Letteratura: la poetica di Gabriele D'Annunzio

Tramite: O2O 30/05/2017
Difficoltà: media
19

Introduzione

Gabriele D'Annunzio, nato Pescara nel 1863 e morto nel 1938 al Vittoriale, è considerato uno dei maggiori scrittori e poeti delle letteratura italiana. Egi infatti è uno dei più significativi esponenti del Decadentismo, perché è riuscito a interpretare efficacemente la sensibilità di fine secolo, incarnando i nuovi miti del progresso, della mondanità, dell'effimero, del vitalismo e dell'irrazionalismo, ma vivendone anche le contraddizioni e i conflitti, da quelli politici e sociali, a quelli generati dalla trasformazione del mercato editoriale. Per accostarci alla sua opera esaminiamo inseme, in questi appunti, la sua poetica.

29

Occorrente

  • Manuale di letteratura italiana; antologia delle opere di d'Annunzio
39

L'estetismo

D'Annunzio aderì al gusto dominante negli ambienti artistici di fine Ottocento e inizio Novecento, quello dell'estetismo, di cui fu attento interprete. L'estetismo, ovvero il culto e la ricerca del bello come ideale supremo, da perseguire come fine a se stesso, diventa per d'Annunzio ideale di vita. In ogni esperienza dell'esistenza e della comunicazione (gesti, linguaggio, abbigliamento, comportamenti) egli cerca di imprimere una sensibilità e un gusto nutriti dall'amore per la bellezza. Il mito dell'esteta, già presente nei romanzi di Oscar Wilde, implica una visione aristocratica della vita che si riflette sia nei personaggi dei romanzi dannunziani, sia nelle scelte di vita dell'autore stesso. D'Annunzio vivrà in dimore princpesche, circondato di oggetti preziosi aspirando, come dice di Andrea Sperelli, protagonista del suo "Il Piacere" a "fare della propria vita un'opera d'arte". La bellezza appare l'unico valore supremo al quale tutti gli altri sono subordinati, a cominciare da quello dell'eguaglianza democratica. L'ideale dell' "Arte per l'Arte", nasconde, d'altra parte, un tentativo di reagire alla logica del mercato e alla mercificazione dell'opera d'arte che finisce per mortificare la creatività dell'artista. I personaggi dei romanzi dannunziani combattono tutti per preservare la Bellezza che è minacciata, nel mondo, dai pericoli della modernità, della logica del profitto, del cattivo gusto delle masse, della democrazia e dell'egualitarismo.

49

Il classicismo

Un altro riferimento della poetica dannunziana va ricercato nel costante richiamo alla letteratura classica. La sua poesia è intessuta di citazioni e spunti tratti dagli scrittori greci e latini. Dopo un viaggio in Grecia e la lettura della "Nascita della tragedia " di Nietsche, d'Annunzio vedrà la classicità greca come la fonte di grandi miti e archetipi, la sede del conflitto eterno tra apollineo e dionisiaco, ovvero tra razionale e irrazionale. Il classicismo dannunziano perciò rivisita i miti antichi che contrappone come baluardo alla realtà delle nuove città industriali e della società di massa.

Continua la lettura
59

Il superomismo

L'incontro con la teoria superomistica di Nietsche è uno dei cardini dell'esperienza poetica di d'Annunzio. Egli accoglie di Nietsche solo alcuni aspetti e li piega a favore della sua ideologia antidemocratica. In particolare, ciò che d'Annunzio ritrova nel filosofo tedesco, è l'esaltazione della volontà di potenza del superuomo, il privilegio accordato a uomini straordinari, ai quali tutto è lecito. Egli si appropria degli elementi antidemocratici insiti nel pensiero di Nietsche e ne nutre il suo disprezzo per le masse. Inoltre, grazie alla lettura di Nietsche, d'Annunzio innesta sul mito dell'esteta il mito del superuomo espressione di una volontà di potenza che troverà spazio anche sul piano politico. Il super-uomo tribuno, il poeta vate d'Annunzio, sposerà infatti una ideologia reazionaria che mira al controllo delle masse attraverso la parola e aderirà alle tendenze bellicisitiche e nazionalistiche dell'epoca.

69

il panismo

Nelle laudi, in particolare in Alcyone, il poeta si pone come unico interprete del segreto profondo della natura. Egli ha il compito di far parlare le cose e far sì che la natura diventi il linguaggio della poesia, la quale assume pertanto una funzione sacrale. La comunione tra uomo e natura assume i caratteri di una fusione estatica e di una metamorfosi: il poeta, proprio come Pan, la divinità pastorale che, collegandosi al culto di Bacco, incarna la vitalità istintiva, aspira a fondersi con la natura, in un'estasi naturalistica. Si parla dunque di panismo dell'Alcyone, inteso come il recupero di un senso di comunione con la natura e insieme di astrazione da ciò che è umano.

79

Il culto della parola

Fin dalle sue prime opere d'Annunzio si distingue per una costante ricerca del vocabolo raro e prezioso. Il poeta è un accanito sperimentatore che crea e plasma attraverso la parola. Sia nella produzione in prosa che in versi, d'Annunzio evidenzia scelte lessicali rare, preziose ed elitarie. In particolare egli afferma il valore suggestivo e fonico della parola. Il vocabolario poetico dannunziano attinge all'intera tradizione italiana dai poeti trecenteschi a Carducci; la poesia di d'Annunzio tesse insieme grecismi, latinismi, tecnicismi, linguaggi settoriali, il tutto nel culto e nella fiducia nel valore assoluto della parola che egli definisce "divina".

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassa il quadro del decadentismo europeo e in particolare l'estetismo inglese e il simbolismo francese
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Gabriele D'Annunzio: appunti su Alcyone

"Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi" è il titolo che Gabriele D'Annunzio scelse per la raccolta poetica della maturità, raccolta nella quale erano racchiuse celebrazioni della natura, della vita panica e dell'eroismo, quest'ultimo esasperato...
Superiori

Appunti su Gabriele D'Annunzio

Gabriele D'Annunzio (12 marzo 1863 - 1 marzo 1938) è stato uno dei principali poeti italiani. Figura molto influente non solo nell'ambito letterario, ma anche in politica, fu una delle personalità più forti e geniali nel panorama dell'inizio '900....
Superiori

Breve guida alla poetica di Pascoli

Giovanni Pascoli è tra i poeti più importanti della letteratura italiana del Novecento. La sua poetica è conosciuta come le sue opere, in quanto rientra tra gli autori del novecento più studiati. Trattandosi di uno dei letterati più moderni, le sue...
Superiori

Guida alla poetica di Giuseppe Ungaretti

Giuseppe Ungaretti è un poeta italiano dell’inizio del Novecento. Le sue opere sono molto importanti per lo studio della letteratura italiana in quanto è considerato il padre fondatore della corrente dell’ Ermetismo. In questa guida andremo ad approfondire...
Superiori

La poetica di Fabrizio De Andrè

“Dio ci salvi dal maledetto buon senso” se tutti fossero normali e se fossero dotati esclusivamente di buon senso non esisterebbero gli artisti e probabilmente neppure i bambini.Fabrizio De Andrè, cantautore contemporaneo si dedicò alle classi...
Superiori

La sera fiesolana: analisi del testo

In tale articolo andremo a trattare la sera fiesolana come l'analisi del testo, che comprenderà la poetica ed anche le idee del suo creatore cioè Gabriele D'Annunzio. La sera fiesolana rientra nelle Laudi. Esse sono cinque raccolte poetiche che si chiamano...
Superiori

Come studiare la letteratura

Lo studio della Letteratura è uno degli argomenti più discussi dagli alunni di tutto il mondo. Esistono molte tecniche e approcci allo studio di questa materia ma ognuno di essi può adattarsi o meno al nostro stile e capacità di assimilazione dei...
Superiori

Letteratura: il decadentismo in Italia

Uno dei periodi più cupi ma al contempo affascinanti della letteratura italiana è proprio il Decadentismo. Il termine decadentismo sta proprio a voler significare decadenza e per la prima volta è stato utilizzato su una rivista francese, guarda caso...