Primo Levi: vita e opere

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Primo Levi (1919-1987) fu un chimico ed uno scrittore italiano. La sua produzione letteraria è legata alla tragedia della Shoah nella Seconda guerra mondiale. Levi è infatti uno dei sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti. Deportato in quanto ebreo ad Auschwitz, dopo la Liberazione tornò in Italia. Le sue opere sono state fondamentali per fare luce sull'esistenza dei campi di sterminio. Approfondiamo allora la vita e le opere di Primo Levi.

24

I suoi studi

Primo Levi nacque a Torino da una famiglia ebrea nel 1919. A Torino frequentò il liceo classico D'Azeglio dove tra i professori figurava niente meno che Cesare Pavese. Nel 1937, dopo il diploma, Levi si iscrisse all'Università di Torino: scelse la facoltà di Chimica. Nel 1938 entrarono in vigore le leggi razziali che ostacolarono non poco il suo percorso di studi. Ma riuscì comunque a laurearsi nel 1941 con 110 e lode. Dopo l'armistizio del 1943 si unì ad un gruppo di partigiani in Val d'Aosta. Il 13 dicembre 1943 la milizia fascista lo arrestò e lo portò nel campo di Fossoli (Modena) come ebreo. Da qui, l'anno dopo venne deportato nel lager di Buna-Monowitz (o Auschwitz III) dove rimase fino alla Liberazione per mano dell'Armata Rossa. Dopo un difficile viaggio attraverso i Balcani, Primo Levi riuscì a tornare in Italia. La sua vita, per quanto tormentata dal ricordo dei campi, proseguì più o meno normalmente. Si sposò con Lucia Morpurgo e iniziò a lavorare in una fabbrica di vernici, di cui diventerà direttore e riprese a scrivere.

34

Le sue opere erano testimonianze di vita nei campi di sterminio nazista

Nel 1947 Primo Levi pubblica una delle sue opere più importanti e la più famosa: "Se questo è un uomo". Si tratta di una delle prime testimonianze dirette di vita nei campi di sterminio nazista. A "Se questo è un uomo" nel 1963 seguì la pubblicazione di "La tregua". Qui Levi racconta del difficoltoso viaggio di ritorno in patria. Primo Levi si dedica anche alla stesura di racconti para-scientifici, che raccoglie in "Storie naturali" (1966). Fino alla fine della sua vita Levi non abbandonerà mai l'attività di scrittore, collaborando anche con il quotidiano La Stampa.
Nel 1986 venne pubblicato il suo ultimo contributo sul tema dell'Olocausto: "I sommersi ed i salvati". I sommersi erano coloro che nei campi avevano trovato la morte, i salvati coloro che sopravvissero. In quest'opera Levi amplia l'analisi sulla "zona grigia", cioè sui prigionieri che collaboravano con i nazisti (come i Kapò). Primo Levi chiarisce bene che, secondo lui, le persone migliori, più gentili ed umane, erano le prime a morire. La gentilezza non era adatta a quella non-vita. Dunque, c'è da chiedersi se i "salvati" non siano stati in realtà "sommersi". Sommersi dall'orrore e da se stessi.

Continua la lettura
44

La sua morte

Nel 1987, Primo Levi fu trovato morto alla fine della tromba delle scale di casa propria. Incidente o suicidio? Non è mai stato del tutto chiaro. Chiaro invece è che l'orribile ricordo dei campi di sterminio non lo lasciò mai in pace. Infine, citando Levi: "Meditate che questo è stato" e può accadere ancora.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Letteratura italiana: il neorealismo

Molto più che una corrente letteraria ben precisa o un movimento culturale definito, il Neorealismo è un clima, un’influenza intellettuale che permea il tessuto artistico, in particolare quello della letteratura italiana, da cui si origina, tra gli...
Elementari e Medie

Come iniziare a scrivere un diario

La scrittura di un diario è una forma narrativa dalle origini molto antiche. Basti pensare che già nel medioevo era diffusa, tra le popolazioni alfabetizzate, l'abitudine di registrare ogni piccolo evento autobiografico su libri denominati "libri di...
Superiori

Montale: vita e opere

Eugenio Montale è considerato uno dei più grandi poeti italiani del novecento. Nelle sue poesie, l'autore non parla di grandi cose, ma si sofferma sugli elementi di una realtà povera; a differenza di Pascoli che parlava delle stesse cose adottando...
Superiori

la seconda guerra mondiale in pillole

In questa breve guida vi illustrerò brevemente la Seconda Guerra Mondiale, dividendo i fatti di primaria importanza in pillole, affrontando le diverse tematiche del conflitto e in particolare le politiche espansionistiche.Partiamo dal presupposto che...
Superiori

Appunti sulla Shoah

La Shoah è stato uno degli avvenimenti cardine che caratterizzarono il ventesimo secolo. Molti studiosi e storici di vario genere hanno trascorso la propria vita a studiare l'Olocausto e nessuno è mai riuscito a proporre in una singola opera il quadro...
Superiori

Come fare un tema sulla Shoah

La Shoah, chiamato anche Olocausto, è stato un massacro contro gli ebrei commesso dalla Germania hitleriana; questo evento causò milioni di morti in pochissimi anni. Il 27 gennaio del 1945 i soldati americani, giunsero in Europa, liberando gli ormai...
Superiori

La colonna infame di Alessandro Manzoni: appunti

La letteratura è una materia molto importante perché accresce il nostro bagaglio culturale e ci permette di conoscere molte delle opere realizzate dai grandi artisti nel passato. Grazie ad internet, potremo trovare moltissime guide che ci aiuteranno...
Superiori

Eventi storici: la notte dei cristalli

Il 9 novembre del 1938, sancisce una data storica ancora drammaticamente ricordata ai nostri giorni. Proprio durante la notte di quel fatidico giorno, in Germania si verificò una vicenda che passò nella storia con il nome di "Notte dei cristalli". Tale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.