Ricavare la forma di una molecola dalla sua formula di struttura

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se siamo degli studenti, ci sarà sicuramente capitato di trovarci a studiare qualche materia molto complicata e di non riuscire a comprendere perfettamente tutti gli argomenti trattati. In questi casi ci viene in aiuto internet, infatti ci basterà effettuare una semplice ricerca su qualsiasi motore di ricerca per riuscire a trovare in pochissimo tempo la guida che ci spiegherà in maniera semplificata l'argomento che non siamo riusciti a capire. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire a ricavare correttamente la forma di una molecola partendo dalla sua formula di struttura. Come potremo vedere dai passi successivi, questo argomento non è poi cosi complesso e leggendo tutte le indicazioni riportate, riusciremo finalmente a comprenderlo.

24

La teoria su cui si basa questo procedimento è indicata con la sigla VSEPR. Essa presuppone che le coppie di elettroni esterni si respingano reciprocamente, facendo si che la geometria della molecola sia principalmente una conseguenza del numero di coppie elettroniche, libere o condivise, situate attorno all'atomo centrale. Tali coppie, infatti, essendo di pari carica negativa tendono ad allontanarsi il più lontano possibile nello spazio. Procediamo ora con l'analisi dei singoli casi, distinguendo per comodità le molecole in due categorie, ovvero:
-molecole che presentano legami covalenti semplici
-molecole con legami doppi o coppie di elettroni non condivise.

34

Le molecole che presentano legami semplici e non hanno coppie di elettroni liberi attorno all'atomo centrale si dispongono nello spazio a seconda del numero di coppie elettroniche condivise. In particolare:
- Due coppie elettroniche corrispondono ad una forma lineare ed angoli di legame di 180°.
- Tre coppie elettroniche corrispondono corrispondono ad un assetto triangolare equilatero (con atomi si dispongono appunto ai vertici di un triangolo equilatero) ed angoli di legame di 120°.
-Quattro coppie elettroniche corrispondono ad un assetto tetraedrico (gli atomi si dispongono ai vertici di un tetraedro, solido avente per facce quattro triangoli equilateri) ed angoli di legame di 109.5°.

Continua la lettura
44

Per le molecole che invece presentano coppie elettroniche libere in corrispondenza dell'atomo centrale, vanno poste in atto alcune considerazioni. Tali coppie elettroniche, infatti, hanno conseguenze simili a quelle di legame comportando quindi una repulsione. Essendo però soggette all'attrazione di un solo nucleo sono più vicine ad esso causando un avvicinamento delle coppie di legame.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Calcolare Il Grado Di Insaturazione Di Una Molecola

Calcolare il grado di insaturazione di una molecola o un composto chimico è una procedura essenziale e primaria per il primo approccio conoscitivo della sostanza con cui stiamo operando. Infatti questa operazione viene fatta subito dopo l'acquisizione...
Università e Master

Come Misurare L'Affinità Di Una Molecola Per Un Recettore Cellulare

Le cellule hanno numerosi recettori sulla loro membrana, ognuno appropriato per una data molecola in grado di scaturire una specifica risposta nella cellula stessa, una volta recepita. In riferimento a ciò, ecco una guida su come procedere per misurare...
Università e Master

Formula di Eulero: dimostrazione

Leonhard Paul Euler può essere considerato il più grande matematico svizzero, vissuto nel periodo illuminista. Fu accostato dai suoi contemporanei ai più grandi matematici della storia, da Euclide a Pitagora fino a Newton. Dedicò i suoi studi a tutte...
Università e Master

Come utilizzare la formula di Binet

Binet è un matematico francese dell'Ottocento, che si è dilettato anche di astronomia e con notevole successo. La formula per cui Binet è famoso è collegata alla nota successione di Fibonacci e consente di calcolare direttamente un qualsiasi numero...
Università e Master

Come applicare la formula di Abbe

Con il termine "potere di risoluzione" si intende la capacità (solitamente dell'occhio umano, o di una macchina) di distinguere come separati due punti estremamente vicini tra di loro. L'occhio umano, ad esempio, è in grado di distinguere al massimo...
Università e Master

Come Determinare La Struttura Di Lewis Con La Carica Formale

La chimica è una materia molto apprezzata e particolarmente divertente per molti studenti che riescono a vedere come cambi la materia e come le soluzioni possano essere realizzate. Però per riuscire a comprendere in pieno la chimica è necessario conoscere...
Università e Master

Come utilizzare la formula di Stirling per i limiti di successioni

Nello studio dell'analisi matematica compaiono spesso quelli che vengono definiti come limiti di successioni. Sostanzialmente si tratta di capire a che valore tende una determinata funzione a mano a mano che si avvicina a limiti che non potrebbe raggiungere....
Università e Master

Come trovare l'asse centrale in una struttura

Tutti gli studenti iscritti alla facoltà di architettura, si trovano prima o poi a fare i conti con l'esame di statica, che è quella branca della fisica che studia l'equilibrio. Quest'esame consta generalmente di una prova scritta seguita da una orale....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.