Storia della psicologia: appunti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Molto spesso quando studiamo alcune materie, potremmo aver bisogno di approfondire ulteriormente un particolare argomento in modo da riuscire a comprenderlo in maniera più semplice e corretta.
Su internet potremo trovare molto facilmente tantissime informazioni all'intero di varie guide ed appunti messi a disposizione da utenti di ogni parte del mondo e che ci forniranno un utilissimo supporto per lo studio della materia di nostro interesse.
Nei passi successivi, in particolare, vedremo una serie di appunti che riguardano al storia della psicologia.

25

Occorrente

  • Leggere con attenzione la guida.
35

Psicologia dinamica, psicoanalisi

Agli inizi del XX secolo a Vienna nasce la Psicoanalisi con Freud, il quale parla di cose nuove. La psicologia è dinamica perché esistono forze e attività psichiche chiamate pulsioni che possono entrare in conflitto; il conflitto psichico è un conflitto tra desiderio e difesa verso un oggetto. Per Freud l'Es è la parte irrazionale di noi, il Super-io è la nostra razionalità e l'Io è il mediatore. Psicologia analitica: Jung, discepolo di Freud, rielaborò il concetto di libido da quella di pulsione prettamente sessuale ad un concetto di energia psichica più ampia. Questo causò una scissione con il movimento psicoanalitico e nel 1913 Jung fondò a Zurigo la psicologia analitica.

45

Psicologia individuale

Fondata da Adler, la psicologia parla di organo psichico, cioè un insieme di forze di natura psichica finalizzate all'adattamento dell'individuo al suo ambiente. La crescita psichica per lui si realizza attraverso il superamento del sentimento d’inferiorità attraverso la psicoterapia. Cognitivismo: nasce negli anni '60 e c'è un cambio con le tendenze precedenti; viene analizzato qualunque processo mentale attraverso il metodo scientifico, con le nuove macchine. Per loro i processi mentali si sviluppano in relazione allo sviluppo individuale e l'essere umano è attivo, costruisce la propria realtà.

Continua la lettura
55

Strutturalismo

Nasce con Wundt, il quale fondò il primo vero movimento psicologico; trasformò la psicologia da filosofia a scienza e viene fondato il primo laboratorio a Lipsia nel 1878. Conosciuto per i suoi esperimenti con gli aghi, egli dedusse che le persone elaborano in modo differente. È molto importante analizzare la struttura della mente attraverso l'introspezione, esaminando cosa ci sia dentro un individuo. Questo movimento continua con Titchener, il quale dice che non si possono comprendere tutte le menti in quanto alcuni sono difficili da capire, ad esempio i bambini o persone con disturbi mentali. A questo punto, per riuscire a conoscere tutto ciò che riguarda la storia della psicologia, non dovremo fare altro che leggere i passaggi riportati in precedenza. In questo modo sarà molto più semplice riuscire a comprendere tutti i vari passaggi storici che hanno portato all'attuale psicologia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di psicologia infantile

Sigmund Freud è un noto neurologo e psicoanalista austriaco che viene considerato come il "padre dalla Psicoanalisi". Tuttavia, per psicoanalisi si intende il percorso esplorativo dei processi mentali che vengono ritenuti inaccessibili con metodi tradizionali....
Superiori

Appunti di storia medievale

Medioevo significa, alla lettera, "età di mezzo". Il termine viene utilizzato, con valore negativo, da alcuni intellettuali del 1300. Per questi studiosi, amanti dei classici latini, si trattava di un periodo buio, lontano dai modelli dall'antica arte...
Superiori

Appunti di storia sull'Inghilterra Vittoriana

Tra i periodi più affascinanti della storia moderna vi è l'epoca denominata "Victorian Age". Con il termine "Inghilterra Vittoriana" si intende il periodo storico e sociale che va dal 1838 al 1901, arco di tempo in cui la Gran Bretagna fu caratterizzata...
Superiori

Appunti di storia: la rivoluzione di Luglio

Dallo scoppio della rivoluzione francese nel 1789 l'Europa si era profondamente trasformata. La Restaurazione quindi non poteva essere un ritorno integrale al passato, in quanto in molti paesi c'erano stati dei mutamenti irreversibili. In Francia, ad...
Superiori

Appunti di storia greca: Sparta e Atene

Fra le molte città-stato della Grecia, due furono più potenti e rappresentative delle altre: Sparta, città di terraferma, oligarchica e chiusa, orientata all'arte della guerra; Atene, città marittima e commerciale, destinata a sviluppare forme democratiche...
Superiori

Appunti di storia: l'epoca vittoriana

L'epoca vittoriana si riferisce al periodo in cui regnò la regina Vittoria; fu un lungo periodo di pace, di sensibilità raffinata e di nazionale auto-fiducia per la Gran Bretagna. Alcuni studiosi datano l'inizio dell'epoca vittoriana in termini di preoccupazioni...
Superiori

Appunti di storia romana: le origini

Le origini di Roma sono avvolte nella leggenda. Miti antichi narrano di un re fondatore discendente dell'eroe troiano Enea: Romolo, figlio di un dio e salvato alla nascita da una lupa. Secondo la tradizione, altri sei re (gli ultimi tre etruschi), guidarono...
Superiori

Appunti di storia: gli ittiti

Il popolo degli Ittiti rappresenta la prima civiltà indoeuropea che conosciamo. Tra il II e il I milennio a. C, sottomisero le popolazioni stanziate nella striscia di terra a ridosso delle coste del Mediterraneo, cioè nella regione dell'Anatolia (Terra...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.