Ortografia: l'uso corretto di accenti ed apostrofi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come tutti noi ben sappiamo, l'ortografia e la grammatica italiana sono tra le più complesse che si conoscano, almeno all'interno dell'Unione Europea. L'italiano è una lingua difficile sia per gli stranieri, che per i piccoli italiani che affrontano per la prima volta le regole di questo idioma. Le regole sono tante, ed a causa di ciò tanti sono anche gli errori che vengono commessi. Ad esempio, è importante insegnare agli "apprendisti" quale è l'uso corretto di accenti ed apostrofi. Per questo motivo ho deciso che, in questo semplice e breve (ma anche interessante ed utile) articolo, vi illustrerò passo per passo qual è l'uso corretto di accenti ed apostrofi. Per fare ciò, evidenzieremo insieme gli errori più comuni e le distrazioni più diffuse nell'ortografia italiana.

26

Le forme abbreviate

Tra gli errori che comportano un uso non corretto degli apostrofi, ci sono le forme abbreviate. Partiamo da "ché": questa particella richiede l'accento solo se è nella forma abbreviata di "perché" (alle volte, raramente, anche abbreviazione di "affinché"). Invece, in tutti gli altri utilizzi, è corretto l'uso di "che" senza accento, come congiunzione o come sostantivato: non è che un amico, che non si faccia male, che ne so io?, ho conosciuto una signora che, la giostra non è un gran che (oppure, esiste anche "granché", che in ortografia italiana è corretto). Ricordiamo poi che "po'" con l'apostrofo è l'abbreviazione di "poco" (un po' di sale), mentre "Po" senza apostrofo fa riferimento al nome proprio del fiume padano.

36

Le congiunzioni e gli articoli

Vediamo le più comuni congiunzioni e gli articoli: ricordiamo che "là" e "lì" sono gli avverbi di posizione nel momento in cui sono abbinati ad un accento. Al contrario, "la" è articolo determinativo, senza accento, e "li" è il pronome atono. "Né" è una congiunzione (non voglio sapere né sentire); l'uso corretto di "ne" nudo, invece, senza accento o apostrofo, è quello di pronome oppure di avverbio. Parliamo poi di "sé", che con l'accento acuto indica il pronome, che risulta essere sempre tonico. "Se" senza apostrofo o accento, invece, indica il pronome atono. Esiste una poco diffusa forma, "se'" con apostrofo, che è una abbreviazione di "sei".

Continua la lettura
46

Le preposizioni e gli avverbi

Vediamo preposizioni ed avverbi: "sì" è l'avverbio, con accento, mentre "si" nudo è il pronome, nonché la nota musicale. "Dà" con accento grave è il verbo presente indicativo di "dare", mentre senza apostrofo o accento abbiamo "da", la preposizione. L'imperativo richiederebbe l'apostrofo "da'" (abbreviazione di "da"), ma queste forme non sono molto accolte nella grammatica ed ortografia italiana.

56

Altri aggettivi ed articoli

Tra le forme più sbagliate dell'uso di apostrofo, troviamo sicuramente l'aggettivo (o anche pronome) "quale". L'ortografia italiana richiede che, quando abbinato alla forma coniugata alla terza persona singolare del verbo essere al presente, si scriva "qual è", senza alcun apostrofo. Questo perché non si tratta di un'abbreviazione, poiché qual esiste di per sé. Ricordiamo che "un" è articolo che richiede l'apostrofo solo se precede nomi femminili che iniziano con una vocale. Ricordiamo che "poiché" e "perché" chiamano un accento acuto, mentre "cioè" e "caffè" richiedono un accento grave.

66

Altre forme diffuse

Vediamo, infine, altre forme diffuse che richiedono accenti acuti o gravi. Innanzitutto, troviamo "di'" che è imperativo coniugato del verbo "dire", mentre "dì" con accento fa riferimento al giorno solare (il dì e la notte formano il giorno di ventiquattro ore). "Te" senza accento o apostrofo è un pronome (ecco a te la lettera), mentre "tè" è un'alternativa di "the" o "thè", nome comune di cosa della bevanda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Ortografia: guida all'uso delle preposizioni

La grammatica è una materia importantissima che viene insegnata a partire dalle scuole elementari fino ad arrivare alle superiori, ma nonostante ciò, ci sono molti diplomati che commettono ancora degli errori a livello di ortografia. L'ortografia è...
Elementari e Medie

Guida al corretto uso di maiuscole e minuscole

La lingua italiana è molto antica, figlia del latino, che ha attraversato oltre due millenni, evolvendosi e acquisendo poi regole ortografiche non sempre univoche e semplici. In particolare, ha una sua notevole complessità in riferimento al corretto...
Elementari e Medie

Le regole per un corretto uso del congiuntivo

Il congiuntivo rappresenta una dei tempi verbali più difficile da imparare e da utilizzare, senza commettere errori. Rappresenta il modo verbale della possibilità, dell'incertezza, del dubbio. Il congiuntivo è dunque il modo della soggettività ed...
Elementari e Medie

Guida al corretto uso del corsivo

Il corsivo: un bellissimo stile di scrittura, appreso sin dai primi anni delle scuole elementari, rischia di cadere in disuso. Esso sta infatti perdendo l'importanza che gli è stata riposta per lungo tempo in virtù della della sua formalità e dell'eleganza....
Elementari e Medie

Ortografia: i migliori trucchi per le doppie

Una delle sfide da affrontare sui banchi di scuola è l'apprendimento corretto della grammatica italiana. Essa si compone di mille nozioni, regole e particolarità che da piccoli sembra impossibile infilare in testa. In realtà il cervello è ben predisposto...
Elementari e Medie

Regole d'uso dell'accento

L'accento rappresenta un tratto importantissimo dell'ortografia della lingua italiana, e non solo. I differenti accenti, infatti, conferiscono un diverso significato, semplicemente grazie alla loro presenza o meno in una parola. Storicamente, l'accento...
Elementari e Medie

Grammatica: come capire l'uso dell'h

La lingua italiana è un vero e proprio patrimonio culturale che contiene una ricchezza lessicale sorprendente e meravigliosa. Eppure, è una lingua anche complessa, piena di sfumature e con una grammatica talvolta ostica anche per gli stessi italiani....
Elementari e Medie

5 regole per l'uso della punteggiatura

Scrivere può risultare a volte difficile, sia per i più piccoli, sia per gli adulti.Spesso cadiamo in errori dialettali, in dimenticanze grammaticali e talvolta sbagliamo la punteggiatura.Errori se ne possono fare di diverso tipo, anche per distrazione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.