Risoluzione equazioni di 2° grado

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La matematica è una materia molto elegante ed affascinante che però per molti è solo una noia e causa di problemi. Essa però è nata per risolverli al contrario, per semplificare la vita e per creare nuovi oggetti.
Oggi parleremo di un argomento base della matematica ovvero la risoluzione delle equazioni di 2° grado.
Le equazioni di secondo grado possono presentarsi in tanto modi ma la forma classica e più comune è ax^2+bx+c=0.

25

Concetti iniziali

Esistono tre tipi di equazioni: completa, pura e spuria. Si dividono in base agli elementi presenti nelle equazioni, le complete hanno tutti e tre gli elementi dell'equazione presenti, le pura hanno il coefficiente b=0 quindi l'equazione diventa ax^2+c=0 e infine l'ultimo tipo la spuria ha il termine c=0 quindi si ha ax^2+bx=0.
In questa guida vi mostreremo come risolvere, passo dopo passo, ognuna di queste varianti di equazioni. Per prima cosa andiamo ad introdurre il concetto di discriminante, detto anche "delta" che indicheremo per comodità con il simbolo "D". Il discriminante è un numero il cui valore si calcola con la formula esposta qui di seguito:
D= b²-4a·c
Le equazioni il cui D è minore di 0 non sono risolvibili in R, esse dunque non avranno soluzioni.
Le equazioni il cui D vale 0 avranno due soluzioni coincidenti, ovvero una sola soluzione con molteplicità due.
Le equazioni il cui D è maggiore di 0 avranno due soluzioni distinte. ­.

35

Risoluzione

Andiamo ora a dare un'occhiata alla risoluzione delle equazioni di secondo grado complete:
Se l'equazione da risolvere ha i coefficienti a, b e c diversi da 0, una volta calcolato il delta, se questo risulta maggiore o uguale, basta applicare la ­formula della risoluzione per le equazioni di secondo grado. Le due soluzioni saranno quindi:
x1, x2 = (-b­± radice quadrata di D) ­ / 2a
Come già accennato se il risultato è maggiore di 0 le due soluzioni x1 e x2 saranno diverse, se il risultato è uguale a 0 le soluzioni saranno uguali, se invece è minore di zero l'equazione non ha soluzioni in R.

Continua la lettura
45

Equazioni particolari

Ora prenderemo in esame la risoluzione delle equazioni di secondo grado dette "pure":
Se l'equazione ha a e c diversi da 0 ma b=0, l'equazione si presenterà nella forma
ax²+c=0
A questo punto se -c/a è minore di zero allora l'equazione non ammette soluzioni, in caso contrario le soluzioni saranno le seguetni:
x1, x2 = radice quadrata di -c/a. Ed infine eccoci arrivati alla spiegazione per la risoluzione delle equazioni di secondo grado dette "spurie":
Le equazioni di secondo grado, infatti, possono presentarsi anche in forma "spuria", ovvero con il termine noto c=0. Avremo dunque un'equazione del tipo
ax²+bx=0
In questo caso per risolvere l'equazione basterà raccogliere x a fattore comune
x (ax + b)=0
e per la legge dell'annullamento del prodotto le due soluzioni di x saranno:
x1=0
x2= -b/a.

55

Considerazioni finali

Finita questa guida per padroneggiare i numeri e le equazioni di secondo grado arriviamo a dei consigli utili in caso si debbano risolvere velocemente questi calcoli.
Comprate una buona calcolatrice, scientifica e semi-professionale. Queste infatti hanno delle funzioni che possono risolvere le equazioni di secondo grado attraverso a degli input che sono scritti nel manuale delle istruzioni che è presente nella confezione. Ciò non deve essere vista come una scorciatoia ma come riprova dei calcoli effettuati in precedenza, infatti non usate la calcolatrice impropriamente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

Le 5 domande che fanno sempre alla maturità

L'esame di maturità è il passo finale della vita scolastica di ogni studente. Atteso con tranquillità o temuto è l'ultimo traguardo da raggiungere prima di diventare, appunto, maturi. Ma come gestire la propria ansia, e arrivare sereni alla prova...
Maturità

Come collegare gli argomenti della propria tesina di maturità

Come tutti voi lettori e lettrici ben saprete, la tesina di maturità è un passo fondamentale per uno studente che sta per concludere, una volta per tutte, il ciclo della scuola superiore. La tesina di maturità è un vero e proprio resoconto importante...
Maturità

Come svolgere un tema di attualità

Scrivere un tema non è un compito facile come potrebbe sembrare. Non basta infatti mettere insieme qualche concetto, perché per ottenere un buon risultato bisogna essere in grado di mettere sulla carta le proprie conoscenze, le proprie idee, il proprio...
Maturità

Come funzionano gli esami di maturitá

Il vecchio esame di maturità è stato definitivamente messo da parte per lasciare il posto al nuovo esame di Stato. Anche se molti continuano a chiamarlo "maturità", questo esame non si configura più con questo nome, perché non viene più giudicato...
Maturità

Domini e condizioni di esistenza

Spesso nell'analisi matematica ci si ritrova a dover determinare i domini delle funzioni, anche detti condizioni d'esistenza. Ma che cos'è il dominio di una funzione? Il dominio di una funzione è l'insieme su cui è definita la funzione, ovvero l'insieme...
Maturità

Come calcolare il pH di una soluzione tampone

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i n ostri lettori e lettrici, a capire come poter calcolare il ph di una soluzione tampone. Iniziamo subito con il dire che nella pratica di laboratorio come anche nella didattica scolastica – universitaria...
Maturità

Come prepararsi psicologicamente per la maturità

L'esame di maturità è sempre un passo molto importante per la carriera di uno studente, perché rappresenta la conclusione della scuola superiore e può portare all'inizio di una nuova carriera scolastica all'interno delle università, oppure l'ingresso...
Maturità

La rappresentazione grafica dei fenomeni statistici

Ecco qui un nuovo articolo, mediante il quale poter essere in grado di capire quale sia la rappresentazione dei fenomeni statistici, nella maniera più corretta e concreta. Rappresentare graficamente un fenomeno statistico, è utile sia per gli studi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.