Ottica: la natura della luce

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La luce ha un ruolo fondamentale nella vita dell'essere umano: non solo infatti consente la sintesi della vitamina D, ma regolarizza anche il nostro orologio biologico interno. La varietà dei fenomeni fisici connessi con la propagazione della luce ha reso particolarmente difficile la comprensione della sua natura. In ottica la luce è meglio definita come una forma di energia a cui l'occhio è sensibile. In passato si riteneva che la luce fosse composta di minuscole particelle che partivano dalle sorgenti luminose e stimolavano la vista quando l'occhio ne veniva colpito.

24

Fotoni

Successivamente si diffuse una teoria che vedeva la luce porsi come l'unica spiegazione di fenomeni come la diffrazione e l'interferenza. In accordo ad essa, la luce tendeva a propagarsi con un moto ondoso in maniera del tutto simile alle onde del mare. I progressi compiuti negli ultimi anni dalla fisica sono riusciti in parte ad unificare le differenti interpretazioni che costituirono motivo di accesi dibattiti tra illustri scienziati. Fu inoltre dimostrato che l'onda luminosa trasporta la sua energia, cioè il suo "effetto", in quantità minuscole ed invisibili dette fotoni.

34

Differenze tra onde

Analogamente, si deve ritenere che il punto di un qualsiasi corpo luminoso, come la fiamma di una candela o il filamento di una lampadina, conduce alla propagazione di una serie di onde luminose sferiche che si propagano in tutte le direzioni. Esistono però due rilevanti differenze tra questi due tipi di onde. Le onde nello stagno, sono causate dalla oscillazione delle molecole di acqua, mentre le onde luminose non sono dovute alla oscillazione di particelle materiali. Quanto appena asserito, risulta dimostrato dal fatto che non è possibile vedere un filamento incandescente posto all'interno di una campana di vetro in cui sia fatto il vuoto: se la luce necessitasse di particelle materiali per propagarsi, ciò non sarebbe possibile. Un' altro aspetto che tende a distinguere le onde, è la loro lunghezza.

Continua la lettura
44

Lunghezza di un'onda

La lunghezza di un'onda si può definire come la distanza tra due punti di massima altezza
dell'onda. La lunghezza delle onde luminose è nettamente inferiore a quanto si è soliti immaginare: va dai 400 ai 700 miliardesimi di metro! Ciò vuol dire che la distanza tra due massimi successivi di un'onda luminosa è più piccola della milionesima parte del metro! Ragion per cui per molti secoli è stato ignorato il carattere ondulatorio della luce, evidenziato solo quando gli ostacoli che la luce incontra hanno dimensioni paragonabili alla lunghezza d'onda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: i diversi tipi di onde

La fisica è una materia che spesso fa storcere il naso a molti studenti. Non è una disciplina in grado di farsi amare a primo colpo.  Le onde rappresentano un argomento fondamentale su cui si basa la fisica studiata nei licei.  Ora andremo a scoprire...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Young

Thomas Young, nato nel giugno del 1773, è stato un importante scienziato inglese, divenuto celebre per i suoi studi in fisica. Egli si concentrò sui temi della meccanica dei solidi e sulla luce ed è inoltre ricordato anche per i suoi studi in ottica....
Superiori

Ottica: le lenti protettive

In questa guida verranno dati alcuni utili suggerimenti su nozioni di ottica: le lenti protettive. Come tutti voi sapranno, è molto importante curare la salute del proprio corpo, in particolare quella della vista ancora di più. Gli occhi sono organi...
Superiori

Come trovare la velocità massima di un'onda trasversale

Le leggi della fisica dimostrano che un'onda può propagarsi sia nel vuoto che in un mezzo fisico. Un'onda non è altro che una perturbazione che si propaga nello spazio e nel tempo. In entrambi i casi il moto dell'onda lo si può descrivere attraverso...
Superiori

Come calcolare l'indice relativo di rifrazione

Nel mondo della fisica, quando si parla di onda, si intende una perturbazione che prende vita da una sorgente, ed è poi in grado di diffondersi nel tempo e nello spazio senza portare con sè materia, ma soltanto energia. Un'onda si può propagare sia...
Superiori

Come calcolare la lunghezza d’onda

La maggior parte di noi conosce il significato di onda, almeno intuitivamente parlando. Se lanciamo un sasso nello stagno, dal punto dove esso impatta sull'acqua si formano dei cerchi concentrici che si allontanano dal centro. Queste circonferenze concentriche...
Superiori

Come generare onde elettromagnetiche

Cos' è un'onda? Molto semplice: consideriamo, per esempio, le onde meccaniche, ovvero quelle visibili dall'occhio umano. Se lanciamo un sasso in acqua riusciremo a generare una serie di onde che si propagano e, ognuna, occupa sempre più spazio e non...
Superiori

Caratteristiche e struttura del sole

La guida che andremo a sviluppare lungo i prossimi tre passi, si occuperà del Sole. Infatti, come avrete potuto facilmente intuire attraverso la lettura del titolo che va ad accompagnarla, ora ci concentreremo sulle caratteristiche e sulla struttura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.