Muro di Berlino: la storia

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il muro di Berlino fu una separazione edile creata per divide Berlino Ovest dalla Germania dell’Est. Gli studiosi lo considerano l’emblema della cortina di ferro, linea che divideva le zone statunitensi da quelle sovietiche durante la guerra fredda. Questo muro divise la Germania per ben ventotto anni dal 1961 al 1989. Questa guida vi spiegherà, tramite i passi seguenti, tutta la storia riguardante il Muro di Berlino.

25

La storia del Muro di Berlino inizia nel 1961, effetto della Seconda Guerra Mondiale e della conseguente Guerra Fredda. A causa della vittoria degli Alleati e della Russia sul sistema nazista tra il 12 e il 13 agosto dello stesso anno per fermare le continue emigrazioni si iniziarono a mettere “le prime pietre”. Inizialmente era solamente un filo di ferro spinato, ma dopo qualche giorno si iniziarono a instaurare pietre ed lementi prefabbricati di cemento. Così dopo aver fissato diverse lastre di cemento si iniziarono a dividere strade, case, piazze e vari collegamenti.

35

Il muro al termine dei lavori era lungo circa 155 chilometri. Nel 1962 vene costruito un secondo muro che faceva da sostegno a quello principale con lo scopo di impedire la fuga. Negli anni successivi furono fatti migliori accorgimenti per rendere sempre più difficile l’attraversamento. Inoltre furono installate torrette con cecchini, fossati anticarro, venti bunker, recinzioni di tutti i tipi. Durante tutta la vita del Muro di Berlino ci furono circa cinquemila tentativi riusciti di evasione verso Berlino Ovest. Mentre ci furono circa duecentocinquanta cittadini uccisi dai militari mentre tentavano di fuggire.

Continua la lettura
45

Il muro fu abbattuto il 23 agosto 1989, data nel quale più di tredicimila tedeschi della Germania dell’Est scapparono verso il territorio ungherese. La gente iniziò a prendere a martellate e a picconate il muro abbattendolo piano piano. Questi pezzi del muro divennero famosi con il nome di “ mauerspechte”. Poi le persone passarono alla ruspe e alle gru per buttare giù pezzi più grossi. Con la caduta del Muro di Berlino ci fu la totale riunificazione della Germani Est e Ovest. Attualmente del Muro non è rimasto quasi nulla solo qualche punto che è diventato monumento e che oggi è meta di molti turisti provenienti da tutto il mondo. Tutti i residui di cemento furono adoperati per la costruzione di opere pubbliche quali strade. Inoltre durante l'esistenza del muro molti artisti iniziarono ad effettuare dipinti e murales per cercare di allevare la sofferenza che era presente tra le varie famiglie divise.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

I principali errori in un tema di storia

Quando si scrive su di un qualunque argomento non è mai così semplice come appare. Infatti capita molte volte di conoscere bene il fatto da descrivere, ma nel momento in cui le idee o i ricordi devono essere espressi con la scrittura, i dubbi e le incertezze...
Elementari e Medie

Come aiutare i bambini a studiare storia

Aiutare i bambini a studiare ed a svolgere i compiti per la scuola non è sempre necessario: alcuni bambini riescono, fin dai primi anni della scuola elementare, a sviluppare un proprio, semplice metodo di studio, con il supporto e le direttive dell'insegnante....
Elementari e Medie

Come inventare una storia fantastica

Quello fantastico è un genere letterario che ci concede una moltitudine di libertà a livello narrativo. Il contenuto di un racconto di questo tipo può prevedere una serie di elementi irreali e paradossali che compongono una storia misteriosa e magica....
Elementari e Medie

Come memorizzare una lezione di storia

Studiare non è di certo un compito semplice, ma nonostante tutto si tratta di un impegno con cui tutti voi avrete dovuto fare i conti almeno una volta nella vita. Come ben saprete non si finisce mai di imparare, e dunque di studiare, al fine di imparare...
Elementari e Medie

I 10 papi più influenti della storia

Nel corso della storia della Chiesa si sono succeduti centinaia di papi (ben 266!) che, nel bene o nel male, hanno influito a volte in profondità nel decorrere degli eventi dell'uomo. Papi che sono stati in grado di creare un rapporto molto forte con...
Elementari e Medie

Come insegnare la storia ai bambini

L'insegnamento può essere qualcosa di gratificante, se poi ciò viene fatto con i propri figli lo diventa ancora di più ed è una di quelle esperienze di vita che di certo non si dimenticano facilmente. La curiosità e l'essere svegli sono tra le qualità...
Elementari e Medie

Storia del Colosseo

Uno dei monumenti più belli ed importanti di Roma è senza dubbio il Colosseo. Non per nulla quando si parla dell'impero romano e della sua storia viene in mente la sua magnificenza, la sua grandezza e la vastità territoriale. L'impero romano, è stato...
Elementari e Medie

Storia: i barbari

Il termine barbari ha assunto nel corso della storia, diversi significati. In Grecia, per esempio, era riferito a quelle persone che parlavano la lingua in un modo un po' impacciato, quasi balbettando, senza alcuna connotazione dispregiativa. Nell'impero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.