una rivoluzione popolare potesse unificare il paese, dando vita ad una repubblica democratica, basata sul suffragio universale e su una più equa distribuzione della ricchezza. A tal fine creò la Giovine Italia, un'associazione destinata a diffondere il suo programma tra i giovani e a organizzare l' insurrezione armata. Di fronte però all'insuccesso dei primi moti mazziniani, la strategia insurrezionale venne giudicata inefficace, anche perché troppo lontana dalla mentalità cattolica della popolazione italiana.

46

Programma republicano mazziano

In questo periodo si affermarono correnti molto moderate, ad esempio quella di Vincenzo Gioberti oppure quella di Cesare Balbo e di Massimo D'Azeglio. Contro il moderatismo di Gioberti e di D' Azeglio e l ideale unitario di Mazzini si schieravano i liberali radicali, tra i quali vi erano Giuseppe Ferrari e Carlo Cattaneo, che si erano formati nell'ambito del programma repubblicano mazziniano. Avevano come principale obiettivo la formazione di una repubblica federalista fondata sulla sovranità popolare e sull'uguaglianza sociale.

Continua la lettura
56

Il regno di Sardegna

Nel regno di Sardegna Carlo Alberto di Savoia, dopo aver dimostrato simpatie per i liberali e per la causa patriottica, era tornato alla linea conservatrice dei suoi predecessori, reprimendo duramente i moti liberali e rafforzando l' ingerenza del clero nella vita politica piemontese. Adottò alcune riforme modernizzatrici ispirate non tanto al programma liberale, quanto al dispotismo illuminato settecentesco: migliorò il sistema scolastico, diede impulso all'agricoltura e al commercio e sviluppò le vie di comunicazione. Per attuare il suo riformismo moderato si circondò di intellettuali liberali, come Balbo, Gioberti, e d' Azeglio, sotto la cui influenza maturò una posizione anti-austriaca, motivata soprattutto da un disegno espansionistico.
Ed ecco che in pochi passi ed in poche nozioni, anche noi potremo conoscere meglio come sono avvenuti i moti rivoluzionari del periodo '48.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La Prima Guerra d'Indipendenza in breve

Capire meglio ciò che siamo diventati oggi, le scelte dei nostri avi,, questo è il motivo per cui studiamo la storia; dopotutto, proprio tali scelte hanno decretato il destino e il disegno politico e sociale del nostro paese, l'Italia. È una lunga...
Superiori

L'Unità d'Italia in breve

L'Unità d'Italia non fu facile e, gli avvenimenti storici che portarono a questa unione, si protrassero per gran parte del 1800. Caduto Napoleone, si riunì il Congresso di Vienna (1814-1815) per dare all'Europa un nuovo assetto. Esso si propose di...
Superiori

Il Risorgimento italiano: guida

Il Risorgimento italiano è un periodo storico molto importante per la nostra Nazione. Esso infatti ci ha portato alla formazione dello Stato unitario italiano per mezzo dei maggiori esponenti di quel periodo. Il RIsorgimento si concluse con l'occupazione...
Superiori

Giuseppe Garibaldi in breve

Giuseppe Garibaldi è una delle figure di spicco del Risorgimento italiano, noto soprattutto per il suo impegno nella lotta all'unità di Italia concretizzato con la spedizione dei Mille. È uno dei personaggi storici italiani più celebri al mondo, conosciuto...
Superiori

Appunti di storia del Novecento

In questa guida verranno date utili informazioni su alcuni appunti di storia del novecento. Esso è stato un secolo molto particolare, contraddistinto da conflitti globali, grandi rivoluzioni politiche e tecnologiche e da un lungo periodo di confronto...
Superiori

Guida alla storia della Carboneria

Nell'apprendimento o nella lettura della storia italiana, troveremo ampi capitoli, tante pagine su cui soffermarci e leggere per capire chi siano stati e che cosa abbiano compiuto i personaggi o meglio conosciuti, i moti Carbonari. Infatti, questo particolare...
Elementari e Medie

Le cause della prima guerra di Indipendenza

Tutti i moti rivoluzionari durante il corso del 1848 sconvolsero pesantemente tutta la penisola oltre che l'Europa scatenando un frastuono generale che sconvolse causando un moto ampissimo fatto di terre, cultura, religioni e società diverse tra loro...
Superiori

Storia: le cinque giornate di Milano

L'Italia è un Paese ricco di storia e di avvenimenti importanti che ne hanno modificato la cultura e il carattere. Uno dei momenti storici che senza dubbio a contribuito più di altri a rendere l'Italia quella che conosciamo oggi è il Risorgimento....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.