Storia dell'arte: Picasso e il Cubismo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nei primi anni del 1900, Parigi è il maggior centro culturale e artistico dell'epoca, in cui confluiscono artisti di ogni nazionalità. Grazie a questo grande movimento di artisti che si confrontano quotidianamente su tipi di arte diversa, nasce una nuova corrente artistica che sarà sempre più famosa col passare degli anni: il Cubismo.
I principali ideatori di questo movimento furono il francese Georges Braque e lo spagnolo Pablo Picasso. Questa guida si occuperà di definire in generale il quadro artistico dell'epoca e dare informazioni riguardo Pablo Picasso e sulla storia del Cubismo. Iniziamo!

25

Le intenzioni del cubismo.

Il Cubismo sperimenta nuove applicazione in pittura soprattutto riguardo le componenti temporali e quelle spaziali, elaborate in quegli anni, secondo cui un oggetto può essere pensato contemporaneamente e simultaneamente da diversi punti di vista. L'obiettivo principale di questa arte non è quello di rappresentare fedelmente la realtà, cercando di avvicinarsi ad essa il più possibile, quanto invece riuscire a trasferire su foglio una quarta dimensione: il tempo.

35

Nascita del cubismo.

Il Cubismo, il cui nome viene coniato dal critico Louis Vauxecelles nel 1908 per indicare ironicamente, se non negativamente, il quadro dell'artista G. Braque "Viadotto a l'Estaque" esposto al Salon d'Automne a Parigi, nasce convenzionalmente intorno al 1908-1910. L'opera che dà avvio ufficialmente a questa rivoluzione artistica è senza dubbi il celebre quadro "Les Demoiselles D'Avignon" realizzato da Picasso a partire dal 1907.

Continua la lettura
45

Le opere di Pablo Picasso.

C'è un artista le cui opere sono state significative per lo sviluppo del cubismo e, in generale, per rivoluzionare gran parte dell'arte novecentesca. L'artista in questione è Pablo Picasso, nato a Malaga nel 1881 e formatosi tra Barcellona e Madrid. La sua carriera artistica si apre nel 1900, anno dell'arrivo dell'artista a Parigi, che, come già detto, era all'epoca il principale centro artistico e culturale. Qui il pittore spagnolo entra in contatto con artisti, musicisti e scrittori di diversa provenienza e dà avvio ad un'intensa produzione artistica. Nella pittura di Picasso convivono inizialmente l'aspirazione classica, il simbolismo, un realismo "patetico", la riduzione lineare della forma di Degas e Gauguin, e la pittura spagnola di Velàzquez e Goya.

55

Lo scopo di Picasso.

Le opere di Picasso avevano obiettivi ben precisi: oltre a rappresentare la quarta dimensione, elemento cardine del cubismo, il loro scopo era di denunciare gli orrori della guerra ed il dolore da essa causato tra i civili e non solo. "Guernica", dalle dimensioni monumentali, si presenta quindi come un'opera di protesta contro ogni forma di guerra e di violenza. Essa infatti fu realizzata in occasione del bombardamento della città basca di Guernica nel 1937 da parte dell'aviazione nazista. In quest'opera si riesce a scorgere tutto il dolore che hanno subito i cittadini innocenti che vivevano in città, così come la distruzione che dilagava su quest'ultima. Si spegnerà a Mougins nel 1973.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come studiare storia dell'arte

La storia dell'arte tratta le espressioni artistiche in relazione ai vari periodi storici. La prima volta che lo studente si approccia alla materia può trovarla difficile ed al tempo stesso noiosa. Lo studio della storia dell'arte può avvenire con metodi...
Superiori

La luce nella storia dell'arte

La luce è vita. Quanto siamo fortunati di poter godere di questa immensa luce e, come volgere ogni tanto lo sguardo verso quelle persone meno fortunate di noi che non possono vedere e, quindi non rendersi conto ci quanta bellezza li circondi. Spesso...
Superiori

Storia dell'arte: le caratteristiche del barocco

Di etimologia tuttora incerta, il termine Barocco è stato a lungo usato in senso spregiativo per indicare un qualcosa di ridondante, eccessivo e stravagante, tanto che tutt'ora, nell'uso comune, può essere utilizzato a questo scopo. Entra nella storiografia...
Superiori

Appunti sul realismo nella storia dell'arte

In storia dell'arte, il periodo del realismo rappresenta il momento in cui gli artisti si lasciano alle spalle i canoni romantici per abbracciare l'idea della bellezza del mondo esattamente per come lo si vede. Mentre nel periodo romantico si cercavano...
Superiori

Storia dell'arte: la decorazione delle catacombe

I popoli del mondo antico mediterraneo, soprattutto i primi cristiani, crearono una serie di cunicoli sotterranei e gallerie, utilizzate per la sepoltura dei loro cari. Di gran lunga il gruppo più importante si trova a Roma e soprattutto nei dintorni,...
Superiori

Appunti di storia dell'arte: il rinascimento

I periodi che caratterizzano la storia culturale in generale sia in Italia che in Europa sono diversi, e comprendono fasi di vitale importanza quali ad esempio Umanesimo, Risorgimento, Rinascimento. Proprio del Rinascimento andremo a parlare in questa...
Superiori

Guida all'arte del Rinascimento

L'arte del Rinascimento prende vita a Firenze, all'inizio del XV secolo, per poi essere riconosciuta sia in Italia che in Europa. In quest'epoca l'uomo scoprì di essere dotato di una mente potente in grado di ragionare, strumento indispensabile per costruirsi...
Superiori

Appunti sull'arte africana

L'arte africana è molto affascinante: evoca tramonti rosseggianti, la semplicità della vita a contatto con la natura, il recupero di un primitivismo comune per tutti. L'arte africana è infatti sinonimo di tribale: con i suoi oggetti religiosi, armi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.