Regole sull'uso degli articoli in tedesco

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Utilizzare correttamente gli articoli nella lingua tedesca è un compito piuttosto difficile per chi è alle prime armi con questo idioma perché essi cambiano in base al caso (dativo, accusativo, genitivo) e non sempre corrispondono al relativo maschile o femminile italiano. In più a complicare il tutto si aggiunge il das, l'articolo neutro e tutto diventa più difficile. Per orientarsi meglio in questo campo, in questa guida andremo a vedere 5 regole sull'uso degli articoli in tedesco.

26

Il determinativo DIE

L'articolo femminile è utilizzato per tutte le parole che finiscono con queste desinenze: -hung, -heit, - keit, -schaft, -ie, -ei, -ik, -ur, -tat, -ion, -anz, -enz, -e (in questo ultimo caso esistono alcune eccezioni). L'articolo die va poi messo davanti a tutti i numeri e si usa per i sostantivi plurali.

36

Il determinativo DER

L'articolo maschile der si usa invece per tutti i sostantivi con le seguenti desinenze: -or, -ig, -ich, -ling, -ismus, -ent, -ant, -en, -el, -er (in questi ultimo tre casi ci sono delle eccezioni). Inoltre der si usa davanti a tutti i sostantivi di mesi, giorni, stagioni e per tutte le parti della giornata ad eccezione della notte (per la quale si usa die, come in die Nacht).

Continua la lettura
46

Il determinativo DAS

Il das è infine l'articolo neutro e si usa in genere con i sostantivi che terminano con le desinenze -chen, -lein, -o, -ment, -um (qui con alcune eccezioni). Il das si usa inoltre per tutti gli infiniti dei verbi sostantivati (come essen), per tutte le lettere dell'alfabeto, per i metalli, le medicine, le sostanze chimiche e per tutti i sostantivi che cominciano per Ge- (salvo rarissime eccezioni).

56

Gli indeterminativi

Come in italiano, anche in tedesco esistono gli articoli indeterminativi che si utilizzano quando parliamo di una cosa generica o non specificata o nota ma di cui si parla per la prima volta. I due articoli indeterminativi sono eine (femminile) e ein (neutro e maschile) e per la scelta dell'articolo corretto fanno riferimento alle stesse regole precedentemente descritte per i tre articoli determinativi.

66

L'articolo a seconda del caso

Come accennato nell'introduzione, l'articolo in tedesco varia anche in base al caso della frase. In tedesco esistono infatti il caso nominativo, il caso accusativo, il genitivo e il dativo in relazione alla finalità della frase (cioè in base alla presenza del complemento di termine, di specificazione e del complemento oggetto) e in base ad ognuno di essi c'è una variazione nella desinenza finale dell'articolo. Per quanto riguarda questa parte ci sono ovviamente regole precise che vanno memorizzate quindi è opportuno studiare i vari casi per inserire correttamente l'articolo giusto all'interno della frase.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Uso degli articoli in inglese

La grammatica inglese è l'insieme delle regole morfologiche e sintattiche che regolano la lingua. Questa ha diverse affinità con le grammatiche degli idiomi come il tedesco, l'olandese, il frisone, il fiammingo. Questo perché appartengono al gruppo...
Lingue

Gli articoli determinativi in tedesco

Gli articoli determinativi in tedesco corrispondono ai nostri "il, lo, la, i, gli, le". La differenza con l'italiano sta nel fatto che i nostri variano solo in base al genere (maschile, femminile) e al numero (singolare, plurale). In tedesco gli articoli...
Lingue

L'uso degli articoli in francese

Esattamente come nella grammatica italiana anche nella grammatica francese esistono due tipologie di articoli; gli articoli determinativi e gli articoli indeterminativi. In francese questi articoli vengono chiamati définis et indéfinis.In questa guida...
Lingue

Tedesco: le nuove regole ortografiche

Negli ultimi anni sono intervenute alcune modificazioni nelle regole ortografiche della lingua tedesca. Dal 96 al 2005 era prevista la coesistenza dei due filoni di regole. Dal 2005 in poi, invece, è stato deciso che la grafia nuova e riformata è divenuta...
Lingue

Tedesco: regole di pronuncia

Week-end romantico a Berlino e avete paura di non imbroccare nemmeno una parola in tedesco? Siete in vacanza in Baviera e parlate in inglese per non rischiare la figuraccia chiedendo un "Espresso"? Non vi preoccupate: "kartoffeln" si legge proprio come...
Lingue

Regole per l'uso degli avverbi di frequenza in inglese

Se anche voi vi dilettate con le lingue straniere e/o avete studiato a scuola la lingua inglese allora sicuramente avete sentito parlare degli avverbi di frequenza e del modo in cui vengono utilizzati all'interno delle frasi. Un avverbio di frequenza...
Lingue

La pronuncia del tedesco

La pronuncia del tedesco segue delle regole ben precise. Tra la lingua scritta e quella orale non esistono molte differenze. L'alfabeto tedesco è lo stesso di quello inglese. Si aggiungono ad esso però dei simboli in più. In particolare esiste lo scharfes...
Lingue

Tedesco: il discorso indiretto

Conoscere il tedesco è un valido aiuto nel mondo del lavoro, e non solo per chi è intenzionato a trasferirsi in Germania, ma anche per chi ha a che fare ogni giorno con clienti stranieri che, soprattutto nel mondo della finanza e dell'industria, sono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.