Principi e teoremi dell'economia del benessere

Tramite: O2O 01/02/2018
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'economia del benessere o "welfare economy" è una branca della microeconomia che studia l'equilibrio e la dinamica del libero mercato, ponendolo in contrapposizione con quello che subisce ingerenze da parte dello Stato o che è obbligato ad adeguarsi ad un meccanismo basato sulla pianificazione centrale. Vediamo quali sono i principi e teoremi dell'economia del benessere.

25

Principi dell'economia del benessere

L'economia del benessere si basa sull'ipotesi secondo la quale in un mercato perfettamente concorrenziale si tende a raggiungere una situazione di equilibrio dinamico in cui tutte le risorse prodotte dall'economia sono allocate in maniera ottimale agli agenti che vi operano. Si parla di allocazione ottimale di risorsa quando una volta effettuata la distribuzione non è possibile modificarne gli assetti senza favorire o sfavorire uno degli agenti. Si parla di modello di Pareto o paretiano. Per converso in un'economia basata su pianificazione centralizzata anche ottimale le risorse non si muoverebbero con le modalità migliori perché il sistema è solo parzialmente osservabile e controllabile.

35

Primo teorema dell'economia del benessere

Supponendo di trovarci i un'economia di puro scambio, con due agenti e due beni, i punti con efficienza di Pareto si trovano sulla curva dei contratti. Questi punti sono quelli per i quali le pendenze delle curve di indifferenza sono le stesse. Condizione necessaria è che l'equilibrio concorrenziale presenti la stessa configurazione. In tale punto di equilibrio si ha che ognuno degli agenti sta massimizzando la propria utilità, una volta stabilite l'utilità dell'altro agente e le condizioni di realizzabilità.
In pratica le condizioni di efficienza paretiana si realizzano in un'economia decentralizzata di concorrenza perfetta. Se la condizione è di economia a modello walrasiano, che contiene individui con preferenze crescenti, ognuna delle allocazioni di equilibrio risulta essere efficiente.

Continua la lettura
45

Secondo teorema dell'economia del benessere

Modificando in maniera opportuna le dotazioni iniziali dell'economia, impiegando modelli di ridistribuzione, tasse o sussidi a somma fissata, in un'economia concorrenziale si riesce a raggiungere qualsivoglia stato sociale, che sia efficiente secondo il modello di Pareto oltre che sulla frontiera di massima utilità.
Il raggiungimento dell'obiettivo di equità, stimato tramite il punto di intersezione fra la più altra fra le curve che modellizzano il benessere sociale e quella della frontiera delle utilità possibili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Appunti di economia aziendale: il capitale circolante netto

L’economia è una disciplina complessa e particolarmente vasta, e come tale si articola in diverse sottocategorie che, insieme, concorrono a formare la disciplina stessa. Tra le tante branche facenti parte di queste sottocategorie vi è anche la cosiddetta...
Superiori

I principi della termodinamica

In parallelo con lo sviluppo industriale, all'inizio del 800 nasce una nuova scienza: la termodinamica. Con la termodinamica, calore ed energia meccanica assumono il ruolo di forme diverse di una stessa entità. Il primo principio della termodinamica...
Superiori

Come andare bene in economia aziendale

L'economia aziendale è una materia, come molte altre, che crea molti problemi agli studenti delle scuole superiori. L'ostacolo più grande di questa materia si manifesta nella parte pratica della disciplina che viene imparata molto spesso meccanicamente,...
Superiori

Fisica: i principi della dinamica

Quando si parla di Dinamica si intende quella parte della Fisica che si occupa di studiare come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. Esistono infatti diversi tipi di forze che agiscono sui corpi e ne modificano il movimento....
Superiori

Appunti di economia aziendale: l'elasticità incrociata

In questo manuale vi illustriamo alcuni appunti di economia aziendale. L' elasticità incrociata è molto importante nel settore perché misura la reattività della domanda di un bene rapportata alla variazione del prezzo di un secondo bene. Tale parametro...
Superiori

Appunti di economia politica: il mercato

Il primo contatto con l'economia politica, specialmente nel caso in cui si provenga da studi liceali, potrebbe apparire traumatico e difficoltoso. Un metodo ottimo per famigliarizzare con la nuova materia, è sicuramente quello di comprendere le parole...
Superiori

I principi fondamentali dell'Illuminismo

L'illuminismo è stato un movimento politico, culturale e sociale oltre che filosofico che si è sviluppato nel Europa intorno al XVIII secolo. Sebbene i germi culturali di questa rivoluzione abbiamo visto la loro nascita in Inghilterra, il movimento...
Superiori

Economia: beni e bisogni economici

L'etimologia del termine economia, che deriva dalla lingua greca, è formata dall'unione del termine οίκος (casa), e νομος (norma). L'economia, infatti, rappresenta la scienza che analizza lo studio economico degli equilibri collettivi ed individuali,...