Scienze: le maree

Tramite: O2O 06/10/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il campo delle scienze è incredibilmente vasto ed affascinante e, per chi è appassionato, permette lo studio e l'approfondimento di infiniti fenomeni, che vanno dal funzionamento del corpo umano e degli organismi viventi ai diversi eventi naturali che se verificano quotidianamente. Tra questi uno dei più affascinanti ed interessanti sia per l'impatto visivo e sulle attività umane che per quelle che sono le cause più recondite sono senza alcun dubbio le maree: si tratta di movimenti ciclici e ripetuti dell'acqua, che consistono nell'alternarsi periodico ed in alcuni casi anche facilmente prevedibile di un innalzamento del livello delle acque, detto alta marea, e, a distanza di alcune ore, di un successivo abbassamento delle stesse, definito bassa marea. Di seguito cercheremo di spiegare questo affascinante fenomeno delle scienze: le maree, come si evolvono, quali sono le loro cause e da cosa sono influenzate, come è possibile prevederle.

26

Le cause delle maree

Innanzitutto possiamo affermare in via generale che nell'arco di un giorno e una notte si alternano più o meno due basse maree e due alte maree: in altre parole la marea cambia ogni sei ore. Le cause di questo fenomeno, studiato fin dall'antichità, sono da ricercarsi nella forza gravitazionale, ovvero in quella particolare attrazione che si crea tra due corpi, e, per quanto riguarda il fenomeno in particolare, nell'attrazione che alcuni corpi celesti esercitano sul nostro pianeta, in particolare il Sole e la Luna. Quest'ultima, soprattutto, è quella che più influenza le maree, a causa della sua maggiore vicinanza alla Terra. Il Sole, dal canto suo, potenzia o indebolisce il fenomeno in rapporto alla posizione relativa Terra - Luna, allorchè somma la propria forza attrattiva a quella esercitata dalla Luna o vi si opponga contrastandola. La forza di attrazione si fa sentire su tutto il nostro pianeta, ma soprattutto sulle particelle liquide, che potendo muoversi più liberamente di quelle solide risentono della maggiore o minore distanza della Luna. Nei punti rivolti verso la Luna si verifica dunque un rigonfiamento delle acque e, contemporaneamente, avviene anche un fenomeno simile dalla parte opposta del pianeta. Molti studiosi sostengono che la rotazione attorno al centro gravitazionale comune sottoporrebbe le acque a una forza centrifuga diversa nei vari punti della superficie e la combinazione della forza centrifuga con quella di attrazione lunare spiegherebbe il fenomeno. Ecco perché, conoscendo la posizione della Luna rispetto al nostro pianeta, è spesso possibile prevedere, con esattezza anche in relazione agli orari, il verificarsi di una marea.

36

Posizione della Luna

Sull'alternarsi delle maree, cioè sul momento esatto in cui le acque raggiungono il massimo o il minimo livello e sulla loro ampiezza, influiscono pertanto vari fattori, tutti analizzabili e conoscibili (così da rendere prevedibile la marea quasi nel suo esatto verificarsi): il movimento di rotazione della Terra, il movimento di rivoluzione della Luna, la conformità del mare e delle coste ed infine la forza di attrazione del Sole, che pur essendo meno evidente di quella della Luna a causa della sua maggiore distanza dal nostro pianeta non è tuttavia assolutamente trascurabile, anzi al contrario. La Luna ruota intorno alla Terra nello stesso verso della rotazione terrestre in circa 8 giorni, pertanto non passa sullo stesso punto dopo 24 ore, ma dopo un periodo leggermente più lungo, cioè 24 ore e 50 minuti; dunque il periodo di tempo compreso fra due alte maree è circa di 12 ore e 25 minuti.

Continua la lettura
46

L'influsso del Sole

Quando la Luna si trova nel punto più alto rispetto al nostro orizzonte ci aspetteremmo di vedere il fenomeno dell'alta marea, che invece si verifica in maniera ritardata, dopo un po' di tempo, ovvero quando la Luna ha già cominciato a scendere rispetto alla sua massima altezza. Il ritardo con cui si verifica l'alta marea in un luogo prende il nome di "ora di porto" ed è causato dall'inerzia dell'acqua, dalla differente distribuzione delle terre e dei mari e, soprattutto, dall'attrito naturale esercitato dal fondale e dalle coste. Sull'ampiezza delle maree influisce in maniera determinante anche e soprattutto la forza di attrazione del Sole. Ed infatti quando il Sole si trova allineato con la Luna, accade che la sua forza gravitazionale attrattiva si sommi a quella della Luna. In questo caso, trovandoci in presenza di una forza gravitazionale attrattiva maggiore, si verificano delle maree più accentuate (che vengono definite maree vive o sizigiali), con le massime escursioni. Nei giorni di primo e ultimo quarto di luna, invece, si verifica il fenomeno opposto, quello delle maree minime (che prendono il nome di maree stanche o di quadratura), poiché il Sole e la Luna si trovano ad angolo retto rispetto alla Terra e quindi le rispettive forze attrattive si contrastano, con il risultato di una minore forza complessiva esercitata sulle acque.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di scienze: la respirazione cellulare

Le cellule ottengono la loro energia dalle reazioni metaboliche di demolizione dei composti organici che portano alla formazione di prodotti termodinamicamente più stabili. Tra le reazioni coinvolte vi è la respirazione cellulare, che solitamente richiede...
Superiori

Scienze: guida sui pianeti

I pianeti (dal greco planetes cioè errante, vagante) sono corpi celesti di forma sferica che non brillano di luce propria ma riflettono la luce del Sole che li illumina e intorno al quale ruotano. Il moto dei pianeti intorno al Sole è detto moto di...
Superiori

Scienze: le piogge acide

Quello della pioggia è un fenomeno atmosferico davvero affascinante. Che sia inverno o estate, le precipitazioni a carattere temporalesco ci portano sempre un gran quantitativo di acqua. Ma se le piogge sono acide, ci troviamo dinanzi ad un fenomeno...
Superiori

Scienze: i fondali oceanici

Durante la seconda guerra mondiale, alcuni scienziati studiarono gli oceani al fine di cercare rotte sicure per i sottomarini americani. Durante le ricerche vennero fatte importanti scoperte: i fondali oceanici non avevano superfici piatte come si pensava,...
Superiori

Scienze: gli adattamenti all'ambiente

In questo articolo di scienze vi parlerò degli adattamenti all'ambiente. Tutti gli organismi viventi per vivere bene nell'ecosistema, hanno bisogno di adattarsi. Per fare ciò, è necessario, che ogni essere vivente, ricerchi dei metodi e delle strategie....
Superiori

Come studiare scienze

Studiare scienze, a scuola, può non essere sempre facile, anche se troviamo la materia interessante, soprattutto se non abbiamo nessuna predisposizione verso le materie scientifiche. Questo, però, non significa che siamo destinati a prendere voti bassi....
Superiori

Scienze della Terra: la tettonica a zolle

Se siete appassionati di geografia astronomica, di scienze o di geologia, e siete degli studenti delle scuole superiori che si avvicinano per la prima volta a queste materie, la guida presente nei passi successivi è sicuramente adatta per voi. In riferimento...
Superiori

Appunti di scienze

Attraverso l’articolo “appunti di scienza” cercherò di darvi delle buone informazioni connesse ad uno dei capitoli più importanti del programma di scienza indicato in tutte le scuole.Parlerò della principale unità funzionale degli esseri viventi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.