Proprietà grafiche delle funzioni pari, dispari e periodiche

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le funzioni matematiche sono caratterizzate da diverse proprietà, utili per descrivere in modo esauriente il comportamento di una data funzione. Una funzione matematica non è altro che una relazione tra due insiemi, uno definito dominio (insieme X) e l'altro definito codominio (insieme Y), che lega ciascun valore dell'insieme X ad uno ed un solo valore dell'insieme Y. Per individuare qual è l'elemento che la funzione associa a ciascun valore dell'insieme X si utilizza la notazione f (x) = y. Tra le principali proprietà che caratterizzano le funzioni matematiche ci sono quelle di simmetria, che definiscono le funzioni pari, dispari e periodiche. Nei prossimi passi vedremo quali sono le proprietà grafiche di queste particolari funzioni.

26

Occorrente

  • Manuale di analisi matematica
36

Una funzione matematica viene definita periodica di periodo T quando i valori che assume si ripetono ad intervalli regolari pari a T. A livello matematico possiamo scrivere che per una funzione periodica vale la relazione f (x+T) = f (x). Una proprietà delle funzioni periodiche stabilisce che la somma e il prodotto di due funzioni periodiche aventi stesso periodo T e stesso dominio, originano una nuova funzione periodica con stesso periodo T. Esempi di funzioni periodiche sono le varie funzioni trigonometriche seno, coseno, tangente.

46

Considerando una funzione f (x), con valori di dominio e codominio appartenenti all'insieme dei numeri reali R, essa viene definita pari quando per ogni x appartenente ad R, viene soddisfatta la relazione f (x) = f (-x). Una funzione pari a livello geometrico è caratterizzata dalla simmetria rispetto all'asse y. Il nome "pari" deriva dal fatto che gli esponenti presenti nelle serie di Taylor di funzioni pari centrate nell'origine di un sistema di assi cartesiani, hanno solamente valori pari. Un esempio di funzione pari è quello della funzione trigonometrica coseno, infatti è sempre valida la relazione cos (x) = cos (-x).

Continua la lettura
56

Considerando una funzione f (x), con valori di dominio e codominio appartenenti all'insieme dei numeri reali R, essa viene definita dispari quando per ogni x appartenente ad R, viene soddisfatta la relazione f (-x) = -f (x). Una funzione dispari, geometricamente risulta simmetrica rispetto all'asse x di un sistema di assi cartesiani. In pratica, i valori a destra dell'asse y, risultano uguali ma di segno opposto rispetto quelli a sinistra. Un esempio classico di funzione dispari è la funzione trigonometrica seno, per la quale vale la relazione sen (-x) = -sen (x).

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzare un buon manuale di analisi matematica per approfondire.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Proprietà locali e globali delle funzioni: formula di Taylor

La matematica è sempre stato un argomento veramente ostico per tutte le persone che l'hanno dovuta studiare nei propri percorsi scolastici. Nella presente dettagliata ed esplicativa guida che vi andrò ad esplicare bene nei passaggi successivi, vi presenterò...
Superiori

Appunti di trigonometria: funzioni goniometriche derivate da sin e cos

La trigonometria, il cui nome deriva dal greco e significa "risoluzione del triangolo", è quella branca della matematica destinata appunto allo studio dei triangoli, partendo dai loro angoli. Tramite delle particolari funzioni, dette goniometriche o...
Superiori

Come calcolare i limiti di funzioni reali di una variabile reale

Lo studio della funzione è uno degli argomenti principali della matematica. Per lo studio dei limiti di funzioni reali di una variabile reale bisogna, innanzitutto studiare il dominio, per poi calcolare i limiti nei punti di discontinuità e capire se...
Superiori

Studio di funzioni goniometriche

Imparate a studiare le funzioni goniometriche è molto utile per via dell'importanza che esse rivestono in moltissimi ambiti sia della matematica, nell'ambito dell'elettronica ed elettrotecnica, della meccanica e delle telecomunicazioni. Queste funzioni...
Superiori

Come rappresentare le funzioni esponenziali su una calcolatrice

Per ottenere in modo rapido delle informazioni riguardo l'ingegneria complessa, in particolar modo la rappresentazione grafica delle funzioni esponenziali, senza dover passare attraverso lunghi e laboriosi calcoli potete andare ad utilizzare una calcolatrice...
Superiori

Funzioni lineari: esempi di esercizi svolti

Prima di vedere degli esempi pratici di funzioni lineari diamone una definizione: una funzione è lo studio della corrispondenza tra due grandezze, analizza cioè, date due grandezze, come varia la seconda al variare della prima. Si definiscono lineari...
Superiori

Dimostrazione della derivata del prodotto di due funzioni

Il Teorema della derivata del prodotto di due funzioni permette di riconoscere la derivabilità di funzioni che si costruiscono con le operazioni algebriche elementari: in realtà, oltre a garantire la derivabilità delle funzioni "costruite", esso fornisce...
Superiori

Come calcolare la derivata di funzioni semplici

Calcolare la derivata prima è molto importante nello studio delle funzioni, poiché consente di conoscere gli intervalli in cui queste crescono e/o decrescono ed è possibile calcolarne i massimi e i minimi. Con questi dati essenziali, risulta poi molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.