Metodi di derivazione dei polinomi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per polinomio si intende la somma algebrica di monomi, questi possono essere simili tra loro, ovvero avere uguale parte letterale oppure no (vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Polinomio).
Nel secondo caso la derivata del polinomio è detta parziale perché fissata una variabile deriveremo il polinomio solo in funzione di quella data variabile, trattando le altre presenti quali coefficienti. Non è questo però il caso che andremo ad analizzare, ci occuperemo di derivate totali e considereremo solo polinomi simili. Data una funzione y=f (x) definita in un intervallo [a, b], si chiama derivata della funzione nel punto c interno all'intervallo il limite, se esiste ed è finito, per h che tende a 0, del rapporto incrementale di f relativo a c (vedi http://www.edutecnica.it/matematica/derivate/derivate.htm). Dove h è proprio l'intervallo considerato. Fatta la dovuta premessa andiamo ad analizzare alcuni dei metodi più comuni per la derivazione dei polinomi.

26

Sfrutta la definizione di derivata

Il metodo più basilare per eseguire la derivata di una funzione è quello di ricorrere proprio alla sua definizione. Allora se data la funzione f (x) vogliamo derivarla in un generico punto c, dobbiamo prima costruire il suo rapporto incrementale e poi risolvere il limite per h che tende a 0 di questo rapporto (che indicheremo con ΔX/ΔY).
ΔX/ΔY = [f (c+h)-f (c)]/h
f'(c)= lim h→0 ΔX/ΔY
Ma passiamo subito ad un esempio, vogliamo derivare f (x)= x^2-1 nel punto x generico.
f (x+h)=x^2+h^2+ 2xh -1
ΔX/ΔY=(h^2+2xh)/h=h+2x
f'(c)= lim h→0 ΔX/ΔY= 2x
Abbiamo così calcolato la derivata cercata.

36

Fai la somma di derivate fondamentali

Il modo più immediato per calcolare la derivata di una funzione è quella di considerare la derivata stessa come somma di derivate fondamentali. Ad esempio vogliamo derivare con questo metodo la funzione studiata in precedenza
f (x)= x^2-1
il primo termine da derivare è x^2, che è la derivata della potenza di una funzione
D[f (x)]^n=n[f (x)]^(n-1)
quindi D (x^2)=2x
il secondo termine 1, è invece una costante, quindi la sua derivata è nulla
Infine f'(x)= 2x.

Continua la lettura
46

Esegui prima le operazioni

In alcuni casi la funzione potrebbe presentarsi come prodotto di due o più polinomi. In questo caso è senz'altro meno laborioso eseguire prima le operazioni indicate, in modo da evitare di dover calcolare la derivata di un prodotto di funzioni.
Ad esempio possiamo trovare f (x)=(2x+1)(x-1)
Eseguiremo quindi prima le operazioni
f (x)=2x^2-2x+x-1
e solo adesso deriveremo
f'(x)= 4x-2+1= 4x-1.

56

Svolgi la derivata del prodotto

In alcuni casi siamo però obbligati ad eseguire la derivata di un prodotto. Questo accade quando ci troviamo davanti una funzione del tipo f (x)*g (x).
In questo caso allora
D[f (x)*g (x)]= f'(x)*g (x)+f (x)*g'(x)
Ad esempio y=(senx+1)*x
Svolgendo le operazioni indicate non riusciremo ad isolare senx e x, infatti:
y=senx*x+x
y'=cosx*x+senx +1
Vista la semplicità della funzione avremmo potuto pure evitare di svolgere le operazioni ottenendo sempre la stessa soluzione... Provare per credere!

66

Trasforma la radice

Un altro caso che ci si può presentare è quello si avere un polinomio sotto radice n-esima, in questo caso è utile riscrivere la radice dalla forma n rad (x^p) alla forma x^(p/n).
Consideriamo ad esempio questo caso:
f (x)= sqrt (x+1) dove sqrt sta a indicare la radice quadrata.
Possiamo riscriverla come
f (x)= (x+1)^1/2 in quanto p=1 e n=2.
Adesso possiamo procedere, come spiegato prima, a derivare la potenza di una funzione
f'(x)= 1/2*(x+1)^(-1/2)=1/2*sqrt[1/(x+1)]


.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare il minimo comune multiplo tra polinomi

Lo studio dei polinomi inizia alle medie, e per la prima volta ci confrontiamo con una matematica che ha poco a che fare con la realtà. Soffermarci su argomenti come calcolare il calcolo del minimo comune multiplo è quindi importante. Anche se ci sembrano...
Superiori

Come scomporre polinomi di terzo grado

In quest'articolo spiegherò come scomporre un polinomio di terzo grado; cercherò di fornire utili strumenti e di dare chiarimenti con semplici esempi. Parto dalla considerazione che la scomposizione o fattorizzazione di un polinomio non sempre è un...
Superiori

Come dividere i polinomi con la regola di Ruffini

I polinomi rappresentano sempre un argomento complicato da affrontare quando ci si trova a frequentare un istituto scolastico dove la matematica ha un'importanza fondamentale (come il liceo scientifico). Con il termine polinomio si intende la somma o...
Superiori

Come risolvere i polinomi con le frazioni

Nel linguaggio matematico si indica come polinomio una espressione che è formata da alcune costanti o variabili unite tra loro dalle sole operazioni di addizione, sottrazione e moltiplicazione. I polinomi sono dunque l'unione di più monomi che, presi...
Superiori

La scomposizione di polinomi in fattori

Scomporre i polinomi in fattori significa riscrivere un polinomio in maniera semplificata per poterlo poi elaborare più semplicemente e velocemente, senza che se ne pregiudichi la corretta equivalenza con il polinomio originale. Nel corso del tempo sono...
Superiori

Come Effettuare Una Sottrazione Tra 2 Polinomi

In matematica, si definisce con il termine "polinomio" una somma algebrica formata da più monomi. Acquisire una buona capacità per operare con i polinomi non è particolarmente difficile. Basta semplicemente un minimo di buona volontà, conoscere abbastanza...
Superiori

Come effettuare la somma algebrica di due o più polinomi

La matematica, è risaputo da tutti, non è una materia sempre amata, spesso perché non viene capita. Infatti, non tutti gli insegnanti, in quanto tali, sono capaci di spiegare con la stessa efficacia un determinato argomento: la dote di trasmettere...
Superiori

Calcolo letterale tra polinomi

Il polinomio viene definito come un'espressione algebrica rappresentata dalla somma di uno o di più monomi denominati termini. In base al numero di questi ultimi, il polimonio cambia nome: se sono due sarà un binomio, se non tre trinomio e via dicendo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.