Maturità: consigli per il tema

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'approssimarsi della fatidica data prevista per lo svolgimento della prima prova dell'esame di maturità, gli studenti sono alle prese con un buon numero di volumi da leggere, nozioni da acquisire, concetti da memorizzare e argomenti da approfondire e ripassare. Affrontare il primo step degli esami di stato può apparire un ostacolo insormontabile ai maturandi sopraffatti da comprensibili ansie, pervasi da innumerevoli dubbi e intimoriti al pensiero di non riuscire a riempire il foglio bianco. Una delle tipologie di elaborati previste dalla prova scritta che maggiormente preoccupa gli studenti è senza dubbio il tema, che potrà essere di carattere storico o riferito alla realtà attuale. Se anche voi avete iniziato il conto alla rovescia e cercate utili consigli su come superare brillantemente la prima prova, prendetevi del tempo per leggere la guida seguente: troverete tante pratiche indicazioni che, insieme ad una buona preparazione e ad un serio impegno, vi daranno grandi risultati.

26

Leggere con attenzione la traccia

La prima regola d'oro per scrivere un buon tema è certamente quella di concedersi alcuni minuti da destinare alla lettura attenta della traccia e alla sua analisi dettagliata, così da garantirvi un'effettiva comprensione dell'argomento proposto. Questa fase preliminare vi sarà utile per mettere a fuoco il contenuto centrale della trattazione ed elaborare idee pertinenti, aiutandovi a indirizzare le vostre argomentazioni senza correre il rischio di andare fuori tema, errore che pregiudicherebbe l'intera prova. Le richieste della traccia dovranno essere dunque comprese a fondo e scrupolosamente rispettate per un elaborato che sia coerente con il tema e privo di contenuti inappropriati.

36

Redigere una scaletta

Prima di iniziare a scrivere il tema è buona norma redigere una scaletta dei contenuti da inserire e sviluppare, in modo da avere ben chiara, sin dal principio, l'articolazione dell'elaborato e definire una linea guida per strutturare via via gli argomenti da esporre, evitando inutili divagazioni. Organizzate le diverse parti del discorso seguendo una certa coerenza logica e consequenziale, in modo da trovarvi davanti, una volta che avrete portato al termine il tema, ad una trattazione nella quale tutte le componenti risultino ben coese. In linea di massima, è bene suddividere la stesura del tema in tre parti principali: introduzione, svolgimento e conclusione.

Continua la lettura
46

Esporre in modo chiaro i contenuti

Nella stesura del tema, grande attenzione dovrà essere destinato alla struttura formale, alla scorrevolezza del testo e allo stile comunicativo. Ampliate i nuclei tematici che avete incluso nella scaletta e date forza alle vostre argomentazioni richiamando esempi, inserendo citazioni e riportando ciò che appartiene al vostro bagaglio di conoscenze e alla vostra esperienza di studio nei vari settori disciplinari. Esponete le vostre considerazioni ed opinioni personali in maniera chiara ed efficace, usate un lessico consono al tema trattato e uno stile fluido che possa consentire una lettura scorrevole del testo.

56

Badare alla correttezza ortografica

Nella prima prova della maturità non potete assolutamente permettervi di commettere errori grammaticali grossolani. Badate quindi a seguire con scrupolo le regole ortografiche e sintattiche, a costruire periodi brevi, a coniugare con esattezza le forme verbali, ad usare in maniera corretta la punteggiatura e a mettere l'accento o l'apostrofo solo dove servono. In caso di dubbi, affidarsi alla consultazione di un buon dizionario può rivelarsi la soluzione migliore, contribuendo ad un uso appropriato dei termini ed evitandovi strafalcioni ortografici. Ricordate inoltre di scrivere con una certa proprietà di linguaggio e di fare attenzione a non ripetere più volte uno stesso termine, ma articolate i concetti ricorrendo a dei sinonimi.

66

Rileggere il tema

Per consegnare un buon tema, una pratica da non trascurare è indubbiamente quella della rilettura finale. Quando avrete portato a termine la stesura del testo, procedete alla sua revisione, accertandovi che i contenuti risultino ben articolati, verificando la correttezza morfosintattica e l'eventuale presenza di errori di distrazione e assicurandovi che l'elaborato sia organico e che abbia una sua coesione interna. Se dovesse rendersi necessario, apportate le opportune modifiche fino a quando non sarete pienamente soddisfatti del vostro tema. Ricordate di rileggere anche la bella copia, dal momento che potrebbe darsi che abbiate distrattamente dimenticato di copiare alcune parti fondamentali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Maturità

Maturità: consigli per studiare meglio

Finalmente sei giunto ad una delle tappe più importanti della tua vita: l'esame di maturità! È il primo vero e proprio banco di prova che quasi tutti devono affrontare. I dubbi e le domande sono tante e l'ansia sale sempre più. Il pensiero di dover...
Maturità

Ripasso per l'esame orale di maturità: 10 consigli

Affrontare l'esame di maturità non è affatto semplice. L'esame di maturità prevede una fase scritta, le cui tematiche possono variare da istituto ad istituto, ed una fase orale, che prevede l'interrogazione su tutte le materie del corso di studi e...
Maturità

Consigli per scrivere la tesina di maturità

Come afferma un detto popolare, gli esami non finiscono mai e questo enunciato dice la verità. In effetti, bisognerà sempre affrontare prove scolastiche teoriche o approfondire temi riguardanti l'attività lavorativa. In ogni caso, è sufficiente prepararsi...
Maturità

Maturità: consigli per scrivere la tesina

L'esame di maturità rappresenta uno dei primi esami veramente importanti, la prima volta in cui si ha una commissione, composta anche da persone estranee a giudicare. Per questo è motivo di non poca ansia e si vuole arrivare al meglio, con le idee più...
Maturità

Maturità: 5 consigli per affrontarla con serenità

L'esame di maturità è un traguardo cruciale, e importante, che lo studente si trova ad affrontare dopo un lungo percorso scolastico. Si tratta di una delle prove più "difficili" per entrare a far parte del mondo degli adulti, che sia esso l'università...
Maturità

Maturità: 5 consigli per affrontare la prova orale

La maturità è uno dei primi traguardi importanti che una persona raggiunge nell'ambito della propria formazione culturale: con in tasca l'ambìto diploma, si aprono le porte alla società e si acquisisce la possibilità di iniziare a lavorare oppure...
Maturità

Maturità: 5 consigli scientifici per prepararti al meglio

La Maturità, o Esame di Stato, è una tappa importante nella vita di tutti. A chi deve affrontarlo sembra spesso un ostacolo invalicabile, qualcosa di complicatissimo. In quel periodo lo stress tiene in pugno gli studenti e spesso ignorano quei consigli...
Maturità

Versione di latino alla maturità: i consigli per tradurla meglio

La prova più difficile e attesa da tutti gli studenti all'esame di maturità di un liceo classico, è la temutissima seconda prova: la traduzione di una versione di latino o di greco. Se siete sempre stati bravi nella traduzione dei testi classici sicuramente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.