Le basi della lingua araba

Tramite: O2O 13/05/2018
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Studiare le lingue è uno dei possibili modi per potersi approcciare ad una cultura lontana e approfondire le proprie conoscenze di una determinata civiltà e di conseguenza ampliare il proprio bagaglio culturale. Ovviamente, come per ogni lingua che si decide di apprendere, vi sono le proprie difficoltà legate a vari fattori, come ad esempio la fonetica. Per apprendere al meglio quindi è necessaria molta pratica e pazienza, delle ripetizioni serrate e l'ascolto di molte video-lezioni in cui viene scandita la pronuncia.
Oggi infatti ci occuperemo dell'arabo, che è una lingua semitica fra le più antiche al mondo.
La sua storia è riscontrabile attraverso scritti risalenti al 512-13 d. C. Circa che sono stati ritrovati presso Aleppo.
Come ogni altra lingua, e in particolare quelle antiche, conta diverse varianti in base al luogo geografico e ovviamente al tempo che si decide di prendere in considerazione. Per semplicità esiste anche una versione ufficiale usata per le comunicazioni scritte oppure quelle di stato. Ovviamente questa guida deve considerarsi come trampolino di lancio per poter apprendere le basi della lingua araba, in quanto sarebbe necessario un intero corso per poterla parlare fluentemente.

27

Occorrente

  • Dizionario della lingua
  • Una rubrica
  • Penne
  • Fogli
  • Quaderni
  • Audio originali della lingua
37

L'alfabeto

L'alfabeto conta 28 consonanti, vari simboli grafici e un grafema, cioè l'unità grafica minima, chiamato Hamza. Tre consonanti vengono utilizzate come semi-vocali e hanno la funzione di allungare la durata delle vocali alle quali si accompagnano. In arabo ufficiale le vocali sono solamente 3, ovvero A ?, U ?, I ?, e sono chiamate fusha.
Ciascuna delle 28 lettere possiede 4 diverse forme a seconda della posizione che assume in una parola: iniziale, finale, centrale oppure isolata. Solo 6 lettere fanno eccezione, possedendo solo la forma iniziale.
L'arabo va scritto in senso opposto a quello comune alle altre lingue, ovvero da destra verso sinistra in modo similare al giapponese.

47

Articolo determinativo

In lingua araba esiste un unico articolo di tipo determinativo, che non varia in base al genere e numero del nome a cui si riferisce, ed è l'articolo al- (-??). Il suo utilizzo è molto semplice e prevede che esso si attacchi alla parola a cui si riferisce, fondendosi con essa e creando una sorta di nuova parola. Se si volesse fare un'analogia con un'altra lingua si può prendere ad esempio il giapponese. Esso tende a unire più sillabe insieme per modificarne il significato oppure dare sfumature diverse di esso. Questa regola è valida per tutte le parole che iniziano con suoni gutturali o labiali. Negli altri casi, l'articolo perde la L e la prima lettera della parola viene raddoppiata. Ad esempio la parola sole si dice shams, per esprimere l'espressione "il sole" andrà aggiunto l'articolo AL privato della L (quindi solo la A). Raddoppiando la prima lettera della parola sole avremo: ash-shams = il sole.

Continua la lettura
57

Verbi

I verbi, rispetto alla nostra lingua, hanno una importanza diversa in quanto inizialmente essi sono monchi e in base alle desinenze che vengono aggiunte, si specifica il tempo, il genere, la diatesi, la persona, il numero e il modo. Il verbo in generale è formato da una radice che spesso è composta da tre lettere, ma vi sono anche casi in cui si arriva a 5 lettere. Queste ultime inoltre saranno la base che genereranno gli avverbi e i sostantivi legati all'ambito semantico del verbo. Come nella nostra lingua esistono varie tipologie di verbi, nel senso che alcuni mancano di forme verbali oppure la stessa parola può esprimere più significati e solo in base al contesto si capisce il tempo o ad esempio la persona di riferimento.
Per fare un esempio di questo caso si conderi il verbo irregolare to set inglese, che possiede la stessa forma in tutti i tempi.
Per quanto riguarda i modi, essi sono solo di due tipi: il perfetto e l'imperfetto.
Nel primo caso esiste solo l'indicativo che serve ad esprimere delle azioni già compiute, svolte in un tempo passato, ma relativamente vicino a livello temporale.
Il secondo caso indica azioni in corso di svolgimento, che si svolgono abitualmente o che svolgeranno in futuro, un po' come accade in inglese. Quest'ultimo possiede più forme rispetto al primo tra cui l'indicativo, i participi, l'imperativo, il congiuntivo, l'infinito e il condizionale, per cui è più utilizzato rispetto al precendete.

67

Declinazioni

Per chi mastica il latino e il cinese, questo paragrafo risulterà relativamente semplice. Nella lingua araba, cosi come in quelle sopracitate esiste il concetto di declinazione. Cioè preso un nome, un aggettivo o un verbo gli viene aggiunto una desinenza che serve a far capire che funzione ha quella determinata parola all'interno della frase o rispetto ad altre di uno stesso contesto.
Si pensi ad esempio che in latino vi sono avverbi che se messi davanti ad una frase, indicano indiscutibilmente come essa sarà, come ad esempio il cum che in base al verbo introduce frasi temporali, interrogative oppure può reggere il verbo congiuntivo. Le declinazioni disponibili sono tre: nominativo (damma), accusativo (fatha) e obliquo (kasra) e ovviamente ognuno ha un significato diverso. Il kasra è quello necessario a costruire il complemento di specificazione, il damma indica il soggetto della frase e il fatha il complemento oggetto.
Da notare però che essi sono inferiori in numeri rispetto al latino perché alcune espressioni oppure alcune caratteristiche di un determinato nome vengono espresse con modifiche di vario tipo legate a delle desinenze fisse che vengono aggiunte per specificare la persona, il numero e cosi via come accade per i verbi. Ad esempio si consideri la caratterizzazione dell'indeterminazione: in arabo infatti viene espressa tramite i suoni vocalici raddoppiati, questo significa che una parola può raddoppiare una propria lettera in base alla tipologia di espressione e sfumatura che si vuole dare.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Munirsi di pazienza
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come migliorare la conoscenza di una lingua straniera

Conoscere le lingue è molto importante in una società cosmopolita come è quella odierna. Nella vita come nel lavoro o nelle relazioni interpersonali, conoscere una lingua straniera, può essere fondamentale. Scoprite come migliorare la conoscenza di...
Lingue

Come imparare una lingua da soli

Il mondo globalizzato ci pone ogni giorno davanti a sfide nuove. La richiesta di nuove competenze si fa largo e ci spinge ad una più approfondita preparazione accademica. L'inglese, così come la capacità di parlare altre lingue, aumenta le possibilità...
Lingue

Lingua russa: una guida

Il russo è una lingua indoeuropea, che appartiene al ceppo slavo orientale. Viene parlata non solo in Russia, ma anche in ex repubbliche dell'Unione Sovietica. Questa lingua è priva d'inflessioni dialettali ed è la sesta più parlata al mondo, con...
Lingue

Come memorizzare più vocaboli possibili di una lingua straniera

Imparare una lingua straniera è spesso un ostacolo ostico per molti studenti. In realtà, per memorizzare più vocaboli possibili di un idioma differente da quello della propria lingua basta utilizzare un appropriato metodo. Con una giusta tecnica è...
Lingue

Appunti di lingua russa

La lingua russa è molto diffusa in Eurasia, ed è basata sui caratteri cirillici. Tuttavia ciò non significa che è difficile da imparare; infatti, anche in Italia esistono dei corsi rapidi per apprenderne almeno i principi fondamentali. In riferimento...
Lingue

Lingua giapponese: i verbi

Una delle difficoltà più grandi che si possono incontrare nello studio della lingua giapponese sono i verbi. Questi infatti non prevedono né genere, né numero. I modi e i tempi, si ottengono aggiungendo particelle ausiliarie a radici verbali invariabili....
Lingue

Come eseguire una traduzione fedele da una lingua straniera all'italiano

Viviamo in una società sempre più multiculturale, ed è ormai indispensabile conoscere almeno una lingua straniera.Per questa ragione, moltissimi di noi si saranno ritrovati a doversi cimentare con la traduzione di un testo, o anche solo le parole di...
Lingue

7 segreti per imparare una lingua straniera

Imparare una lingua straniera può risultare qualcosa di estremamente complicato per chi non ha una buona mente allenata allo studio. In realtà non è così, anche se all'inizio vi potrà sembrare di non riuscire a capire niente. L'Importante è non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.