Storia: fascismo e nazismo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Nazismo e fascismo nascono basandosi sulle stesse ideologie e pertanto mostrano alcune caratteristiche comuni. Erroneamente spesso i termini vengono utilizzati come sinonimi l'uno dell'altro, le differenze tra le due ideologie sono determinanti e li rendono due correnti di pensiero completamente differenti. Di seguito brevi cenni della storia delle due ideologie.

24

Il NAZISMO nacque in Germania e nel 1933 l'esponente massimo di questa ideologia salì al potere: Adolf Hitler. Sebbene ponesse le sue basi sul pensiero fascista, il nazismo non considerava lo Stato come ente supremo, bensì come un mezzo che potesse permettere il raggiungimento della supremazia della razza. Come ben deducibile da motto "Ein Völk, Ein Reich, Ein Führer" (un solo popolo, un solo stato, un'unica guida politica), il nazismo puntava all'unificazione dei popoli germanici sotto la guida della dittatura di Hitler, che considerava le piccole comunità religiose, gli stranieri, le minoranza etniche, etc. Come elementi che rendevano "debole" il paese e che andavano quindi eliminati. In seguito l'ideologia della razza suprema si evolse esplodendo nella ricerca di una razza pura, la razza ariana, con i noti tratti fisici nordici, gli occhi azzurri ed i capelli biondi.

34

Il razzismo, nato nella Germania nazista si diffuse anche in Italia verso la fine degli anni '30. Mussolini continuò ad esprimere pubblicamente la sua benevolenza nei confronti ebrei residenti in Italia, descrivendoli come cittadini modello e valorosi soldati e accolse i profughi ebrei fuggiti dallo sterminio e dalle persecuzioni in atto in Germania, nonostante su alcuni giornali fascisti iniziarono a comparire tesi secondo le quali gli ebrei volevano "conquistare il dominio del mondo". La questione ebraica rimase ambigua per molti anni, finché nel 1938 anche lo stato italiano prese la sua posizione emanando una serie di leggi discriminatorie nei confronti degli ebrei, sostenendo che gli italiani appartenevano alla razza ariana e che non doveva essere "contaminata" dagli ebrei, allineandosi con il pensiero nazista.

Continua la lettura
44

Il FASCISMO nacque in Italia nel XX secolo come partito sindacale promosso e ideato da Benito Mussolini. Con la "Marcia su Roma" (1922) e in seguito a pressioni e ricatti sul governo e la monarchia, al fascismo fu riconosciuta l'identità di partito da Re Vittorio Emanuele III. Dopo alcuni anni il fascismo si impose come dittatura (1925), utilizzando la forza e la violenza per mantenere il controllo sulla popolazione: secondo l'ideologia fascista lo Stato era un'entità suprema ed il popolo era obbligato ad omologarsi alla cultura dominante, rinunciando alla propria individualità, ai propri pensieri e alle proprie idee. Lo Stato si pose anche come forza economica, eliminando le attività private e rendendole pubbliche.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: lo sviluppo del nazismo

Nei passaggi che compongono la guida che segue vi saranno spiegate le dinamiche che hanno condotto la nostra civiltà ad uno dei momenti più cupi e terrificanti della storia umana: lo sviluppo del Nazismo. Nell'anno 1920, il Partito operaio tedesco si...
Superiori

Storia: la caduta del Nazismo

La storia del Novecento ha risentito molto degli intrecciati e strategici giochi di potere, che hanno caratterizzato poi, in modo inesorabile, tutto il panorama europeo e mondiale del tempo. Importanti variazioni sullo stato economico, modificazioni sociali...
Elementari e Medie

Il Novecento: dalla Belle Epoque agli anni '90

La storia è una particolare materia che studia tutti gli eventi che sono successi nel corso degli anni passati fino ad arrivare ai nostri giorni, facendo uso di fonti. La storia è una disciplina molto importante da conoscere, perché ci consente di...
Superiori

la seconda guerra mondiale in pillole

In questa breve guida vi illustrerò brevemente la Seconda Guerra Mondiale, dividendo i fatti di primaria importanza in pillole, affrontando le diverse tematiche del conflitto e in particolare le politiche espansionistiche.Partiamo dal presupposto che...
Superiori

Conseguenze della seconda guerra mondiale

Come ben sappiamo la seconda guerra mondiale fu uno dei periodi più bui, se non il più buio, della storia dell'umanità. Coinvolse non solo stati europei quali Italia, Germania, Inghilterra, Francia ma anche gli Stati Uniti, Cina, il Giappone e la Russia....
Superiori

Adolf Hitler: biografia

Il massimo esponente del nazismo tedesco, Adolf Hitler, fu un uomo piuttosto sanguinario, uccidendo migliaia di persone per ottenere la cosiddetta "razza pura". Proprio per la sua inumanità e durezza di carattere, il suo nome rimase impresso nella storia...
Superiori

Come fare un tema sul diario di Anna Frank

Il tema scolastico viene affidato agli studenti per valutarne le capacità lessicali e riassuntive. Inoltre, contribuisce a sviluppare riflessioni profonde su un argomento storico oppure d'attualità. Per uno svolgimento corretto, devi seguire una scaletta...
Maturità

Mappe concettuali per la maturità: idee

Gli esami della maturità sono vicini e ci si appresta a preparare tutto il materiale per l'ultimo step dell'esame: la prova orale. Per arrivare pronti alla prova orale bisogna avere bene in mente tutti i concetti e gli argomenti studiati durante l'anno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.