Pianeti terrestri e gioviani: caratteristiche

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Oggi, grazie alla tecnologia avanzata e a dei telescopi digitali in grado di scrutare nel profondo universo, è possibile distinguere e classificare pianeti di ogni genere. Tra questi sono costantemente monitorati quelli che orbitano intorno alla Terra e a Giove. Sono molti gli studiosi che si occupano di classificare e descrivere i pianeti ed è proprio grazie a loro che attualmente si hanno delle conoscenze abbastanza approfondite sull'universo. In riferimento a questo, attraverso i passaggi seguenti andremo a vedere quali sono le principali caratteristiche morfologiche dei pianeti terrestri e gioviani.

24

La struttura dei pianeti

Per cominciare, è importante precisare che sia i pianeti terrestri che quelli gioviani sono costituiti essenzialmente da materiali rocciosi e metallici, mentre le quantità di gas sono davvero minime. La loro atmosfera è rarefatta e in alcuni casi del tutto assente. Sono definiti pianeti terrestri Mercurio, Venere, Terra e Marte mentre quelli gioviani sono rappresentati da Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Plutone, invece, a causa delle sue ridotte dimensioni, non viene considerato un pianeta del sistema solare.

34

Le caratteristiche dei pianeti

Per cominciare a conoscere meglio le caratteristiche di ogni singolo pianeta possiamo partire da Mercurio: esso è il più piccolo tra i pianeti del Sistema Solare e il più vicino al Sole. È privo di satelliti e di atmosfera e questa è la causa primaria di una grande escursione termica tra parte esposta al Sole e parte in ombra.. Si ritiene che abbia un nucleo metallico che genera un campo magnetico bipolare. Presenta molte caratteristiche che lo rendono simile alla Luna. Venere, invece, si caratterizza per delle dimensioni e una densità simili alla Terra e proprio come Mercurio non ha dei satelliti. A causa dell'elevata percentuale di biossido di carbonio, l'effetto serra su questo pianeta è molto intenso: le radiazioni infrarosse vengono assorbite e questo fa del pianeta un corpo celeste caldissimo, molto più di quanto ci si aspetterebbe. La Terra è l'unico pianeta del sistema solare dove finora si siano create le condizioni per la vita e la Luna è il suo satellite naturale. Marte possiede invece molti aspetti in comune con il nostro pianeta; inoltre sono riconoscibili delle calotte glaciali dovute ad elevate quantità di CO2.

Continua la lettura
44

I satelliti dei pianeti

Giove è il pianeta più grande del Sistema Solare. Ha un numero cospicuo di satelliti e tra questi ricordiamo Io, Europa, Ganimede e Callisto. La sua superficie non è solida e il pianeta ha di per sé una composizione molto simile a quella solare. Saturno è il pianeta conosciuto anche come il "signore degli anelli" per via della fascia di frammenti solidi che lo circondano a livello equatoriale. Urano è caratterizzato, invece, da una densità media più elevata rispetto gli altri pianeti gioviani e intorno ad esso ruotano ben 27 satelliti. Nettuno, infine, è più piccolo di Urano. La sua esistenza si suppone risalga a prima ancora che venisse scoperto e questo fattore è stato determinato dalle perturbazioni generati dal moto di Urano che ne oscuravano la visione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Scienze: guida sui pianeti

I pianeti (dal greco planetes cioè errante, vagante) sono corpi celesti di forma sferica che non brillano di luce propria ma riflettono la luce del Sole che li illumina e intorno al quale ruotano. Il moto dei pianeti intorno al Sole è detto moto di...
Superiori

Come rappresentare il sistema solare

All'interno della presente guida, andremo a parlare di scienza e, più specificatamente, come avrete già potuto notare dal titolo rappresentativo della nostra guida, ora andremo a parlarvi di astronomia. Nello specifico, vi spiegheremo Come rappresentare...
Superiori

Fisica: il moto dei pianeti

In ordine di distanza dal Sole, i pianeti del Sistema solare sono: Mercurio, Venere, Terra, Marte (chiamati pianeti interni, o terrestri, perché presentano caratteristiche che sono simili a quelle del nostro pianeta), Giove, Saturno, Urano, Nettuno (detti...
Elementari e Medie

Come creare un sistema solare

Il sistema solare non è altro che un'immensa distesa spaziale, costituita da otto pianeti e da una varietà infinita di corpi celesti di vario tipo. All'interno di questo sistema, tutti i pianeti girano intorno al Sole seguendo un percorso ellittico...
Elementari e Medie

Come costruire un modellino del Sistema Solare

Il Sistema Solare è un interessantissimo argomento che si studia fin dalle scuole elementari. Per scoprire in cosa consiste l'universo, bisogna anzitutto saperne di più sulla Terra. E poi occorre studiare anche gli altri pianeti che ruotano attorno...
Superiori

Le leggi di Keplero

Johannes Kepler è ora ricordato soprattutto per aver scoperto le tre leggi del moto planetario. Riportano il suo nome pubblicato nel 1609 e nel 1619. Ha fatto anche un lavoro importante in ottica (1604, 1611). Ha scoperto due nuovi poliedri regolari...
Superiori

Le Leggi di Keplero e il moto dei pianeti

La Geografia Astronomica è una delle materie scolastiche più belle e interessanti di tutto il percorso: scoprire l'origine dell'Universo, la formazione della Terra ed il motivo della propria rotazione su se stessa sono degli argomenti che si studiano...
Elementari e Medie

Galileo Galilei e la nuova astronomia

Nell'antichità si credeva che il cielo fosse semplicemente la dimora degli dei; nonostante questo molti studiosi greci adottarono un metodo di approccio scientifico nei confronti dei misteri celesti. Poiché il Sole, la Luna e tutti gli altri pianeti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.