Scienza sociali: l'aggressività

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Oggi proveremo ad analizzare un fenomeno molto complesso, l'aggressività. Tenendo in maggior conto il punto di vista di ogni scienza sociale, ci converrà sapere che, i fenomeni sociali, per essere considerati manifestazioni di aggressività, devono avere due caratteristiche principali: il danno, e chi aggredisce deve essere consapevole di quest'ultimo. In questo articolo scopriremo varie​ analogie di scienza sociali, studiando il loro susseguirsi.

24

La sociologia

La sociologia vede l'aggressività come la manifestazione della devianza. Con questo termine, si intendono le azioni, svolte da persone, che vanno contro le regole diffuse nella società e che perciò vengono considerate ingiuste o comunque non normali dalla maggioranza degli individui. Inoltre, la maggior parte dei sociologi, sembra concordare sul fatto che, l'aggressività si manifesta sopratutto come comportamento collettivo, il quale può produrre effetti aggregati, ovvero la somma delle azioni di tutti gli individui della folla, ed effetti emergenti cioè quelli che non erano stati previsti dalle singole aspettative.

34

L'antropologia culturale

L' antropologia culturale, ovvero quella disciplina che studia tutti i popoli della terra e li mette a confronto, ci dice che l'aggressività, se prescindiamo dal modo in cui si manifesta, è universale, visto il considerato che in tutti i popoli può accadere che un un individuo compia azioni che mirano a provocare un danno agli altri oppure a se stesso. Comunque, secondo alcune statistiche, la popolazione più pacifica che fino ad ora si conosca è l'Islanda, mentre al culmine della violenza ci sono l'Afghanistan e la Siria, protagoniste di varie guerre che mietono un maggior numero di vittime.

Continua la lettura
44

La psicologia

Facendo ricorso alla frustrazione, un senso di fallimento e sconfitta, che sopraggiunge quando siamo proiettati verso una meta e a qualcosa che ci impedisce di ottenere ciò che vogliamo, la psicologia è in grado di rispondere alla domanda del perché (in questi casi) alcuni individui rivelano un'alta forma di aggressività. A questo proposito infatti, un gruppo di ricercatori dell'Università di Yale, nel 1939, sviluppò una concezione definita: la teoria della frustrazione-aggressività. Nel corso degli anni, la disciplina psicologica, ha continuato ad interrogarsi sull'argomento proponendo nuove teorie. Ad esempio, secondo una nota ideologia, tutti noi impariamo fin da piccoli, ad avere un minimo di comportamento aggressivo, ma solo alcuni li apprendono al punto di diventare persone aggressive. A tal proposito è decisivo l'ambiente in cui si vive e, se, circondato da persone da temperamenti alquanto discutibili, che giovano sul comportamento del bambino quando diventerà grande. La psicologa, inoltre, svolge varie funzionalità per il comportamento aggressivo di una persona come il tirar fuori gli eventi passati a tal fine di renderla consapevole del perché ha un temperamento così aggressivo e nella maggior parte dei casi anche discutibile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Weber: pensiero sociologico

Max Weber, nato nel 1864, fu un giovane molto attivo nella sua epoca e si interessò molto di tutti i cambiamenti che animavano la società. Visse, infatti, nell'epoca delle grandi rivoluzioni e delle grandi svolte che hanno segnato la storia degli anni...
Superiori

La filosofia di Friedrich Nietzsche

Friedrich Nietzsche nacque il 15 Ottobre 1844 a Rocken, nei pressi di Lipsia, e la propria filosofia è in contrasto con la tendenza ottocentesca: infatti, egli analizza dettagliatamente la decadenza sociale a partire dall'antica Grecia, sfatando il mito...
Università e Master

Auguste Comte: i concetti base del suo pensiero

Il fondatore della sociologia è sicuramente Auguste Comte. Inizialmente egli chiamò questa disciplina "filosofia sociale". La sua corrente di pensiero è molto vicina a quella del positivismo a causa della sua esaltazione della scienza e del progresso...
Superiori

Letteratura italiana: il Barocco

Grazie alla letteratura è stato possibile durante i secoli conoscere e leggere le opere di moltissimi autori differenti, che hanno saputo tramandare il loro pensiero fino ai giorni nostri. La letteratura italiana, solitamente è uno tra i temi principali...
Superiori

Guida al Naturalismo

Come voi visitatori di questo sito web ben saprete, quando parliamo del Naturalismo, facciamo riferimento ad una importante corrente artistica e letteraria che nacque e si diffuse inizialmente in Francia, attorno alla seconda metà del Diciannovesimo...
Università e Master

Come prevenire il tumore al seno

Per sconfiggere il temuto tumore al seno, oggi si hanno a disposizione nuove e raffinate indagini di laboratorio, utili sia per "scovarlo" al suo esordio sia per frenare la sua avanzata, con probabilità di successo sempre più elevate. In questa guida...
Università e Master

Appunti di sociologia generale

La sociologia è una disciplina che studia l’individuo in relazione alla sua dimensione sociale. Il termine è stato coniato da August Comte durante una lezione di filosofia positivista nel 1830, durante la quale affrontò la questione della costruzione...
Università e Master

Appunti di archeologia

L'archeologia è lo studio della cultura materiale del passato. In tale disciplina sono strettamente connessi sia il lavoro sul campo, attraverso gli scavi e le ricognizioni, sia il lavoro interpretativo che si svolge in laboratorio e che permette di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.