Letteratura: le opere di Giovanni Pascoli

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Giovanni pascoli è stato uno dei poeti più rappresentativi delle letteratura italiana di tutti i tempi. Nacque a San Mauro di Romagna (che oggi si chiama San Mauro Pascoli proprio in onore del poeta) e, insieme a Gabriele D'annunzio, è considerato anche il maggior poeta italiano del Decadentismo. Nella seguente guida verranno descritte le maggiori opere di Giovanni Pascoli.

26

Occorrente

  • Opere di Giovanni Pascoli
36

Myricae

La prima raccolta di poesia è intitolata "Myricae", pubblicata nel 1891 e che lo scrittore dedicò al padre Ruggero. Il titolo è un termine virgiliano con il quale Pascoli volle evidenziare soprattutto il motivo georgico dell' ispirazione, ma è anche una dichiarazione di umiltà da parte del poeta nei confronti della grande poesia di Giosuè Carducci. Le poesie che compongono questa raccolta hanno come tema dominante la campagna, contemplata e colta nei suoi vari aspetti specialmente in quelli più suggestivi e malinconici dell'autunno.

46

I Poemetti

Dopo sei anni pubblicò la sua seconda raccolta, costituita dai "Poemetti", successivamente divisi in "Primi Poemetti" e "Nuovi Poemetti", in cui si narra la storia di una famiglia toscana di contadini, che ha un ciclo di vita parallelo a quello delle quattro stagioni. Ai "Poemetti" seguirono nel 1903 I canti di Castelvecchio, dedicati stavolta alla madre; in certo qual modo possono considerarsi il continuo delle "Myricae".
Nel 1904 vennero poi i "Poemi Conviviali", il cui titolo prende il nome della rivista "Il Convito" sulla quale i primi di essi furono pubblicati. In tali poemi Pascoli rievoca miti e leggende del mondo romano e greco come Achiile, Ulisse, Solone e Alessandro; i "Poemi Conviviali", quindi, contengono poesie colte, raffinate, lontane dai postulati della "poetica del fanciullino".

Continua la lettura
56

Le Odi egli Inni

Alcune raccolte come le "Odi", gli" Inni", i "Poemi del Risorgimento" e i "Poemi Italici", contengono invece poesie d'ispirazione civile e patriottica; mentre le Canzoni di re Enzio trattano alcuni temi di storia medievale. Famose furono anche le poesie latine del Pascoli, contenute nella raccolta intitolata I Carmina, alcune di queste ottennero il premio nel concorso dell'accademia Hoefftiana di Amsterdam. La particolarità di queste poesie è che il latino usato dallo scrittore sembra una lingua viva e moderna.
Come avrete potuto notare ci troviamo dinanzi ad un caposaldo della letteratura italiana, un personaggio che si è fatto apprezzare per l'incredibile sensibilità e per le mai banali tematiche affrontate nelle sue opere.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliere l'opera che meglio rispecchia i propri interessi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

"Lavandare" di Pascoli: analisi

Tra la letteratura italiana di fine Ottocento, non si può non citare Giovanni Pascoli, uno dei poeti più importanti di questo periodo. Pascoli nacque a San Mauro di Romagna, ebbe un'infanzia molto difficile, segnata da vari lutti familiari che gli tracciano...
Superiori

Breve guida alla poetica di Pascoli

Giovanni Pascoli è tra i poeti più importanti della letteratura italiana del Novecento. La sua poetica è conosciuta come le sue opere, in quanto rientra tra gli autori del novecento più studiati. Trattandosi di uno dei letterati più moderni, le sue...
Superiori

Letteratura: la poetica di Giovanni Pascoli

La poetica di Giovanni Pascoli riflette tutto il suo disagio nei confronti della vita, da cui emerge la sua fragilità di individuo, nonché una perenne insicurezza dalla quale cerca di evadere tramite la scrittura. Il modo migliore che escogita per sfuggire...
Superiori

Giovanni Pascoli: il pensiero

Giovanni Pascoli nacque il 31 dicembre 1855 a San Mauro di Romagna e rappresenta uno dei massimi esponenti del decadentismo italiano.  Figlio di un amministratore e di una casalinga, Giovanni ebbe una vita molto dura, con un'infanzia segnata da gravi...
Superiori

Breve analisi de "Il gelsomino notturno" di Pascoli

Nato a San Mauro Pascoli nel 1855 (dal 1932 il nome del paese fu cambiato proprio in suo onore), Giovanni Pascoli fu inizialmente influenzato dalle teorie positivistiche ed edonistiche di D'Annunzio, da cui però si scostò ben presto per approcciarsi...
Superiori

Gelsomino notturno di Pascoli: commento e analisi

Pochi poeti come Giovanni Pascoli sono stati in grado di tracciare un solco tanto profondo nella letteratura italiana: definito da molti come il "poeta del Nido", Pascoli è stato il più squisito esempio della poesia simbolista italiana, dando il "la"...
Superiori

Ulisse nella letteratura: appunti

"Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza". Sono tre versi, dal 118 al 120, del XXVI canto dell'inferno di Dante che mette Ulisse nell'ottava bolgia perché non ha saputo resistere alla sete...
Superiori

Letteratura: i migliori poeti crepuscolari

Quando parliamo di "Crepuscolarismo" non dobbiamo pensare a una scuola di pensiero o a un movimento bensì al ripudio, da parte di un gruppo di poeti, del modello dannunziano. I poeti crepuscolari, infatti, contrappongono, nelle loro poesie, il mondo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.