Letteratura: vita e opere di Carlo Emilio Gadda

tramite: O2O
Difficoltà: media
112

Introduzione

Carlo Emilio Gadda occupa un posto di rilievo nella letteratura italiana del Novecento perché ha contribuito al rinnovamento della narrativa tradizionale e alla nascita del romanzo contemporaneo. Le sue opere, in particolare il Pasticciaccio e La cognizione del dolore, sono dei classici senza tempo, indispensabili per comprendere la rivoluzione narrativa del Novecento e la crisi dell'uomo novecentesco.
Nei passi che seguono, tratteremo la vita e le opere più rappresentative di Carlo Emilio Gadda, analizzandone, temi e stile.

212

Occorrente

  • Un buon manuale di letteratura
312

Gli anni della formazione e la guerra

Figlio di Francesco, un industriale tessile, e di Adele, una insegnante, Carlo Emilio Gadda nasce a Milano nel 1893. Inseguito ad investimenti sbagliati del padre, la famiglia va incontro ad un momento di crisi economico e Gadda decide di tralasciare la sua passione per la letteratura e di iscriversi alla facoltà di Ingegneria. Allo scoppio della prima guerra mondiale, partì come volontario nel corpo degli Alpini ma dopo la disfatta di Caporetto venne fatto prigioniero e deportato in Germania.

412

La collaborazione con Solaria

Al termine della guerra viene liberato e tornato a casa, riprende gli studi universitari, laureandosi in ingegneria nel 1920. Esercita la professione di ingegnere per circa dieci anni, lavorando in Argentina ma, tornato a Milano nel 1924, torna ad occuparsi di letteratura e comincia a scrivere il "Racconto italiano di ignoto del novecento". Si iscrive alla facoltà di Lettere e si accosta alla rivista Solaria stringendo importanti amicizie letterarie con Montale, Saba e Debenedetti.

Continua la lettura
512

La scelta della letteratura

Le sue prime opere, "La Madonna dei Filosofi "e "Il Castello di Udine" ricevono entusiaste recensioni da parte di critici autorevoli. Nel 1944 abbandona la professione di ingegnere e si dedica completamente alla letteratura, creando i suoi capolavori indiscussi: l'Adalgisa del 1944, Quel pasticciaccio brutto di via Merulana, del 1946, La Cognizione del dolore del 1963. Negli ultimi anni della sua vita si trasferisce a Roma, dove viene assunto dalla RAI come responsabile di rubriche culturali radiofoniche e dove stringe un sodalizio con Pasolini. A Roma rimane fino alla sua morte, nel 1973.

612

Le prime opere

Tra le prime opere di Gadda va menzionato il diario a cui aveva affidato le sue esperienze della guerra, pubblicato nel 1955 con il titolo di "Giornale di guerra". Seguono alcune raccolte eterogenee di scritti in gran parte già pubblicati su Solaria, tra cui "La Madonna dei filosofi" (1931), un testo satirico, in cui Gadda si scaglia contro la classe dei nuovi ricchi del dopoguerra. Ne "Il Castello di Udine" (1934), invece, colpisce il nazionalismo, il colonialismo e la conseguente politica del Fascismo. Anche ne "L'Adalgisa" (1944), Gadda prende di mira la borghesia milanese e non risparmia uno sguardo critico ed ironico sul regime fascista.

712

Il Pasticciaccio


"Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana", del 1957 renderà a Gadda una larga notorietà. È un romanzo centrato su un caso di omicidio, quello di una ricca borghese romana, abitante in un palazzo degli arricchiti di guerra, i cosiddetti "pescecani". La personalità del "commissario filosofo" don Ciccio Ingravallo trasforma l'indagine su un fatto di cronaca in una ricerca sulla natura stessa dell'enigma. Il romanzo è un grande affresco della Roma degli anni Venti e la dissacrante rappresentazione di Gadda, affidata allo scetticismo critico del commissario ingravallo, colpisce duramente il regime fascista. La maggiore novità del romanzo è la lingua utilizzata: un vero pastiche di linguaggi, gerghi, dialetti, registri diversi e citazioni.

812

La cognizione del dolore

Nel 1963 viene pubblicata "La cognizione del dolore”, un romanzo autobiografico e psicanalitico. Da molti considerato il capolavoro di Gadda, non ha una vera e propria trama e procede per digressioni, ellissi, cancellazioni. L'ambiente è un' Argentina immaginaria, nella quale il protagonista, Don Gonzalo, ossessionato dall'invadenza della società circostante, che egli giudica volgare e corrotta, vorrebbe arginare lo stato di barbarie che si vede intorno e che ha debilitato anche la madre. In quel mondo caotico e fasullo, Don Gonzalo, alter-ego dell'autore, vorrebbe riportare un ordine mentale e razionale, senza però riuscirvi mai.

912

I temi

Attraverso la narrazione autobiografica, che è una sorta di autoanalisi, Gadda ripercorre la strada che lo ha portato a conoscere quel male di vivere o "male oscuro", come egli lo chiama e che è proprio dell'uomo novecentesco. Come sempre accade in Gadda la lingua è uno strumento fatastico e creativo, sorattutto sul piano del lessico, poiché intreccia uno spagnolo inventato con il milanese, forme auliche e arcaiche con termini tecnici e ricercati: il linguaggio si fa dunque specchio del caos incontrollabile che domina il mondo degli uomini.

1012

La visione del mondo

L'opera di Gadda è dominata da una visione del mondo reale come caos ingovernabile e dell'esistenza umana come un susseguirsi di fatti e vicende inspiegabili e senza alcun ordine. Nei confronti del disordine del mondo Gadda prova contemporaneamente attrazione ed avversione. Da qui, deriva la sua poetica e la funzione che assegna alla letteratura: essa deve penetrare nelle viscere della realtà e smascherare i difetti e le colpe dell’uomo. Egli rappresenta la complessità del reale attraverso la combinazione di eventi, oggetti, parole, registri, voci, punti di vista. Per questo motivo è uno degli scrittori che ha saputo meglio rappresentare il Novecento.

1112

Guarda il video

1212

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassare il quadro storico dalla prima guerra ondiale agli anni '50 del novecento; Leggere integralmente almeno un'opera di Gadda.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Letteratura: vita e opere di Italo Calvino

Tra i più grandi protagonisti della letteratura italiana del Novecento, Italo Calvino è un perfetto esponente del movimento artistico chiamato Neorealismo, sviluppatosi in Italia negli anni immediatamente successivi alla Seconda Guerra Mondiale. In...
Superiori

Vita e opere di Dante

La guida che vi proporremo si occuperà di uno dei personaggi più importanti della letteratura non solo italiana, ma mondiale: Dante Alighieri. L'obiettivo che ci porremo sarà quello di trattare in maniera molto chiara la sua vita, attraverso una piccola...
Superiori

Letteratura: le opere di Giovanni Pascoli

Giovanni pascoli è stato uno dei poeti più rappresentativi delle letteratura italiana di tutti i tempi. Nacque a San Mauro di Romagna (che oggi si chiama San Mauro Pascoli proprio in onore del poeta) e, insieme a Gabriele D'annunzio, è considerato...
Superiori

Vita e opere di Giuseppe Tomasi di Lampedusa

Giuseppe Tomasi di Lampedusa è certamente uno dei maggiori rappresentanti del Neorealismo italiano. Duca di Palma e Montechiaro e principe di Lapedusa, conosceva molto bene la lingua inglese, il francese e il tedesco, da giovane studiò infatti le principali...
Superiori

Giovanni Boccaccio: vita e opere

Giovanni Boccaccio è certamente uno dei maggiori esponenti della letteratura italiana del 14° secolo. Per molti aspetti figura innovativa rispetto alla cultura medievale, viene in effetti annoverato fra i fondatori dell’umanesimo rinascimentale. Le...
Superiori

Niccolò Machiavelli: vita e opere

Niccolò Machiavelli è uno dei maggiori esponenti dell'intera letteratura italiana del Quindicesimo Secolo. Uno degli autori più studiati e di maggiore considerazione artistica. La sua vita sempre a stretto contatto con la politica, ha influenzato il...
Superiori

Petrarca: vita e opere principali

Francesco Petrarca è uno dei più importanti scrittori e poeti del Medioevo. La maggior parte delle sue opere sono scritte in latino; tuttavia egli è stato anche un fautore dello sviluppo del volgare italiano. Le sue poesie e le sue opere si ispirano...
Superiori

Ungaretti: vita e opere

La poesia diviene uno scavo interiore in cui si esprime l'essenziale e tramite un meccanismo ascensionale l'inconscio diviene conscio. Oggi vogliamo approfondire l'argomento ed anche la vita e le opere, di un noto poeta, il caro Ungaretti. Essendo appartenuto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.