Ottica: le lenti bifocali

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando dobbiamo scegliere che tipo di lente è meglio acquistare, dobbiamo conoscere le caratteristiche di ogni tipo. Uno di questi è proprio il tipo di lente bifocale, di cui parleremo in questa guida e insieme scopriremo a cosa servono e perché sono molto consigliate. Benjamin Franklin è stato certamente tra i primi a indossare le lenti bifocali, e le sue lettere suggeriscono che sia stato proprio lui ad inventarle. Le lenti bifocali ci permettono di vedere nel migliore dei modi a prescindere dalle distanze e sicuramente garantiscono un elevato confort visivo. Forse è per questo che negli ultimi anni sono molti i modelli e le forme che sono venduti nei migliori centri di ottica. Scopriamo, quindi, le caratteristiche di questa lente speciale, che di sicuro ci semplificherà la vita se siamo costretti a portare ogni giorno gli occhiali!

25

Storia delle lenti bifocali

Le lenti bifocali sono occhiali con due potenze ottiche distinte. Tali lenti vengono solitamente prescritte per le persone affette da presbiopia che richiedono anche una correzione per miopia, ipermetropia e / o astigmatismo. Esse sono state progettate con lenti più convesse nella metà inferiore del telaio, e meno convesse sulla tomaia. Fino all'inizio del 20° secolo, due lenti separate venivano tagliate a metà e combinate insieme nel bordo del telaio. Il montaggio di due lenti a metà in un singolo fotogramma ha portato ad una serie di complicanze precoci e ha reso tali lenti piuttosto fragili. Un metodo per la fusione delle sezioni delle lenti insieme è stato sviluppato da Louis de Wecker, alla fine del 19° secolo e brevettato dal Dottor John L. Borsch, Jr. Nel 1908.

35

Le lenti bifocali di oggi

Oggi la maggior parte delle lenti bifocali vengono create da stampaggio su un segmento di lettura in un obiettivo primario e sono disponibili con i segmenti di lettura in una moltitudine di varietà, di forme e misure. I più popolari sono il segmento D con 28 millimetri di larghezza, e il segmento D che offre ottica superiore.

Continua la lettura
45

Lenti innovative

Grazie alla ricerca, sono sempre maggiori le possibilità di reinventare queste lenti con nuovi materiali che permettono di affinare ancora di più le loro caratteristiche. Infatti, grazie a nuovi materiali e tecnologie si può modificare e regolare selettivamente il potere ottico di una lente. I ricercatori, hanno addirittura pensato di inserire tra due substrati di vetro, uno strato di cristalli liquidi. La scelta delle lenti deve essere inevitabilmente consigliata dal vostro ottico di fiducia, che vi consiglierà quale tipo di lente sarà a voi più adatta. Questa guida sulle lenti è stata scritta solo a scopo informativo.
.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultare il vostro ottico di fiducia
  • Non comprate alcun tipo di lente bifocale senza il consiglio di un vostro ottico di fiducia. Con la vista non si scherza!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come misurare la distanza focale di una lente convergente

Le lenti, elementi base di strumenti ottici quali il microscopio e il cannocchiale, o di strumenti atti a potenziare le capacità visive dell'organo della vista, l'occhio, sono costituite da materiali trasparenti (vetro o plastica) e delimitate da superfici...
Superiori

Come calcolare l'ingrandimento lineare

Una lente ha la proprietà di convergere i raggi di luce e quindi creare un'immagine virtuale di un oggetto. Questa proprietà della lente di formare immagini virtuali degli oggetti dove viene proiettato il focus è soggetta ad un incremento di grandezza....
Superiori

Il cannocchiale astronomico e galileano

Il cannocchiale è uno strumento ottico che serve ad osservare oggetti posti a grande distanza ed è costituito da due sistemi di lenti: obiettivo e oculare. L'obiettivo è sempre un sistema convergente, l'oculare invece può essere convergente o divergente....
Università e Master

Come applicare la formula di Abbe

Con il termine "potere di risoluzione" si intende la capacità (solitamente dell'occhio umano, o di una macchina) di distinguere come separati due punti estremamente vicini tra di loro. L'occhio umano, ad esempio, è in grado di distinguere al massimo...
Università e Master

Come costruire un microscopio

L'uomo non si è mai accontentato di quello che vedevano i suoi occhi: così ha creato strumenti per migliorare la vista difettosa (gli occhiali), per scrutare il cielo e le stelle (il cannocchiale) o per osservare cose troppo piccole per essere viste...
Superiori

Il quarzo: proprietà e caratteristiche

Lo studio dei minerali è una delle cose più affascinanti da fare, essi infatti ci dicono come il nostro bellissimo pianeta è fatto. Dal punto di vista tecnico i minerali non sono null'altro che degli oggetti, o meglio corpi inorganici che si trovano...
Superiori

Come calcolare l'angolo di rifrazione

Quando si immerge una cannuccia in un bicchiere d'acqua trasparente, l'immagine all'interno del bicchiere appare deformata, sembra "spezzata" in due; è un fenomeno molto curioso dovuto ad una legge fisica: la rifrazione, definita come il cambiamento...
Maturità

Ottica: le vie ottiche

In genere le vie ottiche sono delle strutture nervose che, hanno il compito di trasmettere la percezione visiva dalla retina alla corteccia occipitale del cervello. Esse fanno parte del sistema nervoso centrale e permettono di elaborare i dettagli visivi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.