Lingua cinese: le subordinate

Tramite: O2O 19/01/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il cinese che solitamente studiamo noi occidentali è il mandarino moderno P?t?nghuà, traducibile come ?lingua comune?. Si tratta di una lingua priva di una grammatica complessa come la nostra, ma ricca di variazioni sintattiche. Nella grammatica italiana le proposizioni subordinate sono quelle frasi che dipendono da un?altra per poter avere un loro significato compiuto e possiamo identificarne una ventina di differenti categorie. Una classificazione di questo genere non è immediatamente applicabile alla lingua cinese, che va pertanto analizzata caso per caso. In questa guida vedremo le principali tipologie di subordinate attraverso degli esempi con relative traduzioni.

26

Partendo dal presupposto che la sintassi di base di una frase in cinese si struttura in Soggetto-Predicato-Oggetto, vediamo come costruire una proposizione piú complessa. Come regola di base possiamo stabilire che le proposizioni subordinate precedono quelle principali; la difficoltá sorge dal fatto che in linea di massima peró in cinese non si usano elementi connettivi. Partiamo da una subordinata oggettiva molto semplice, Io so che tu sai: W? zh?dào n? zh?dào (io sapere tu sapere). È evidente il concetto di essenzialitá della sintassi.

36

Una subordinata interrogativa indiretta esprime una domanda o pone un dubbio contenuto nella frase principale. Lui mi domanda cosa penso di te: T? wèn w? shénme, w? xi?ng n? (lui domandare io cosa, io pensare tu). La proposizione causale esprime la causa di quanto contenuto nella reggente. Non bevo perché non ho sete: W? bù h?ji?, y?nwèi w? bùshì k? (io non bere perché io non essere assetato). In questo caso si utilizza l?avverbio di causa ?perché? y?nwèi. Passiamo alle finali, ovvero quelle frasi che esprimono un fine o scopo. Siamo usciti per vedere il sole: W?men ch?qù kàn tàiyáng (noi andare fuori guardare sole). Anche questo esempio palesa la linearitá sintattica della traduzione cinese.

Continua la lettura
46

Le temporali esprimono una relazione di tempo fra due frasi, spesso introdotte da congiunzioni. In italiano possono richiedere l?uso del congiuntivo, del condizionale, perfino del participio passato: Dopo mangiato, siamo andati al cinema: W?nfàn hòu, w?men qùle diàny?ngyuàn (cena dopo, noi andare cinema). Per la costruzione di questa subordinata ricorriamo alla congiunzione temporale hòu: dopo. La particella ?le?, serve ad indicare la compiutezza dell'azione. Vediamo un altro esempio per applicare la locuzione "zh?yào" mentre, intanto: Finché canteranno li staremo ad ascoltare: Zh?yào w?men ji?ng t?ng dào t?men chàng.

56

Le subordinate modali esprimono la modalitá con cui si svolge l?azione principale. In italiano si costruiscono usando l?infinito preceduto da ?con?, oppure il gerundio: Suonava leggendo lo spartito attentamente: Zhè t?ng q?lái z?xì yuèdú déf?n. Possono anche essere introdotte da ?come, nel modo in cui?: Si comportava come se fosse arrabbiato: T? de j?dòng jiù h?oxiàng t? h?n sh?ngqì. Fra le particelle piú utilizzate occorre ricordare: ?zhe?, che deve seguire il verbo che esprime l'azione secondaria, per esprimere delle azioni che si stanno svolgendo nello stesso momento, ma delle quali una è la principale.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Storia della lingua cinese

La lingua cinese è molto particolare perché differisce sia nel metodo di scrittura e lettura che nei caratteri, da quella occidentale. Per chi non ha studiato tale tipo di scrittura è impossibile leggerla. Un carattere può indicare un suono, una parola...
Lingue

Lingua cinese: la struttura della frase

Come tutti sapranno, oggigiorno conoscere linguaggi differenti rispetto alla propria madrelingua risulta davvero fondamentale. Ciò non solo permette di interagire al meglio con tutte le popolazioni del mondo incontrate durante i propri viaggi di piacere....
Lingue

Lingua cinese: espressioni da utilizzare in dogana

La cultura cinese è molto incentrata sul concetto di rispetto. Il concetto è pervasivo e varia sia nelle tradizioni popolari e sia nella vita quotidiana. La maggior parte delle culture asiatiche presentano una forte associazione del rispetto nei saluti....
Lingue

Lingua cinese: gli avverbi

Una lingua si compone di tante parti, sintassi, grafia, fonetica, ecc. Per impararla un dettaglio fondamentale da conoscere è la grammatica. Sì esatto, proprio quella che anche in italiano, fatichiamo a studiare per pigrizia ma senza la quale i nostri...
Lingue

Lingua cinese: appunti di grammatica

La lingua cinese è una delle più difficili in assoluto da imparare perché stravolge tutte le regole che noi italiani conosciamo sul linguaggio. Si scrive con caratteri diversi, definiti ideogrammi, che non hanno nulla a che vedere con l'alfabeto che...
Lingue

Come tradurre i nomi dal cinese all'italiano

La lingua cinese è un idioma molto affascinante e per alcuni versi anche abbastanza difficile da apprendere per un madrelingua italiano. Naturalmente è vero anche il contrario; stiamo parlando di un lingua antichissima che prevede l’utilizzo di ideogrammi...
Lingue

Come imparare il cinese da autodidatta

Molte sono le lingue del mondo che possono essere imparate recandosi in vari paesi o seguendo dei corsi online a pagamento seguendo le lezioni di professionisti madrelingua. Imparare le lingue è sempre qualcosa di allettante e di importante. Molti sono...
Lingue

Come distinguere il cinese dal giapponese

La lingua cinese e quella giapponese possono sembrare, a noi occidentali, due lingue molto simili tra loro, se non praticamente identiche. La ragione principale di questa falsa convinzione sta nel fatto che, sia nell'una che nell'altra lingua, vengono...