Max Weber: il pensiero in pillole

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Max Weber è stato un economista, filosofo e sociologo tedesco, nato ad Erfurt nel 1864 e morto a Monaco di Baviera il 14 giugno 1920.  Negli anni in cui opera la concezione di alcune discipline del sapere cambia completamente volto: psicologia, sociologia, antropologia culturale e pedagogia smettono di essere considerati studi umanistici e diventano vere e proprie scienze, seppure fondate sul metodo empirico.  In questo articolo analizzeremo le linee guida del suo pensiero in pillole, pur tenendo conto che un autore e studioso del genere merita sicuramente un'analisi più approfondita, magari con uno studio diretto dei suoi stessi testi, per essere compreso al meglio.

24

Fondamentale per la formazione di Weber è sicuramente l'opera di Karl Marx, morto circa mezzo secolo prima: le opere dell'autore de "Il Capitale" si erano in quel lasso di tempo largamente affermate in tutta Europa, e per Weber fu praticamente inevitabile confrontarsi con il pensiero del suo predecessore. Da questi riprese il concetto di capitalismo, seppur riadattandolo in chiave moderna, ma respinse la concezione materialistica della storia e attribuì minore importanza al conflitto di classe, rifiutando di fatto due importantissimi pilastri del pensiero di Marx.

34

Weber afferma che per studiare dinamiche sociali e processi storici bisogna soffermarsi sui singoli individui: tutti i fatti sociali sono una diretta conseguenza di pensiero e comportamento di questi ultimi; su questo presupposto si basa la teoria del paradigma dell'azione, che adotta dunque un approccio microscopico. Il paradigma della struttura, invece, viene da Weber categoricamente rifiutato: questa visione infatti prevede una maggiore concentrazione sul tutto, ovvero sull'insieme delle individui e delle loro interazioni; in questo tipo di approccio, sostenuto da Durkheim, la società viene prima degli individui e i fatti sociali possono essere spiegati solo ed esclusivamente con altri fatti sociali.

Continua la lettura
44

Infine, un ultimo aspetto di cui tener conto e che è alla base della filosofia di Weber è quello di idealtipo: attraverso questa formulazione Weber descrive le caratteristiche di un determinato fenomeno sociale partendo dagli eventi storici, che in un secondo momento vengono poi astratti in modo che il fenomeno sociale resti libero dalla cornice storiografica che lo imprigionava. In questo modo si forma un tipo ideale di fenomeno da comparare con i casi storici concreti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Karl Mannheim: pensiero e opere

Tra i sociologi e filosofi più importanti della storia, troviamo senza ombra di dubbio l'ungherese Karl Mannheim, che è stato uno dei massimi esponenti della cultura europea della prima metà del Novecento. Egli a Londra ottiene la docenza di sociologia...
Università e Master

Montesquieu: pensiero sociologico

Nato in Francia nel 1689 da rilevante famiglia di giuristi, Charles Louis barone de Montesquieu seguì le orme familiari. Fu inoltre filosofo, storico e sociologo. Tanto da considerarsi come il pioniere della attuale democrazia. Nonché della separazione...
Università e Master

Durkheim: pensiero sociologico

Se siamo amanti della filosofia e ci piacerebbe riuscire a conoscere tutta la vite, il pensiero e le varie opere realizzate dal nostro autore preferito, grazie ad internet potremo trovare tutto quello che ci serve. Sono infatti, moltissime le guide che...
Università e Master

Herbert Spencer: i concetti base del suo pensiero

Nel 1820 nasceva nel Regno Unito Herbert Spencer, destinato a diventare uno dei più importanti filosofi sostenitori dell'evoluzionismo, corrente filosofica a cui aderì già nel 1851. La prima attività di Herbert fu quella di giornalista, diventando...
Università e Master

Marx: pensiero sociologico

Karl Marx si può considerare uno dei più grandi filosofi del Novecento. Proprio a lui viene attribuita la nascita del pensiero comunista, difatti le sue teorie socio-politiche fanno da base per questa dottrina di estrema sinistra. Marx nasce a Treviri...
Università e Master

Auguste Comte: i concetti base del suo pensiero

Il fondatore della sociologia è sicuramente Auguste Comte. Inizialmente egli chiamò questa disciplina "filosofia sociale". La sua corrente di pensiero è molto vicina a quella del positivismo a causa della sua esaltazione della scienza e del progresso...
Università e Master

Macbeth di William Shakespeare in pillole

Macbeth è probabilmente, insieme ad Amleto, la più famosa tragedia scritta da William Shakespeare. L'opera fu sicuramente scritta tra il 1603 e il 1607, anche se comunemente viene datata 1606. Scritta per il teatro, venne probabilmente messa in scena...
Università e Master

Romeo e Giulietta di William Shakespeare in pillole

La storia di Romeo e Giulietta, una delle più struggenti e romantiche che siano mai state scritte. Ha fatto il giro del mondo e delle anime più sensibili. Tradotta in tutte le lingue, questa appassionante e triste storia è forse la più conosciuta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.