San Martino del Carso: parafrasi e commento

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

San Martino del Carso, Valloncello dell'Albero Isolato il 27 agosto 1916.
Queste le coordinate geografiche e temporali che Giuseppe Ungaretti ci dà, indicando un luogo e una data ben precisi. Il poeta infatti scrisse questo componimento ispirandosi all'unico albero rimasto in piedi dopo una cruenta battaglia fra gli eserciti austro-ungarico e italiano, durante la Prima Guerra Mondiale. La lirica fa parte de L'Allegria, nella sezione Porto Sepolto; in questa raccolta sono contenute poesie scritte prevalentemente fra il 1914 e il 1919, e trattano del dolore scaturito dall'esperienza della guerra, ma allo stesso tempo anche della riscoperta del sentimento di fratellanza e comunione con le persone. Cominciamo quindi col fare la parafrasi del testo per passare poi al commento.

24

Parafrasi

Vv.1-4: Di queste case (quelle del paese di San Martino del Carso) è rimasto solamente qualche pezzo di muro distrutto

Vv.5-8: Di molte persone che ricambiavano il mio affetto nemmeno un pezzo è rimasto

Vv.9-10: Ma nel mio cuore è vivo il ricordo di ognuna di queste persone
Vv.11-12: Il mio cuore è il luogo che la guerra ha distrutto di più (a causa delle perdite che provoca).

34

Metrica

Dal punto di vista metrico la poesia è scritta in versi liberi, come spesso accade in Ungaretti e nei poeti del Novecento, raggruppati però in una struttura a due quartine più due distici finali. Pur non essendoci uno schema fisso di rime sono presenti diverse figure retoriche: la ripetizione delle formule "Di queste... Di tanti...", "non è rimasto... Non è rimasto...", tecnicamente chiamata anafora; l'analogia nel distico conclusivo che sottintende una similitudine tra il cuore dell'autore e il paese devastato dal conflitto "È il mio cuore il paese più straziato"; e infine l' allitterazione della r, con lo scopo espressivo di infondere in chi legge un sentimento di dolore e, come scrive Ungaretti stesso, di strazio.

Continua la lettura
44

Commento

In questa lirica il poeta riesce a descrivere al lettore il suo dolore, la sua solitudine di fronte a un paesaggio morto, distrutto dall'orrore della guerra, e per farlo utilizza poche semplici parole, essenziali: come se queste rappresentassero simbolicamente i brandelli di muro rimasti nel paese. Il lessico utilizzato è chiaro, sincero, penetrante come un proiettile. Non vi sono segni di punteggiatura, come se Ungaretti non volesse interrompere lo scorrere delle immagini che vede (e sente); l'atmosfera creata con l'uso di termini scelti attentamente, con precisione, è di sospensione, quasi di desolazione. Nella mente del poeta riaffiorano i ricordi (le croci) di tutti quelle persone a cui ha voluto bene, e che ora sono morte: è così che dal vuoto generatosi da una simile sofferenza, estenuante, Ungaretti riscopre il valore immenso dell'amicizia, dell'affetto e della vita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il pianto antico di Carducci: parafrasi e commento

"Il pianto antico" è stato scritto nel 1871, e rappresenta un componimento della raccolta "Rime Nuove", scritto dal poeta e scrittore toscano Giosuè Carducci. Questa opera letteraria, in particolar modo costituisce la quarantaduesima, ed è stata pubblicata...
Superiori

Come analizzare San Martino di Carducci

San Martino è forse una delle liriche più famose di Giosuè Carducci, nella quale il poeta riassume le tipiche tematiche presenti nelle sue opere in armonia con il suo stile classico e sinteticamente pregnante di immagini e ricordi. Scritta nel 1883,...
Superiori

Come fare la parafrasi e l'analisi di una poesia

Ogni poesia descrive gli stati d'animo, le sensazioni, i luoghi e le emozioni del suo autore. Qualsiasi piccolo dettaglio che la compone nasconde un immenso significato. Eseguire la parafrasi e l'analisi di una poesia non risulta sempre facile. Questo...
Superiori

Come Fare Una Parafrasi Di Un Testo Poetico

Comprendere un testo poetico, come sappiamo, rappresenta un'operazione relativamente complicata, sopratutto se è datato 1700 o 1800. Per tentare di ovviare a questo genere di problema, viene utilizzata una soluzione abbastanza semplice da mettere in...
Superiori

Come Fare Una Parafrasi

La Parafrasi costituisce la riscrittura di un testo secondo modalità diverse da quelle del testo di partenza, mantenendone intatto il significato letterale. Si tratta di una tipologia di scrittura utilizzata soprattutto a scuola e nelle università con...
Superiori

Il 5 maggio: analisi e commento

Alessandro Manzoni fu uno dei più grandi esponenti del romanticismo. Tra i testi più importanti dell'autore, si annovera senza dubbio la poesia lirica "il 5 Maggio". Questa ode venne scritta da Manzoni in seguito alla notizia della morte di Napoleone...
Superiori

Come fare il commento di una poesia

Molto spesso in ambito universitario o scolastico ci possiamo imbattere nell'analisi delle poesie. La poesia è una forma d'arte letteraria che produce un componimento fatto di versi strutturate e organizzate sulla base di particolari e specifiche leggi...
Superiori

Come scrivere un buon commento

I commenti sono una parte importante del blog, in quanto permettono agli studenti e ad altri lettori, di impegnarsi in discussioni, condividere i loro pensieri e connettersi con il blog. È molto importante trasformare il blog da uno spazio statico ad...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.