Lingua inglese: 5 regole da non dimenticare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L' inglese è una delle lingue più parlate al mondo, ma nonostante sia insegnata fin dalle elementari, alcune persone continuano a trovare difficoltà. In realtà, però, bastano alcuni semplici accorgimenti per evitare gli errori più comuni. Ecco le 5 regole da non dimenticare quando si ha a che fare con questa lingua.

26

La -s alla terza persona

La coniugazione dei verbi inglesi è facile ma proprio per questo trae in inganno le persone. Tutte le voci sono uguali, fatta eccezione per la terza persona singolare. Nel caso del present simple, infatti, la coniugazione richiede l'aggiunta di una -s per i pronomi "he", "she" e "it". Attenzione però! Se il verbo termina per -o, -s, -ss, -sh o -ch, non bisogna aggiungere -s ma -es. Quando finisce per consonante più la vocale y, invece, -s si trasforma in -ies. Il verbo study, ad esempio, alla terza persona singolare farà "studies".

36

L'uso del -to do nelle domande

In italiano per fare una domanda basta inserire un punto interrogativo alla fine e cambiare l'intonazione della frase. In inglese non è così. Per dire "ti piacciono i libri?" non si può dire semplicemente "you like books?", ma bisogna inserire l'ausiliare -to do all'inizio della domanda. La forma giusta, quindi, sarà "do you like books?".

Continua la lettura
46

Il verbo essere e gli avverbi interrogativi nelle domande

L'ausiliare -to do nelle domande va utilizzato per tutti i verbi, ma ci sono alcune eccezioni da ricordare. Non si può usare, infatti, in presenza del verbo essere e degli avverbi interrogativi who, what, when, where, which. Per chiedere "tu sei Francesca?", ad esempio, si dovrà dire semplicemente "are you Francesca?" e non "do you are Francesca?".

56

La -s per il plurale

Indicare il plurale in inglese è semplice: basta aggiungere una -s al sostantivo di riferimento. La regola, però, segue quanto detto per la coniugazione del present simple. Se la parola termina per -o, -s, -ss, -sh o -ch, bisogna aggiungere -es. Se termina per consonante seguita da -y, invece, bisogna aggiungere -ies.
Ci sono alcune parole, inoltre, che formano il plurale in modo irregolare. Le più diffuse sono "woman", che diventa "women"; "man", che diventa "men", e "child", che diventa "children".

66

La forma -ing

La forma in -ing del verbo si utilizza per indicare un'azione che si sta svolgendo al momento nel tempo verbale del Present Continuous, o un'azione progressiva passata o futura nei tempi del Past Continuous o del Future Continuous. Nel primo caso si utilizza l'ausiliare essere al tempo presente e si aggiunge la particella -ing alla fine del verbo. Per dire "io sto lavorando", ad esempio, si dirà "I am working". Nel caso di un'azione passata, invece, "Io stavo lavorando" diventa "I was working", con l'ausiliare essere al tempo passato. Per il futuro, infine, "io starò lavorando" diventerà "I will be working".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come Utilizzare Il Past Perfect Continuous

Il past perfect continuous è un costrutto utilizzato dagli inglesi per indicare un'azione che si è verificata nel passato ma le cui conseguenze sono ancora visibili nel presente; questa costruzione è utilizzata meno frequentemente delle altre. Nei...
Lingue

Come formare il Present continuous in inglese

È ormai risaputo che l'inglese è diventata la lingua più diffusa al mondo e mantiene tuttora questo primato. Oltre ad essere largamente diffuso nel settore turistico e commerciale, l'inglese è usato sempre più spesso nelle comunicazioni scientifiche...
Lingue

Come formare e usare il Present Perfect Continuous

Nella grammatica inglese il passato prossimo di un verbo spesso viene sostituito da una forma verbale particolare: il Present Perfect Continuous, solitamente tradotto con l'espressione passato prossimo progressivo. Tuttavia, i due tempi verbali si adoperano...
Lingue

Inglese: past simple o past continuous

La lingua inglese richiede una conoscenza approfondita, in quanto rappresenta la lingua più parlata nel mondo. Per poter interagire facilmente durante i viaggi e ampliare la propria cultura personale è utile imparare bene le regole grammaticali. In...
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
Lingue

inglese: forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo to be

L'inglese costituisce sicuramente la lingua più diffusa e conosciuta in tutto il mondo e al giorno d'oggi essa è davvero molto importante soprattutto se si ha intenzione di intraprendere una certa carriera lavorativa. Con l'inglese infatti è possibile...
Lingue

Come usare il verbo modale can in inglese

La lingua inglese è da tempo la più utilizzata al mondo, ma anche difficile da usare. È universalmente riconosciuto come linguaggio globale, della rete, del commercio e dello scambio culturale. Anche l'Italia si è adeguata all'inserimento del suo...
Lingue

La forma interrogativa in inglese

Negli ultimi anni, conoscere e parlare bene lingue straniere è davvero molto importante. Soltanto in questo modo è possibile viaggiare tranquillamente all'estero e cercare lavoro quasi dovunque. Tra le numerose lingue esistenti, quella da conoscere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.