Regole per l'uso degli avverbi di frequenza in inglese

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Se anche voi vi dilettate con le lingue straniere e/o avete studiato a scuola la lingua inglese allora sicuramente avete sentito parlare degli avverbi di frequenza e del modo in cui vengono utilizzati all'interno delle frasi. Un avverbio di frequenza serve per indicare la frequenza con cui un azione avviene o viene eseguita. Nella lingua inglese esistono alcuni avverbi di frequenza e la loro posizione nella frase precede quasi sempre il verbo. Vediamo in dettaglio le regole per l'uso degli avverbi di frequenza in inglese e le varie eccezioni quando si compongono le frasi.

28

L'eccezione del verbo essere e dei verbi modali

Mentre tutti gli avverbi di frequenza vengono posti prima del verbo, questo non può esser fatto con il verbo essere "to be" e con i verbi modali "can, will, must...". E da non dimenticare gli ausiliari "do, did, have". Quindi bisogna memorizzare bene queste eccezioni così da evitare errori.

38

L'avverbio Never

Quando volete indicare che un azione o un evento non accade mai o è molto difficile che accada dovrete utilizzare l'avverbio di frequenza "Never". Never oltre ad essere una negazione "non" significa pure "mai". Per esempio: He never whatches movies on tv. Che significa: Lui non guarda mai i film in televisione.

Continua la lettura
48

L'avverbio Rarely

Se volete dire che un evento è raro o accade raramente allora dovrete utilizzare l'avverbio "Rarely". Questo avverbio infatti significa raramente e può essere usato come segue: I am rarely at school early in the morning. Che tradotto significa Io sono raramente a scuola di mattina presto.

58

L'avverbio Often

Quanto un evento o azione è frequente e/o accade spesso non vi resta che utilizzare "often" che indica il ripetersi frequente di un evento o azione. Often si può usare come segue: Simon does often listen to music in the kitchen. Ovvero, Simon spesso ascolta musica in cucina.

68

L'avverbio Usually

L'avverbio "usually" come "often" indica azioni o eventi che si ripetono frequentemente. Ma mentre "often" significa "spesso", "usually" si può tradurre con "di solito". Vediamo un esempio di utilizzo dell'avverbio usually: I can usually read for hours a day. Che significa: Io posso di solito leggere per tante ore al giorno.

78

L'avverbio Sometimes

Quando l'azione o l'evento accade ogni tanto allora dovrete utilizzare "sometimes". Sometimes significa "talvolta" oppure "ogni tanto". Potrete utilizzare questo avverbio come segue: I sometimes travel all over the world. Che tradotto significa: Io a volte viaggio intorno al mondo.

88

L'avverbio always

L'avverbio always al contrario di Never indica un azione che avviene sempre un evento che si ripete periodicamente e continuamente. Se quindi volete indicare una periodicità dovrete utilizzare questo avverbio. Potete usare "always" come segue: Bob always run in the morning before work. Che significa: Bob corre ogni giorno prima di lavorare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Inglese: uso del verbo wish

È risaputo che la lingua inglese, costituisce una lingua abbastanza complessa (soprattutto nella grammatica, per quanto riguarda l'uso e la coniugazione dei verbi). Questa lingua infatti, si caratterizza oltre che per la sua ricchezza di contenuti, anche...
Lingue

Uso degli articoli in inglese

La grammatica inglese è l'insieme delle regole morfologiche e sintattiche che regolano la lingua. Questa ha diverse affinità con le grammatiche degli idiomi come il tedesco, l'olandese, il frisone, il fiammingo. Questo perché appartengono al gruppo...
Lingue

Lingua inglese: 5 regole da non dimenticare

L' inglese è una delle lingue più parlate al mondo, ma nonostante sia insegnata fin dalle elementari, alcune persone continuano a trovare difficoltà. In realtà, però, bastano alcuni semplici accorgimenti per evitare gli errori più comuni. Ecco le...
Lingue

Lingua cinese: gli avverbi

Una lingua si compone di tante parti, sintassi, grafia, fonetica, ecc. Per impararla un dettaglio fondamentale da conoscere è la grammatica. Sì esatto, proprio quella che anche in italiano, fatichiamo a studiare per pigrizia ma senza la quale i nostri...
Lingue

Regole sull'uso degli articoli in tedesco

Utilizzare correttamente gli articoli nella lingua tedesca è un compito piuttosto difficile per chi è alle prime armi con questo idioma perché essi cambiano in base al caso (dativo, accusativo, genitivo) e non sempre corrispondono al relativo maschile...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Lingue

Come formare il futuro di probabilità in inglese

L'inglese è la lingua del futuro, anzi lo è già. Ed è proprio indispensabile conoscere almeno le basi grammaticali per poter dialogare o quanto meno cercare di farlo, sopratutto nel mondo del lavoro, che è sempre più all'insegna della globalizzazione....
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.