Lingua cinese: i complementi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il cinese mandarino è la lingua in assoluto più diffusa al mondo, parlata da circa 886 milioni di persone distribuite fra Cina, Taiwan, Singapore e Malaysia.
La sua struttura e il suo vocabolario la rendono estremamente diversa dalle lingue neolatine, soprattutto a causa dei suoi caratteri, basati su logogrammi, dove ogni carattere rappresenta un morfema. Grammaticalmente parlando, il cinese è una lingua isolante, ha poche forme flesse, nessun genere o numero, pochissimi articoli, è inoltre molto differente dalle lingue latine, e per capirlo pienamente occorre entrare nell'ottica di una lingua totalmente differente dalla nostra. Vediamo quindi come funzionano i complementi nella lingua cinese mandarino, in modo che chi desidera cimentarsi nello studio di questa lingua difficilissima sappia le basi per poter fare progresso.

26

Occorrente

  • Libro di grammatica cinese
36

Uno dei complementi che prendiamo in esame è il complemento di durata, che va posizionato dopo il verbo per indicare la durata di un'azione espressa dal verbo. Se nel predicato esiste l'oggetto, il verbo viene ripetuto dopo l'oggetto. Per esprimere la forma interrogativa, andrà utilizzato il sostituto interrogativo 多长时间.
La costruzione standard è la seguente: soggetto + verbo + complemento oggetto + verbo + complemento di durata.

46

Un secondo complemento che occorre imparare bene è il complemento di frequenza, che esprime la frequenza con la quale si è svolta un'azione. È formato da un numero seguito da un classificatore verbale. Questi classificatori possono essere di vario tipo, alcuni sono più comuni e utilizzati, come ad esempio 次 (ci); oppure 面 che principalmente è usato con i verbi "incontrare, vedersi"; oppure 遍, che letteralmente significa "volta" ma esprime un'azione rifatta dall'inizio fino alla fine. La costruzione più comune da seguire è soggetto + verbo + complemento di frequenza + complemento oggetto.

Continua la lettura
56

Per quanto riguarda il complemento di modo, come gli altri, va posizionato a destra del verbo. La posizione non è prerogativa del complemento oggetto, ma anche di molti altri che aderiscono alla stessa regola. Il complemento di modo o grado va a modificare il grado dell'azione, l'intensità, espressa dal verbo, può essere costruito in vari modi.
La costruzione base prevede verbo + particella (de) 得 + complemento di grado
Nella costruzione negativa c'è bisogno di introdurre la particella 不, ovvero l'avverbio di negazione. In questo caso la costruzione sarà la seguente: soggetto + verbo + 得 + 不 + complemento di grado.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non arrendetevi alle prime difficoltà e fate molta pratica con l'aiuto di un cinese madrelingua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Lingua cinese: le basi

Come voi lettori e lettrici ben saprete, la lingua cinese è una fra le più antiche lingue di tutto il mondo e fa parte di quelle lingue asiatiche che vengono definite come "sino-tibetane". Infatti il cinese non è solo una lingua, ma un insieme di dialetti...
Lingue

Lingua tedesca: i complementi

La lingua tedesca fa parte delle lingue indoeuropee e, oltre ad essere la lingua nazionale della Germania, viene utilizzata anche in altre nazioni del centro dell'Europa, come il Belgio, l'Austria, il Lussemburgo e la Svizzera. Ma anche nella nostra penisola...
Lingue

come imparare i toni della lingua cinese

La lingua cinese è costituita da sillabe. Ogni sillaba costituisce un carattere e uno o più caratteri possono costituire una parola. Ogni sillaba è costituita da una parte iniziale, una finale e dal tono. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato,...
Lingue

Lingua cinese: la frase negativa

Quando sentiamo parlare in lingua cinese, oppure basta solamente guardare come si scrive tale lingua, grafici complicati e stranissimi, estremamente lontani dalla nostra scrittura, pensiamo che tale lingua sia molto difficile e complicata da imparare...
Lingue

Lingua cinese: la struttura della frase

La lingua cinese, dal punto di vista della pronuncia, dei toni e della scrittura dei caratteri si presenta in modo completamente differente rispetto a quella italiana. La prima cosa che salta subito all'occhio, infatti, è l'utilizzo di un alfabeto nettamente...
Lingue

Lingua cinese: gli avverbi

Una lingua si compone di tante parti, sintassi, grafia, fonetica, ecc. Per impararla un dettaglio fondamentale da conoscere è la grammatica. Sì esatto, proprio quella che anche in italiano, fatichiamo a studiare per pigrizia ma senza la quale i nostri...
Lingue

Lingua cinese: le subordinate

Il cinese che solitamente studiamo noi occidentali è il mandarino moderno Pǔtōnghuà, traducibile come “lingua comune”. Si tratta di una lingua priva di una grammatica complessa come la nostra, ma ricca di variazioni sintattiche. Nella grammatica...
Lingue

Come tradurre i nomi dal cinese all'italiano

La lingua cinese è un idioma molto affascinante e per alcuni versi anche abbastanza difficile da apprendere per un madrelingua italiano. Naturalmente è vero anche il contrario; stiamo parlando di un lingua antichissima che prevede l’utilizzo di ideogrammi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.