Letteratura italiana: il teatro di Eduardo De Filippo

Tramite: O2O 10/04/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

Nel corso della sua storia secolare il teatro italiano è sempre stato percorso da nomi illustri della tradizione spettacolare. Solo il ?900 è stato una vera e propria fucina di talenti assoluti, su cui spiccano nomi come Carmelo Bene, Dario Fo e, indubbiamente, la celebre famiglia De Filippo. Composta da attori di fama mondiale, tra i De Filippo troviamo tre personalità di grande rilievo nel panorama teatrale: Peppino De Filippo, Eduardo De Filippo e Luigi De Filippo. Quest?ultimo è stato l?ultimo discendente di una illustre famiglia di attori, morto il 31 marzo 2018 all?età di 87 anni, ed era il figlio di Peppino nonché nipote di Eduardo, fratello dello stesso Peppino. Eduardo, in particolare, ha lasciato un?impronta particolarmente profonda nella scena teatrale italiana e mondiale, sia dal punto di vista della sola letteratura che sul piano del teatro. Scopriamolo insieme in questo viaggio all?interno del suo personale teatro.

28

Occorrente

  • Libro di testo di storia del teatro del '900 (per un'infarinatura generale dei concetti)
  • Libro di testo specifico sulla vita e il teatro di Eduardo De Filippo (per un approfondimento specifico)
38

Il teatro all'epoca del cinema

Prima di entrare nello specifico della carriera teatrale di Eduardo De Filippo bisogna fare alcune specificazioni in merito al periodo storico e artistico all?interno del quale si vanno a collocare le sue performance e le sue attività attoriali. Siamo in pieno novecento, epoca in cui il teatro, pratica artistica millenaria, è costretto a confrontarsi con il cinema, nuovo media che attira a sé un pubblico del tutto nuovo e desideroso di vedere più da vicino le nuove meraviglie tecnologiche garantite dalla settima arte (il cinema, per l?appunto). Tornando all?ambito teatrale, è in questo particolare contesto che si formano artisti e letterati come Luigi Pirandello, Gabriele D?Annunzio e lo stesso Eduardo De Filippo. Quest?ultimo divenne così popolare nel corso della vita da essere chiamato e riconosciuto anche solo con il proprio nome, ?Eduardo?, distaccato dal cognome.

48

Il teatro di Eduardo De Filippo

Le opere teatrali di De Filippo si basano su un?attenta osservazione e descrizione della società italiana del tempo, principalmente quella del secondo dopoguerra, con riferimenti specifici alla sua città natale, Napoli. Tra i suoi lavori indimenticabili vi sono da sottolineare opere come ?Questi fantasmi?, ?Natale in casa Cupiello? e ?Napoli milionaria! ?, nelle quali l?autore racconta la vita quotidiana del popolo napoletano desideroso di vivere in un futuro migliore rispetto ad un presente fatto di difficoltà sociali ed economiche. In tutto questo, il popolo fa affidamento anche e soprattutto all?aiuto di San Gennaro, santo patrono della città, a sottolineare ulteriormente la vocazione popolare del celebre attore. Le opere di De Filippo si riferiscono spesso ai conflitti tra il singolo e la società, divenuta chiusa e superba nel periodo postbellico, come per dimenticare le sofferenze patite durante la guerra. Non ci sono eroi nelle opere di Eduardo, poiché sono le persone comuni i veri protagonisti delle vicende: le loro situazioni tragicomiche guadagnano la simpatia e l?immedesimazione da parte del pubblico, nel contesto specifico del secondo dopoguerra.

Continua la lettura
58

La descrizione della famiglia italiana

Eduardo De Filippo prese spunto proprio da Luigi Pirandello per descrivere al meglio i suoi personaggi, soprattutto sul piano psicologico, così da creare il giusto accordo tra la comicità e la tragicità. Al centro del suo spettacolo teatrale ci fu sempre la famiglia, il fulcro della società. Mediante la sua arte, De Filippo volle far comprendere allo spettatore i cambiamenti storici e sociali attraverso i "semplici" mutamenti che avvengono in una tipica famiglia italiana. Una metamorfosi che si basava sulla speranza di un futuro nuovo e sull'illusione che la realtà potesse uscire giovata da questo atteggiamento speranzoso nei confronti dell'avvenire.

68

La consacrazione dell'attore

Eduardo De Filippo è stato e sarà sempre il genio del teatro contemporaneo del Novecento italiano. Grazie alle sue rappresentazioni reali del paese, reso con umiltà, verità e simpatia, attirò a sé un pubblico sempre più folto che in lui si riconosceva, il che rappresenta forse il merito più alto per un attore. Celebri le parole pronunciate nel suo ultimo discorso, un mese prima di morire: "... È stata tutta una vita di sacrifici e di gelo! Così si fa il teatro. Così ho fatto! Ma il cuore ha tremato tutte le sere! E l'ho pagato, anche stasera mi batte il cuore e continuerà a battere anche quando si sarà fermato". Nel caso in cui desideraste altre informazioni su teatro di Eduardo De Filippo consultate il link: https://libreriamo.it/teatro/eduardo-de-filippo-il-genio-del-teatro-italiano/

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per uno studio più approfondito della vita e delle opere di Eduardo De Filippo, è bene fare una prima infarinatura dei concetti e delle correnti teatrali principali della storia del teatro del '900. Solo allora si potrà comprendere al meglio l'arte teatrale dell'attore in questione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Letteratura italiana: il romanticismo

Il Romanticismo nasce in Germania nel 1800. Può essere considerato come un periodo storico e una corrente di pensiero, ma principalmente rappresenta uno stile letterario. Tuttavia si contrappone al secolo precedente, il 1700, dal momento che alla fredda...
Superiori

Letteratura: Honoré de Balzac

In letteratura, Honoré de Balzac è considerato uno dei maggiori scrittori del XIX secolo e lo si può definire senza alcun dubbio il padre del romanzo realista in lingua francese. Egli non fu solo scrittore, ma impegnò le sue energie anche nella critica...
Superiori

Appunti di letteratura: La Chanson de Roland

Appunti di letteraturaLa "Chanson de Roland" ("Orlando" in italiano) è la più conosciuta e famosa canzone di gesta francese. Facente parte del ciclo carolingio, rappresenta un poema cavalleresco in volgare della letteratura medievale francese di cui...
Superiori

Gli autori chiave della letteratura italiana del primo '700

La storia della letteratura italiana è piena di autori. Ogni secolo ha avuto i suoi esponenti di spicco, ed anche se al giorno d'oggi sono poco letti al di fuori dell'ambito accademico, è bene aver ben presente il quadro culturale del nostro passato....
Superiori

Appunti di letteratura italiana: il Decadentismo

Il Decadentismo è un movimento letterario che si sviluppa in Europa tra la seconda metà dell'Ottocento e gli inizi del Novecento. Il termine Decadentismo proviene dalla parola francese decadent, la quale racchiude due significati: uno negativo, e con...
Superiori

Letteratura italiana: la corte di Federico II

Federico II fu uno di quegli imperatori particolarmente avvezzo a letteratura ed arti. Presso il suo regno ci fu un intenso proliferare di attivitá culturali. E lui stesso fu un discreto scrittore e poeta. Ma la più grande eredità che ci ha lasciato...
Superiori

Letteratura italiana: Collodi

Carlo Collodi, il cui vero nome era Carlo Lorenzini, nasce a Firenze nel 1826 e vi muore nel 1890. È stato un significativo rappresentante della letteratura italiana, noto al grande pubblico soprattutto per il suo libro più celebre, "Le avventure di...
Superiori

Appunti di letteratura italiana: la scapigliatura

La Scapigliatura è un fenomeno letterario e culturale sviluppatosi nell'Italia settentrionale nel 1860 e decaduto poi nel 1875. Ebbe il suo epicentro a Milano, da dove poi andò diffondendosi in tutta la penisola italiana, anche se restò essenzialmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.