Lingue: appunti di Giapponese

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Contrariamente ad altre lingue quella giapponese è rappresentata da tre differenti categorie di parole, e la più diffusa si basa su frasi originarie proprio del Giappone. Poi, c'è la categoria composta da vocaboli che derivano invece dalla lingua cinese, ed infine abbiamo quella minore che si sta diffondendo velocemente e che comprende parole di origine recente come l'inglese. In riferimento a quanto sin qui accennato, è importante sapere che la lingua giapponese ha anche tre alfabeti, per cui per capirla a fondo, è necessario approfondire l'argomento leggendo gli appunti riportati nei passi successivi di questa guida.

24

Capire i simboli dell'alfabeto

I primi due alfabeti più in uso e cioè l'hiragana e il katakana, sono di tipo fonetico; per capirli meglio è importante sapere che i diversi simboli sono caratterizzati ognuno da un proprio suono, come accade nel nostro alfabeto. Questi ultimi però sono molto simili fra loro, invece l'alfabeto denominato kanji è soltanto di tipo simbolico, per cui gli elementi che lo costituiscono possono avere anche molteplici significati. Essi inoltre sono rappresentati da segni che devono obbligatoriamente rispettare un determinato ordine.

34

Conoscere i caratteri

Un altro aspetto da tener presente, è che la scrittura giapponese può essere redatta sia orizzontalmente che verticalmente. Le scritte orizzontali vanno eseguite da sinistra verso destra e dall'alto verso il basso, e questo lo facciamo anche nella nostra scrittura. Invece, per quella di tipo verticale si parte sempre dall'alto, e si scende in basso e poi si va da destra a sinistra. Bisogna inoltre poi ricordare che i sistemi di fonetica, non sono altro che una serie di importanti regole da rispettare per stilare una scrittura con simboli di tipo occidentale. In alcuni sistemi non esistono inoltre gli spazi, e di conseguenza le parole sono attaccate le une alle altre, e quindi per comprenderne il significato è fondamentale la conoscenza dei singoli caratteri.

Continua la lettura
44

Posizionare il verbo alla fine della frase

Infine, è importante sottolineare che nella lingua giapponese non ci sono regole specifiche per il plurale delle parole, per gli articoli, i pronomi e per ogni forma possessiva. I verbi tra l'altro non hanno una loro coniugazione, ed in questa lingua non esiste il tempo futuro ed in tal caso, è indispensabile inserire nella frase il termine che specifica il determinato tempo d'azione. Per fare un esempio volendo indicare ieri, oggi oppure domani, il verbo deve essere posizionato sempre al termine della frase stessa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Lingue: appunti di francese

Il francese è una delle lingue più parlate in assoluto in molti stati d'Europa, d'Africa e del Nord America. Al di là delle motivazioni storiche, la diffusione è anche attribuibile alla particolare musicalità che presenta, ed è diventata il simbolo...
Lingue

Appunti di giapponese

Se si trascorrere del tempo in Giappone o con i giapponesi, si può imparare a capirli in una conversazione con molta facilità. Il linguaggio del corpo, il vocabolario e il contesto possono aiutare a trasmettere il significato. La lingua giapponese è...
Lingue

Come distinguere il cinese dal giapponese

La lingua cinese e quella giapponese possono sembrare, a noi occidentali, due lingue molto simili tra loro, se non praticamente identiche. La ragione principale di questa falsa convinzione sta nel fatto che, sia nell'una che nell'altra lingua, vengono...
Lingue

Come dire ti amo in diverse lingue

Sin dall'adolescenza, dire "ti amo" entra a far parte del nostro quotidiano. Solitamente i primi "ti amo" iniziano a sbocciare a scuola durante i primi approcci con il compagno/a per cui si ha una cotta, oppure nelle lettere d'amore di una duratura relazione...
Lingue

Storia della lingua giapponese

こんにちは! Sapete cosa significa? È il “ciao” generico in giapponese. Questa lingua è tra le più affascinanti del mondo. Come quella cinese, la sua scrittura è fondata sugli ideogrammi (i Kanji), quindi è molto diversa dalle lingue del...
Lingue

Consigli e trucchi per migliorare il proprio giapponese

Il giapponese è una delle lingue considerata di origine nipponica; parlata in numerosi paesi fra cui il Giappone appunto e numerosi paesi di immigrazione giapponese. In realtà è considerata anche una lingua un po' isolata e molto difficile da apprendere...
Lingue

Linguistica italiana: le lingue neolatine

Le lingue neolatine in generale, presentano una grammatica abbastanza vasta, di cui è necessario eseguire uno studio approfondito, per capirne appieno il significato. In questo tipo di lingue, sono presenti diverse decadenze e accenti differenti, che...
Lingue

Trucchi per esercitare le lingue straniere

Conoscere delle lingue straniere è di fondamentale importanza nella società moderna. Sempre più ambienti scolastici e lavorativi richiedono la conoscenza di almeno una lingua straniera. In questo periodo vi state avvicinando a una lingua straniera...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.