Storia della fisica: crisi della fisica classica

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Sul finire dell'Ottocento i problemi legati all'universo sembravano del tutto risolti. Negli ultimi decenni del secolo, però, a causa dell'avanzamento del sapere teorico e dello sviluppo delle tecniche di misura in laboratorio, esplosero nuovi problemi connessi alla radiazione catodica e al corpo nero. È da qui che parte la crisi della fisica classica. Nella seguente guida, passo dopo passo, ci soffermeremo sulla storia della fisica, in particolare sulla crisi della fisica classica.

26

Prime critiche alla fisica classica

Negli anni che seguirono furono condotti un gran numero di esperimenti atti a dare le prove definitive di come la fisica classica non spiegasse molti fenomeni. Un esempio può essere dato dal fenomeno dell'effetto fotoelettrico che, come per il corpo nero, non è spiegabile con l'elettromagnetismo classico. Fu Einstein che, dopo aver ipotizzato l'esistenza dei fotoni, ovvero i quanti di luce, e dopo aver introdotto le basi della teoria della relatività ristretta, nel 1905 risolse questo problema dandone una spiegazione teorica e ribaltando in modo radicale l'interpretazione della natura della luce che si era affermata con Maxwell.

36

Evoluzione della crisi

I fenomeni gravitazionali erano perfettamente descritti dalla teoria di Newton; la teoria termodinamica, permetteva di capire i fenomeni termici, ed aveva agevolato un ulteriore evoluzione, infatti era possibile costruire macchine sempre più efficienti ed affidabili; Maxwell non solo descrisse in maniera categorica i fenomeni elettrici e magnetici, ma risolse anche il problema della natura della luce, causa di molti dibattiti. Quindi, non ci si aspettava che la fisica avrebbe subito una totale rivoluzione.

Continua la lettura
46

Definitivo declino

Varie furono le nuove ipotesi a supporto di questa nuova era della scienza. Nel 1860 il tema del corpo nero iniziò ad assumere una certa rilevanza quando Gustav Robert Kirchhoff individuò l'universalità nella legge che governava l'emissione di energia da parte di una classe particolare di corpi ideali. Infatti, nel 1859, giunse alla conclusione che tutti i corpi naturali fossero caratterizzati da specifici rapporti tra potere di emissione e potere di assorbimento per radiazioni con determinate lunghezza d'onda e temperatura. L'ultimo ventennio dell'Ottocento fu aperto da due grandi risultati. Il primo, ottenuto da Boltzmann, fu la deduzione della legge di Stefan dalla termodinamica accoppiata alla teoria maxwelliana del campo elettromagnetico. Il secondo, invece, riguardava la forma delle prima curve sperimentali sulla funzione di Kirchhoff.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Psicologia: la percezione

Secondo la psicologia quando si parla di percezione si intende un meccanismo secondo il quale la mente umana è in grado di elaborare gli stimoli sensoriali che provengono dalla realtà esterna traducendoli in stimoli più complessi. Si tratta di un aspetto...
Superiori

Il calcolo della distribuzione di Maxwell nei gas perfetti

La teoria cinetica descrive i gas perfetti come particelle, atomi e molecole costantemente in movimento. James Clerk Maxwell (1831-1879) studiò le velocità di queste particelle, intorno a quella quadratica media. Nel 1859, con un calcolo esponenziale,...
Superiori

Fisica: il principio zero della termodinamica

Nell'Ottocento venne chiarito il concetto di temperatura. Chiariamo fin da subito che per "temperatura" non si intende un'idea soggettiva collegata alle percezioni sensoriali di caldo e freddo. La temperatura di un corpo, infatti, aumenta o diminuisce...
Superiori

Fisica: il principio di conservazione dell'energia

In fisica, un principio fondamentale è quello di conservazione dell'energia. Secondo questo principio, in un sistema isolato (cioè dove non esistono forze esterne) l'energia totale si mantiene sempre quantitativamente uguale, anche se avvengono trasformazioni...
Università e Master

I numeri più strani della teoria delle stringhe

In fisica, la teoria delle stringhe ha completamente rivoluzionato il mondo scientifico grazie alle sue intuizioni innovative che sono ancora oggi oggetto di molteplici studi da parte di ricercatori in tutto il mondo. Il termine deriva dall'inglese "string"...
Superiori

Scienze: la teoria della tettonica a zolle

Nel 1967 venne formulata la teoria della tettonica a zolle e perfezionata l'anno successivo a opera di D. P. Mckanzie, R. L. Parker e J. Morgan. Si suppone l'esistenza di otto placche principali e di altre secondarie (microplacche) che si muovono con...
Superiori

Galileo e il metodo sperimentale

Da sempre l'uomo ha avuto la naturale attitudine di cercare una spiegazione ai fenomeni naturali a cui quotidianamente assisteva e in generale alla vita intorno a lui, per cercare di capirli e renderli meno estranei. Nell'antichità, quando le conoscenze...
Università e Master

La Teoria dell'Agenda Setting

La Teoria dell'Agenda Setting è una conoscenza inerente la comunicazione di massa. Formulata negli Anni '70 da Maxwell McCombs e Donald Shaw. Tale teoria analizza l'influenza che i mass-media hanno sulle conoscenze degli individui. Secondo la Teoria...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.