Schopenhauer: il velo di maya

Tramite: O2O 08/12/2016
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il velo di maya è il fulcro della filosofia di Schopenhauer. Non è un argomento semplice da spiegare e definire. Per questo a volte gli studenti non riescono a comprenderne il significato. La filosofia di Schopenhauer in fin dei conti non è così complessa. Anzi, essa è estremamente affascinante. Basta comprendere i concetti basilari. Questa è una guida facile e lineare. Spiegherà con linguaggio semplice cosa è il velo di maya. La guida indicherà perché si chiama così e cosa intendeva il filosofo Schopenhauer. Ecco degli appunti di filosofia dedicati a Schopenhauer: il velo di maya.

24

La visione del mondo di Schopenhauer

Schopenhauer crede che gli uomini siano "ignoranti". Con ciò vuol dire che l'uomo non conosce il mondo. Schopenhauer pensa che il mondo non sia così com'è. Il mondo non è così come lo si vede. L'uomo non vede realmente il mondo. Infatti Schopenhauer parla del mondo "come volontà e rappresentazione". Ciò significa che l'uomo, per Schopenhauer, vede il mondo come lo desidera. Non vede il mondo come realmente è. Nella sua filosofia Schopenhauer spiega questo concetto. Il mondo si può rappresentare sotto due forme.

34

Il velo che nasconde il "mondo"

La prima è la forma intellettuale, scientifica. La seconda è la forma della volontà. Il mondo della forma scientifica deriva da una conoscenza sensibile. Il mondo "reale" della scienza si esprime con le forme di spazio, tempo e casualità. Questa conoscenza è di tipo fenomenico. Ciò significa che deriva dell'esperienza sensibile. Schopenhauer dice che questa conoscenza non è una conoscenza oggettiva. Conoscere il mondo attraverso la sensibilità non significa conoscerlo veramente. Il "vero" mondo si nasconde agli occhi dell'uomo. Il mondo vero si trova proprio dietro un velo. Questo velo è appunto il "velo di maya". Schopenhauer afferma che la vita è un sogno. Il reale si nasconde sotto il velo di maya.

Continua la lettura
44

Strappare via il velo

Perché Schopenhauer lo chiama il "velo di maya"? Il nome "velo di maya" deriva della cultura orientale. La religione orientale, in particolare, ne influenza il nome. Il "velo di maya" deriva infatti dalla cultura induista. L'uso che ne fa Schopenhauer è però molto diverso dal significato originale della cultura induista. Per Schopenhauer il velo di maya rappresenta ciò che nasconde la realtà delle cose. Schopenhauer afferma che bisogna strappare via questo velo. Solo in questo modo l'uomo potrà conoscere il mondo. Il velo va strappato tramite le tre vie di redenzione dal dolore. Si tratta delle tre strade che possono sconfiggere il dolore e l'ignoranza dell'uomo. Esse sono l'arte, la pietà e l'ascesi. Secondo Schopenhauer la vita dell'uomo è infatti come un pendolo che oscilla tra la noia e il dolore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Pirandello e le ''maschere''

Pirandello, premio Nobel per la letteratura nel 1934, fu anche un appassionato lettore di Schopenhauer e Nietzsche. Nota a tutti è l'attenzione dedicata da quest'ultimo al tema della maschera, ma forse è meno conosciuto il fatto che anche Schopenhauer...
Superiori

Le conseguenze della scoperta dell'America

Come tutti sappiamo, la scoperta dell'America nel 1492 da parte di Cristoforo Colombo fu un avvenimento che rivoluzionò per sempre la storia di tutto il mondo; causò infatti inevitabili conseguenze in tutti i campi di maggiore importanza: sociale, economico,...
Superiori

I principali esponenti dell'Illuminismo in Italia

L'Illuminismo è stata una corrente politica, filosofica e letteraria sviluppatasi in Europa intorno al XVIII secolo che aveva il compito di "illuminare" la mente degli uomini, servendosi della scienza e della razionalità come principi cardine. In Italia...
Superiori

Lo Zibaldone di Leopardi: riassunto

All'interno della presente guida, andremo a parlare di Giacomo Leopardi. Nello specifico, come avrete già potuto scoprire attraverso la semplicissima lettura del titolo stesso della guida, ora andremo a spiegarvi Lo Zibaldone di Leopardi: riassunto.Giacomo...
Superiori

Differenze tra Positivismo e Realismo

Positivismo e realismo sono due movimenti letterari e filosofici sorti nel corso dell'800 in Europa. In particolare il positivismo nasce in Francia e da come linee guida le conseguenze del progresso scientifico come fonte di miglioramento della condizione...
Superiori

Piccole donne di Louisa May Alcott: riassunto

L'opera letteraria di Louisa May Alcott, "Piccole Donne", fa parte dei grandi classici della letteratura americana e mondiale. Da decenni diverse generazioni si sono appassionate a questo romanzo, soprattutto ragazze più giovani. Benché scritto nel...