Lo Zibaldone di Leopardi in pillole

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Lo Zibaldone è una delle opere più famose di Giacomo Leopardi. È una sorta di diario, al quale il poeta affidò, quasi quotidianamente, nel periodo dal 1817 al 1832, tutta una serie di appunti, note, trattazioni su argomenti vari, osservazioni sia linguistiche che filologiche, critiche letterarie, meditazioni inerenti all'estetica, ricordi autobiografici, considerazioni di carattere psicologico e morale sull'essere umano ed, in particolare, le sue riflessioni sul senso della vita. Scopo di questa guida è cercare di spiegare in pillole il contenuto ed il significato dello Zibaldone di Leopardi.

27

Lo Zibaldone è un vero capolavoro, la cui lettura fa emergere tutto il processo di maturazione e di trasformazione del pensiero di Leopardi. L'opera, pubblicata in sette volumi, con il titolo "Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura", tra il 1898 ed il 1900, rappresenta forse la produzione più significativa per comprendere appieno la dimensione artistica e spirituale del poeta.

37

Molte delle immagini, alcuni versi e argomenti di poesia presenti nello Zibaldone richiamano alla mente un altro capolavoro del Leopardi, vale a dire i Canti, così come altri pensieri dell'opera rinviano alle Operette Morali. Nello Zibaldone è possibile notare, a differenza delle altre opere, un maggiore tormento formativo del poeta, una mutazione progressiva, quasi quotidiana, come si evince dal fatto che Leopardi ha cura di annotare vicino ai suoi pensieri la data precisa delle singole riflessioni. Un attenta lettura di tali riflessioni consente di seguire il continuo colloquio tra il poeta e la sua anima.

Continua la lettura
47

Nello Zibaldone sono pochi i riferimenti a fatti autobiografici e, comunque, quando il poeta in qualche modo li evoca non si sofferma mai sul racconto, ma piuttosto mette in evidenza i risvolti più profondi e personali di un ricordo, di una sensazione e di un sentimento, facendolo sempre in modo sintetico e preciso.

57

All'inizio dello Zibaldone, la natura viene descritta come una madre benefica, successivamente diventa nemica di ogni essere vivente. Tra i motivi principali della meditazione leopardiana troviamo il concetto della superiore dignità e grandezza dell'uomo. L'uomo, indicato da Leopardi, è immerso nel cosmo sconfinato, nell'impossibilità di spiegare a sé ed agli altri il perché, il vero senso della vita. Il poeta avverte dentro di sé, anche se angosciato in quanto essere debole e fragile, una nobiltà spirituale che lo porta ad innalzarsi sugli altri simili, grazie alla capacità di avvicinarsi all'universo con la sua mente.

67

Dall'opera emerge la sua concezione della vita, caratterizzata da un costante pessimismo, che però non è mai desolato ed arrendevole: l'esistenza umana mostra la necessità di non soccombere al destino e di voler affermare la dignità dell'uomo, condannato, senza colpa, alla sofferenza. Il pessimismo leopardiano è un vero e proprio invito alla solidarietà fraterna tra gli uomini, che devono unirsi per combattere contro la natura maligna e contro la sua legge meccanica, attingendo ai sentimenti ed alla spiritualità umana.

77

L'opera manca di una conclusione precisa e dell'affermazione di una tesi certa. Emerge sempre l'immagine di un Leopardi pieno di dubbi e di esitazione, che, dopo aver cercato di dare un significato alla vita ed all'universo, si ritrova con l'unica certezza di un'esistenza permeata dal dolore al quale tutto il genere umano sembra non poter sfuggire.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

il pessimismo di Giacomo Leopardi

La letteratura italiana è piena di personaggi che hanno scritto opere indimenticabili e memorabili, trasmettendo il loro pensiero, a volte un inno alla vita, altre volte particolarmente pessimista e condivisibile da molti. Uno degli autori più discussi...
Superiori

Guida al pensiero di Leopardi

Tra i maggiori esponenti del Romanticismo italiano troviamo il celebre Giacomo Leopardi. Nato a Recanati nel 1768, per comprendere appieno il suo pensiero, nonché il suo modo di scrivere, dobbiamo partire dal principio. Innanzitutto, è di fondamentale...
Superiori

"Gli idilli" di Leopardi in pillole

Senza ombra di dubbio Giacomo Leopardi è uno degli scrittori o poeti più studiati e più conosciuti di Italia. Molte delle sue opere sono entrate di diritto nella storia della prosa; le sue tematiche dettate dal disagio che provava verso se stesso,...
Superiori

A Silvia di Giacomo Leopardi: commento e analisi

Commento e analisi della poesia "A Silvia". Giacomo Leopardi, scrivendo da Pisa alla sorella Paolina il 2 maggio 1828, le annunciava di aver fatto dei versi "all'antica e con quel suo cuore di una volta", dopo sei anni di silenzio poetico pressoché totale....
Superiori

Appunti sulle Operette morali di Leopardi

Giacomo Leopardi nato a Recanati il 29 giugno del 1798, è stato uno scrittore, filologo, poeta, filosofo italiano.È uno dei poeti maggiori dell'Ottocento in Italia e tra le figure più importanti della letteratura mondiale. Giacomo Leopardi è diventato...
Superiori

Breve analisi de "L'Infinito di Leopardi"

Giacomo Leopardi nacque a Recanati dal conte Monaldo e dalla marchesa Adelaide Antici. La madre di Leopardi fu una donna piena di vigore ed energia, e dal carattere austero, nonostante questo, la madre manifestò dolcezza, tenerezza e un profondo affetto...
Superiori

Guida a "L'Infinito" di Leopardi

Nella guida che andremo a sviluppare a breve nei prossimi passi, ci occuperemo di poesia. Nello specifico, il poeta che tratteremo sarà Giacomo Leopardi, con la sua fantastica composizione intitolata "L'Infinito". Questa poesia è una delle più conosciute,...
Superiori

Breve analisi di "Alla Luna" di Leopardi

"Alla luna" è un idillio, cioè un testo poetico breve e con spiccate caratteristiche personali e soggettive, scritto probabilmente nel 1819 da Giacomo Leopardi. "Alla luna" si compone di sedici endecasillabi sciolti, distribuiti su quattro periodi sintattici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.