Regole per coniugere i congiuntivi indipendenti in latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il latino non è una lingua facile, ma è molto studiata in tutte le scuole, per tantissimi e giusti motivi. Fra gli argomenti più difficili da trattare ci sono i congiuntivi, che imparando alcune regole, possono risultare molto semplici. Il congiuntivo, come tutti ben sappiamo è il modo della soggettività. Quando incontriamo un congiuntivo in una proposizione indipendente, ci troviamo di fronte ad un fatto non considerato nella sua realtà oggettiva, ma concepito come possibile. I congiuntivi sono stati divisi in due categorie, per motivi di praticità, ovvero: Con negazione "ne" e con negazione "non". I congiuntivi con negazione "ne" sono: esortativo, ottativo e concessivo, mentre quelli con negazione "non" sono: dubitativo, irreale, suppositivo, potenziale. Ecco quindi poche e semplici regole per coniugare i congiuntivi indipendenti in latino.

28

Ottativo

L'ottativo (con negazione ne) è atto ad esprimere un desiderio o un augurio.
In italiano l'ottativo esiste, ma è molto raro e si esprime con i congiuntivi eventualmente accompagnati dall'espressione "O se". Invece, in latino è introdotto da "Untinam" o da "o si".
I tempi usati per le coniugazioni sono questi: Presente, perfetto, piucheperfetto e imperfetto.

38

Esortativo

L'esortativo (con negazione ne/neve), esprime un'esortazione, un consiglio, un invito o meno spesso un imperativo nelle persone mancanti.
È necessario ricordare che l'imperativo in latino ha solo le seconde persone.
Questa volta il tempo usato per la coniugazione è solo il presente, raramente il perfetto.

Continua la lettura
48

Dubitativo

Il dubitativo (con negazione non) è costituito da una preposizione interrogativa retorica, di cui però si sa già la risposta, ma questa è sottintesa. Per tradurlo in italiano dobbiamo ricorrere al condizionale del verbo dovere ed unirlo ad un infinito.
I tempi usati per le coniugazioni sono solo il presente e l'imperfetto.

58

Potenziale

Il potenziale esprime la possibilità del verificarsi o meno di un'azione. In italiano per esprimere questo concetto si ricorre al condizionale del verbo potere unito all'indicativo futuro o all'infinito. I tempi usati per le coniugazioni sono: Il presente o talvolta l'imperfetto.

68

Concessivo

Il concessivo (con negazione ne), serve per formulare frasi adoperate per concessioni o per l'ammissione di un qualsiasi fatto. I tempi che vanno usati per le coniugazioni con il concessivo sono: Il presente e il perfetto, utilizzati rispettivamente per esprimere la concessione nel presente e nel passato.

78

Suppositivo

Il suppositivo (con negazione ne), è usato piuttosto raramente perché non è formulata un'ammissione ma una supposizione.
I tempi usati per la coniugazione sono i seguenti: presente e perfetto per le supposizioni ritenute possibili sia nel passato che nel presente, e l'imperfetto e il piucheperfetto per le supposizioni non vere sia nel presente che nel passato.

88

Irreale

L'irreale (con negazione non) serve ad esprimere un fatto che sarebbe accaduto solo se si fossero verificate determinate condizioni, le quali condizioni non si sono però verificate. I tempi usati per le coniugazioni sono: L'imperfetto per il presente e con il piucheperfetto per il passato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Grammatica latina: la proposizione finale

Nello studio della grammatica latina, come in quella italiana, che da essa deriva, si debbono affrontare particolari aspetti della frase come le proposizioni. Esse possono essere di vario genere, ma qui ci concentreremo principalmente sulla proposizione...
Superiori

Latino: come riconoscere e tradurre le proposizioni consecutive

La grammatica latina è uno degli scogli principali per gli studenti dei licei. Appena si inizia con i vari complementi è molto difficile tenere tutto bene a mente. Ma quando si passa all'analisi del periodo la situazione si complica ulteriormente. In...
Superiori

Latino: le quattro coniugazioni

Lo studio della lingua latina oggi è particolarmente diffuso in molte scuole d'Italia, in quanto è stata riconosciuta come la lingua ufficiale delle antiche civiltà ed è la lingua base delle moderne lingue. In questa guida analizzeremo le quattro...
Superiori

Il Liber di Catullo

Gaio Valerio Catullo, uno dei più amati poeti dell'antica Roma, era originario della Gallia Cisalpina e nacque a Verona probabilmente nell'84 a. C e morì nella Capitale trent'anni dopo, nel 54. Proveniva da una famiglia agiata ed ebbe modo di frequentare...
Superiori

Come usare i pronomi e gli aggettivi indefiniti negativi in latino

Il latino è una lingua arcaica, utilizzata in Europa ed in Africa settentrionale già nei millenni prima di Cristo. La diffusione dell'idioma venne influenzata dalla grande espansione dell'impero romano. Ancora oggi, viene studiato nei vari licei come...
Superiori

Latino: periodo ipotetico

Il latino, lingua universale di qualche millennio fa, è la lingua capostipite di moltissime lingue europee. Naturalmente, la lingua che si è sviluppata maggiormente sulla falsa riga del latino è il nostro italiano, ragion per cui per noi italiani è...
Superiori

Come formare un paradigma latino

La grammatica latina, così come quella italiana è molto vasta e presenta determinate terminologie che vengono utilizzate per uno studio più approfondito della grammatica e della sintassi. Nell'analisi logica, il soggetto, il complemento oggetto e il...
Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Mentre in italiano i verbi sono o di forma attiva (es. Io lodo) o di forma passiva (es. Io sono lodato), in latino esistono anche verbi di forma passiva, ma di significato attivo: i verbi deponenti. I grammatici li hanno chiamati così pensando erroneamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.