Lingua giapponese: i verbi

Tramite: O2O 26/05/2017
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Una delle difficoltà più grandi che si possono incontrare nello studio della lingua giapponese sono i verbi. Questi infatti non prevedono né genere, né numero. I modi e i tempi, si ottengono aggiungendo particelle ausiliarie a radici verbali invariabili. I tempi verbali sono suddivisi in presente e passato. Dalla forma verbale del presente potrà essere ricavata quella del futuro. I modi verbali sono invece quattro: l'indicativo, il condizionale, l'imperativo ed il gerundio. Esiste una distinzione, inoltre, tra verbi transitivi ed intransitivi, e tra verbi passivi ed attivi. La forma riflessiva, al contrario della grammatica italiana, non esiste.

27

Occorrente

  • Dizionario Italiano - Giapponese
  • Testo di grammatica per la lingua giapponese
37

Differenza tra "lingua piana" e "lingua gentile"

In tutte le lingue esiste un modo di esprimersi formale ed uno informale. Nella lingua giapponese questo ha riscontro anche nella coniugazione verbale. Esistono infatti due forme di linguaggio: quella "gentile" e quella "piana". La forma "gentile" corrisponde al modo formale dell'espressione linguistica ed è conosciuta anche come coniugazione "masu". La "forma piana" appartiene invece alle forme colloquiali familiari.

47

Forme verbali "ichidan" e "godan"

I verbi della lingua giapponese si dividono in due classi. Queste classi sono a loro volta suddivise in forme "ichidan" (deboli) e forme "godan" (forti). I verbi della prima classe vanno incontro a modifiche lievi nella coniugazione. Appartengono a questa categoria verbi terminanti in "-eru" ed "-iru". Nella seconda classe i verbi interessati subiscono modifiche più importanti. Normalmente terminano in "-ku", "-gu", "-tsu", "-ru", "-u", "-nu", "-bu", "-mu" e in "-su".

Continua la lettura
57

Formazione dei modi e dei tempi

Per la formazione dei modi e dei tempi vengono utilizzate le basi. Nei verbi "ichidan" il procedimento è piuttosto semplice: basterà togliere la parte finale "ru" dal verbo. Per i verbi "godan" esistono invece 5 possibili basi. La prima nota come "B1" serve soprattutto per le costruzioni con coniugazione negativa, nel potenziale, nel causativo e nel passivo. La seconda (B1a) è utilizzata per formare una proposizione volitiva-esortativa. La terza (B2) compare nella coniugazione gentile. La "B3" coincide con la forma del dizionario ed è utilizzata nelle forme ipotetiche. Compare inoltre nella costruzione delle proposizioni temporali, modali, condizionali e causali. Infine troviamo la base in "e" impiegata principalmente nella costruzione di proposizioni condizionali e per l'imperativo.
Oltre a tutte le basi appena trattate ce n'è un altra molto particolare: la forma in "-te". Più complessa delle altre ha diversi usi e costrutti. Dettagli e particolari di questa forma meritano un'analisi accurata. Qui possiamo limitarci a dire che viene utilizzata principalmente nella coordinazione di due o più verbi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per uno studio più approfondito consultate una grammatica giapponese come la " grammatica di giapponese moderno" di Yoko Kubota
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Storia della lingua giapponese

こんにちは! Sapete cosa significa? È il “ciao” generico in giapponese. Questa lingua è tra le più affascinanti del mondo. Come quella cinese, la sua scrittura è fondata sugli ideogrammi (i Kanji), quindi è molto diversa dalle lingue del...
Lingue

Lingua giapponese: gli aggettivi

Generalmente l'aggettivo in giapponese va a qualificare il nome a cui è preposto, ha un uso ben diverso dalla lingua italiana e può costruire un predicato, senza l'aiuto di un verbo. Vi sono ben sei forme di coniugazione che vengono utilizzate, ciascuna...
Lingue

Lingua giapponese: come memorizzare il katakana

La lingua giapponese è veramente interessante da imparare, in quanto non assomiglia alle altre. A prima vista può sembrare difficile da imparare e memorizzare, ma in realtà con un po’ di impegno si riesce ad imparare. Non ci sono plurali, articoli...
Lingue

Lingua spagnola: i verbi

Approcciarsi ad una lingua differente dalla propria non è mai semplice. Ci sono regole da imparare, termini da memorizzare, nuovi suoni da pronunciare e, inizialmente, tutto ciò potrebbe scoraggiare chi si accinge a studiare per la prima volta una nuova...
Lingue

Lingua giapponese: espressioni da usare in dogana

Il Giappone è uno tra i paesi più belli e misteriosi di sempre, soprattutto in ambito linguistico! Infatti, la loro lingua, totalmente differente dalla nostra sia per la scrittura che per la pronuncia, può causare ad un visitatore problemi di comunicazione....
Lingue

Lingua giapponese: come studiare l'hiragana

Il giapponese è senza dubbio una lingua piuttosto complessa. Essa adopera tre diversi tipi di scrittura: katakana, kanji e hiragana. Quest'ultimo insieme al katakana costituisce la scrittura autoctona fonetica detta kana. L'hiragana si distingue facilmente...
Lingue

Lingua giapponese: come memorizzare i kanji

I kanji sono dei caratteri ideografici originari della Cina ed impiegati nella lingua giapponese: essi vengono utilizzati per rappresentare le parti invariabili delle espressioni linguistiche, dal punto di vista morfologico. Ciascuno di questi caratteri...
Lingue

Cinese: i verbi ausiliari

I verbi ausiliari sono di fondamentale importanza. La loro funzione si indirizza all'attribuzione di un determinato significato alla forma verbale di una frase. Ciò avviene in combinazione dei verbi ausiliari con un altro verbo. L'utilizzo dei verbi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.