Storia: gli Etruschi

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La storia degli Etruschi non è ancora completamente definita, poiché sono arrivate ai giorni nostri delle notizie piuttosto discordanti. Alcuni studiosi infatti ritengono che questa popolazione abbia abitato da sempre la penisola italica. Altri invece affermano che si insediarono in Italia partendo da nord, passando attraverso le Alpi. Le origini della loro lingua sembra decisamente differente rispetto a quelle parlate dalle popolazioni indoeuropee; anche per questo vi è la possibilità che essi non fossero un popolo indoeuropeo. Se siete interessati a questo argomento, qui di seguito vi sarà spiegato nella maniera più chiara e comprensibile possibile cosa c'è da sapere sulla cultura etrusca.

27

Occorrente

  • Volontà di apprendere
37

L'insediamento

Nell'850 a. C. Circa gli Etruschi cominciarono ad insediarsi in quella regione che da loro prese il nome di Etruria e che corrisponde all'attuale Toscana. Nel corso di due o tre secoli allargarono i loro domini a gran parte dell'Italia; occuparono cioè gran parte delle zone della Pianura Padana e fondarono parecchie città, esistenti ancora oggi. In poco tempo incontrarono proprio le colonie greche nel Mediterraneo. Proprio contro i Greci si tenne uno scontro nelle acque di Alalia e gli Etruschi vinsero.

47

Il consolidamento

Il totale sfruttamento delle miniere della Toscana fornivano la materia prima all'industria metallurgica etrusca, una delle basi della loro prosperità. I preziosissimi monili d'oro e d'argento arricchivano le case e l'esistenza quotidiana dei ricchi, ed alimentavano anche una proficua esportazione; cominciò così il periodo d'oro degli Etruschi. Per alcuni secoli dominarono la scena. Mentre però l'esistenza quotidiana diventava sempre più splendida e fastosa, veniva pesantemente intaccata la potenza politica e militare etrusca.

Continua la lettura
57

La fine

Nel 509 a. C. Circa Roma cacciò l'ultimo rappresentante del gruppo etrusco dei Tarquini, come Tarquinio Tasso che governò Roma nella veste di uno dei sette re. Nel 474 a. C. I Greci di Siracusa vendicarono nelle acque di Cuma la sconfitta di Alalia e distrussero la flotta etrusca. Intorno al 396 a. C. Veio, la più ricca e potente città etrusca, venne conquistata dai Romani, che successivamente occuparono tutta l'Etruria meridionale. Pressoché contemporaneamente i Celti-Galli dell'Italia settentrionale cacciarono gli Etruschi dalla Pianura Padana. Nei decenni successivi si completò purtroppo la conquista della penisola italica da parte dei grandiosi Romani. Così gli Etruschi e la loro civiltà si mescolarono alla civiltà e alle culture che Roma teneva insieme nel suo immenso Impero.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate il più possibile informazione su questo interessante popolo e ripetete con calma, in modo da ricordare tutto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

I sette re di Roma

La storia romana è composta da diverse età; con età si va ad indicare un certo periodo di tempo che caratterizza la vita di un uomo o di una civiltà. Studiare i sette re di Roma significa studiare il periodo storico più antico della città che parte...
Superiori

Storia: la repubblica romana

Per storia della Repubblica Romana si intende il periodo storico in cui la forma di governo adottata da Roma fu la Repubblica. Tale periodo storico va dal 509 a. C. fino al 31 a. C., quando Ottaviano diede inizio all'Impero. Prima di quell'evento già...
Elementari e Medie

Le pianure in Italia

La penisola italiana, immersa nel mare, oltre alle catene montuose delle Alpi e degli Appennini e alle colline, possiede numerose pianure. Esse si distendono per svariati chilometri quadrati e caratterizzano l'aspetto fisico ed economico del Paese. Le...
Superiori

Geografia regionale in sintesi

La penisola italiana è costituita da 20 regioni, di cui 5 a statuto autonomo. La nascita delle regioni italiane va ricondotta al 1970, quando è avvenuta l'istituzione delle regioni a statuto ordinario. Bisogna però ricordare che la base per questa...
Elementari e Medie

Le principali pianure italiane

Le pianure italiane si differenziano molto tra di loro, in relazione alla loro origine. Le pianure strutturali sono così chiamate poiché sono nate dal sollevamento di alcuni fondali marini, mentre invece le pianure alluvionali derivano dall'avanzamento...
Elementari e Medie

I fiumi più lunghi in Italia

Per la sua conformazione geografica, l'Italia è un paese caratterizzato da molti fiumi anche se distribuiti a macchia di leopardo nelle varie regioni. I più lunghi si trovano nelle zone settentrionali e centrali poiché il clima è piuttosto piovoso,...
Elementari e Medie

La Spedizione dei Mille

La spedizione dei Mille è una delle pagine più gloriose ed interessanti della storia della penisola italica e non solo. Ha segnato infatti una nuova era per lo stato italiano ma anche per l'assetto del potere europeo. Dall'unione del regno delle Due...
Superiori

Letteratura del XIV secolo

“Umanesimo” è un termine che deriva dal latino “studia humanitatis”. Fin dalla denominazione si vuole indicare un genere di studio, un'educazione di tipo letterario e filosofico volta ad una formazione completa dell'uomo. Nel corso del XIV secolo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.