Sociologia: la piramide di Maslow

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La sociologia è una scienza che studia che studia i fenomeni ed i mutamenti della società umana. Il suo studio come ben saprete non è di origine recente, infatti l'uomo ha da sempre avuto la curiosità di capire il comportamento umano e quelli che sono i legami e le relazioni che si vengono a creare. Nei secoli tanti studiosi della materia si sono susseguiti ed hanno esposto le loro teorie ed i loro dubbi, uno tra questi è stato Abraham Maslow. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi forniremo maggiori informazioni in merito a questo interessante argomento di sociologia: la piramide di Maslow.

25

Bisogni primari e superiori

L’autore suddivide i bisogni, che a suo parere coincidono con le motivazioni, in primari e superiori.
Secondo Maslow, il passaggio a un grado di bisogni e motivazioni superiori può essere raggiunto soltanto dopo aver soddisfatto quelli di grado inferiore, fondamentali per la sua sopravvivenza.
Tutte le gerarchie di bisogno coesistono, ma la loro importanza cambia a seconda delle circostanze.
In base a questa teoria motivazionale, la mancata soddisfazione dei bisogni primari determina la non soddisfazione di quelli superiori.

35

Sezioni della piramide

La Piramide è suddivisa in 5 sezioni.
Alla base troviamo i bisogni fisiologici, legati all'autoconservazione: fame, sete, sonno, desiderio sessuale.
A salire, subentra il bisogno di sicurezza, ovvero di protezione dai pericoli e di stabilità, che si manifesta soprattutto nel periodo evolutivo.
La terza sezione è occupata dal bisogno di appartenenza: far parte di un gruppo, di una società, di una famiglia, avere amici, rapporti relazionali soddisfacenti, essere benvoluti.
La quarta sezione identifica il bisogno di stima: godere dell’approvazione e del rispetto dagli altri, essere considerati affidabili e capaci.
Il vertice della Piramide coincide con il bisogno di autorealizzazione: mettere a frutto con successo le capacità e competenze personali, perseguire i propri obiettivi e ideali.

Continua la lettura
45

Percorso di maturazione dei bisogni

Secondo Maslow i bisogni più alti nella scala tendono a cambiare nel tempo, perché ogni individuo segue un diverso percorso di maturazione. Nell'ambito del suo sviluppo motivazionale, alcune mete possono essere sostituite da altre e si possono aggiungere sempre nuove aspirazioni. Mentre infatti i bisogni primari, una volta soddisfatti, tendono a non ripresentarsi almeno per un certo periodo di tempo, un nuovo obiettivo personale, magari più ambizioso, può prendere immediatamente il posto di quello appena raggiunto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Sociologia: Tocqueville e la democrazia

Alexis de Tocqueville nacque a Parigi nel 1805 e spirò a Cannes nel 1859. Fu un filosofo, sociologo, giurista e magistrato ed è considerato fra i maggiori ispiratori della sociologia moderna. Crebbe in una famiglia di origini nobili che supportava la...
Università e Master

Sociologia: la società dell'informazione

Nuove tecnologie informatiche e telematiche caratterizzano quella che da alcuni anni viene definita "knowledge society", ovvero società della conoscenza, contraddistinta da un enorme flusso di messaggi, immagini, testi, filmati e altri veicoli di informazione....
Università e Master

Karl Mannheim: pensiero e opere

Tra i sociologi e filosofi più importanti della storia, troviamo senza ombra di dubbio l'ungherese Karl Mannheim, che è stato uno dei massimi esponenti della cultura europea della prima metà del Novecento. Egli a Londra ottiene la docenza di sociologia...
Università e Master

Appunti di psicologia umanistica

Quando si parla di psicologia umanistica generalmente si intende un filone della psicologia che tende a mettere l'uomo al centro di ogni cosa. Essa studia quindi il pensiero umano prendendo in considerazione le principali cause che ne determinano la salute...
Università e Master

Auguste Comte: i concetti base del suo pensiero

Il fondatore della sociologia è sicuramente Auguste Comte. Inizialmente egli chiamò questa disciplina "filosofia sociale". La sua corrente di pensiero è molto vicina a quella del positivismo a causa della sua esaltazione della scienza e del progresso...
Università e Master

Weber: pensiero sociologico

Max Weber, nato nel 1864, fu un giovane molto attivo nella sua epoca e si interessò molto di tutti i cambiamenti che animavano la società. Visse, infatti, nell'epoca delle grandi rivoluzioni e delle grandi svolte che hanno segnato la storia degli anni...
Università e Master

La Teoria dell'Agenda Setting

La Teoria dell'Agenda Setting è una conoscenza inerente la comunicazione di massa. Formulata negli Anni '70 da Maxwell McCombs e Donald Shaw. Tale teoria analizza l'influenza che i mass-media hanno sulle conoscenze degli individui. Secondo la Teoria...
Università e Master

Teorema di Thomas: enunciato e spiegazione

William Thomas è stato un sociologo statunitense del XX secolo. Nel corso della sua carriera sia da sociologo che da professore universitario, trattò largamente il tema degli immigrati in America, scrivendone addirittura un libro. L'opera più famosa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.