Lingua danese: una guida

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Imparare una lingua vuol dire mettersi alla prova e comprendere fin dall'inizio le sue particolarità. Quando ci si approccia ad un nuovo linguaggio, occorre capirne la grammatica e la sintassi o memorizzarne un certo numero di vocaboli. Avvicinarsi ad una lingua come il francese o lo spagnolo mantiene qualche logica famosa agli italiani, essendo degli idiomi che derivano dal latino. La vera sfida nasce quando, spesso per esigenza o cultura personale, è necessario addentrarsi nella conoscenza delle lingue che si discostano dalle romanze. Un esempio viene fornito dalle parlate germaniche, dalle quali discendono le lingue scandinave. Nella seguente dettagliata guida, vi spiegherò bene come bisogna approcciare senza troppe difficoltà alla lingua danese.

27

Occorrente

  • Dizionario italiano-danese
  • Libri di lingua danese
  • Impegno nello studio
  • Interesse per le lingue scandnave
37

La fonetica nella lingua danese: lo stød

Famigliarizzare immediatamente con una lingua scandinava non è proprio semplice. Il danese vanta una caratteristica fonetica piuttosto speciale: lo "stød" (spinta). Questo termine indica il modo in cui le vocali e le consonanti sonore vengono pronunciate, tramite una specie di colpo con la glottide. Qualche parola differisce di pronuncia e significato, grazie alla presenza o meno dello "stød": ad esempio "hun" significa "ella", mentre "hund" vuol dire "cane". Un'altra particolarità della lingua danese che la rende diversa ancora di più dalla fonetica delle altre lingue scandinave è certamente la mancanza dell'accento acuto e grave. Nel parlato danese, spesso risulta complicato distinguere fra la "b" e la "p". Dunque è rilevante prestare attenzione all'aspirazione della consonante. La "b", la "d" e la "g" sono sempre non aspirate. La "p", la "t" e la "k" sono invece delle consonanti aspirate. Bisogna allora stare molto attenti alle seguenti differenze ad inizio parola o in sillaba tonica (accentata).

47

La grammatica nella lingua danese: forme pronominali e sostantivi

La lingua danese risulta strutturata diversamente rispetto alle lingue che appartengono al parlato germanico. Il tedesco e l'inglese mantengono una distinzione netta fra il genere maschile, quello femminile ed il neutro. Il danese classifica invece soltanto il neutro ed il genere comune indicante maschi e femmine. Avremo pertanto una triplice differenza nelle forme pronominali: han (egli) maschile singolare; hun (ella) femminile singolare; den (io) neutro singolare. I sostantivi verranno invece preceduti dall'articolo indeterminativo, che permetterà di capire se il genere in questione è neutro (et hus, una casa) o comune (en kone, una moglie). Nel caso dell'articolo determinativo (en o et), esso verrà aggiunto nella parte finale del sostantivo (enclitico). Ad esempio, si ha "huset" (la casa) e "musen" (la moglie).

Continua la lettura
57

I sostantivi in lingua danese del genere comune e neutro

La maggioranza dei sostantivi in lingua danese appartiene al genere comune. Alcuni vanno invece espressi al neutro quando riguardano la sfera delle sensazioni, i concetti astratti e tutto quello che risulta inanimato. Per ottenere il plurale di un sostantivo in lingua danese, bisogna aggiungere la particella "er" o "e" alla forma singolare. Quando una parola termina in "er", "el", "en" ed "e", la desinenza "e" viene eliminata (apocope). Anche il neutro segue queste regole, tranne quando occorre formare il plurale di una parola composta da un'unica sillaba. In quest'ultimo caso, non si deve aggiungere un suffisso. Il danese è una delle poche lingue del mondo che non coniuga i verbi seguendo il binomio persona-numero. Nella lingua italiana, "sono" è l'indicativo presente della prima persona singolare e della prima persona plurale. Nella lingua danese, "er" rappresenta l'indicativo presente di tutte le persone.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Approfondite la conoscenza della lingua danese leggendo qualche libro, consultando un dizionario italiano-danese e facendo un'esperienza sul luogo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Appunti di lingua svedese

Lo svedese è un idioma di origine germanica ed ha caratteristiche simili al danese e al norvegese. Si tratta di un linguaggio abbastanza diffuso nella penisola scandinava. Oltre a risultare la lingua ufficiale della Svezia e delle isole Aland, lo svedese...
Università e Master

Come determinare il numero di formolo nelle bevande

Nella seguente guida proverò a spiegarti tramite una serie di passi guida come determinare il numero di formolo nelle bevande, cioè a dire il numero complessivo di amminoacidi riscontrabili in una bevanda o in un succo di frutta. Tale calcolo è stato...
Lingue

Lingua ungherese: appunti di grammatica

La lingua ungherese appartiene al ceppo ugro-finnico e viene parlata in Ungheria, ma anche nelle zone circostanti come Slovacchia, Romania, Croazia, Serbia, Slovenia, Ucraina ed Austria per un totale di circa 13.6 milioni di parlanti come lingua madre...
Lingue

Tedesco: la declinazione dei sostantivi

Di seguito un po' di grammatica tedesca, veloce e di ripasso. Spero soprattutto che vi sia utile, e spero di essere stata il più chiara possibile. Ci tengo molto a dire che la grammatica tedesca è molto meno complicata di quello che si dice in giro....
Superiori

Le leggi di Keplero

Johannes Kepler è ora ricordato soprattutto per aver scoperto le tre leggi del moto planetario. Riportano il suo nome pubblicato nel 1609 e nel 1619. Ha fatto anche un lavoro importante in ottica (1604, 1611). Ha scoperto due nuovi poliedri regolari...
Università e Master

Come calcolare il PH di una soluzione chimica

Ogni soluzione acquosa presenta una sua acidità o basicità. Il calcolo del pH serve appunto a definire se una soluzione è acida o basica. Questa scala fu introdotta nel 1909 da Sorensen, un chimico danese. Potete osservare che su tutte le tipologie...
Superiori

Il pensiero di Sören Kierkegaard

Studiare la filosofia aiuta moltissimo a sviluppare il nostro pensiero. Purtroppo non tutti gli adolescenti che lo studiano "per dovere" a scuola la pensano allo stesso modo, ma crescendo ci si accorge di quanto la filosofia venga in nostro soccorso nei...
Università e Master

Come calcolare il pH relativo ad una idrolisi salina

Il pH è una scala di misura dell'acidità, chiamata anche della basicità di una soluzione acquosa. Fu introdotto nel 1909 con il termine "pH", dal chimico danese Søren Sørensen. Il termine "p" sta a significare "operatore", e vuole simboleggiare due...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.