Letteratura: il Marxismo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Karl Marx è stato un personaggio molto influente ed ha avuto un ruolo essenziale all'interno della questione sociale che ha in larga parte toccato l'Ottocento, secolo emblematico e caratterizzato, fra l'altro, dal problema del lavoro. Fermo oppositore del capitalismo, Marx ha fondato il socialismo scientifico, esprimendo apertamente il suo pensiero favorevole a un cambiamento rivoluzionario della società, da affermarsi attraverso la lotta per l'abolizione delle varie classi sociali. Da questa ideologia nacque un vero e proprio movimento, il marxismo, che influenzò anche la letteratura.

25

All'interno del discorso filosofico, Marx si inserisce fortemente col suo socialismo scientifico, affermatosi a metà Ottocento. Oltre che economista e filosofo, egli era anche un grande conoscitore della storia e sviluppa una particolare concezione che tentava di inserire il capitalismo in un contesto storico più ampio. Questa teoria prende il nome di materialismo dialettico. Marx dimostra come nel corso della storia vi sia sempre stata una contrapposizione fra due classi sociali opposte - uomini liberi e schiavi, patrizi e plebei, feudatari e servi della gleba, fino ad arrivare a capitalisti e proletari.

35

Questi ultimi, secondo Marx, dovevano smettere di subire passivamente le condizioni di sfruttamento dei capitalisti, e reagire: prendere coscienza della loro appartenenza ad un'unica classe e ribellarsi. Una volta acquisita questa consapevolezza, poteva prendere inizio la rivoluzione che avrebbe finalmente portato alla dittatura del proletariato, fase intermedia al raggiungimento dello scopo finale, ovvero una società comunista e senza classi. Questa teoria è contenuta all'interno del Manifesto del Partito comunista, una delle opere fondamentali insieme a Il Capitale, contenente tutti i principi dell'ideologia marxista. Redatto insieme all'amico Engels, con cui strinse un solido sodalizio, fu pubblicato nel 1848. Un'attuazione di questo programma si ebbe con la rivoluzione russa del 1917.

Continua la lettura
45

Marx si sofferma sui caratteri del modo di produzione capitalistico: il discorso del l'alienazione, del denaro e dello sfruttamento dei lavoratori. Col termine alienazione si intende il distacco che vi era all'interno della fabbrica fra l'operaio e il prodotto, che non gli apparteneva in quanto partecipava a una sola fase della sua produzione, ma anche dal lavoro in sé in quanto pesante e ripetitivo. Nel Capitale (1867) l'economista affronta sia il discorso del lavoro, ma in particolare del denaro, che è alla base del capitale. Mentre durante il mercantilismo il denaro era solo un intermediario per l'acquisto di merci, col capitalismo invece la merce diventa mezzo di scambio per aumentare la quantità di denaro. Questo profitto veniva dunque reinvestito per creare ancora più profitto.

55

Marx si sofferma inoltre sul salario. Questo è di sussistenza: il lavoratore non viene pagato per intero, in quanto gli viene sottratta una parte di stipendio, il plusvalore, distinto dal profitto e che rappresenta il guadagno del capitalista. Il capitalismo entra in crisi nel momento in cui l'introduzione di macchinari nuovi porta alla disocuppazione di più operai, considerati obsoleti. Senza operai in carne e ossa da sfruttare, il plusvalore non può fare altro che diminuire, innescando un meccanismo di autodistruzione del sistema, che è destinato a fallire.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Karl Marx e il capitalismo

Il filosofo Karl Marx, insieme ad alcuni dei massimi filosofi come Freud e Nietzsche, mise in discussione il concetto di verità dei filosofi precedenti e le loro argomentazioni. Karl Marx in particolare analizzò le verità economiche e il concetto di...
Superiori

La filosofia di Marx in pillole

Karl Marx è stato uno dei più grandi filosofi tedeschi. Nato a Treviri nel 1818, Marx, coltiva fin da giovane una fortissima passione non solo per la filosofia, ma anche per il giornalismo, per la sociologia e per l'economia. Il suo pensiero ha contribuito...
Superiori

Letteratura: la critica marxista

Il marxismo rappresenta una visione del mondo, il metodo d'indagine socio-economica e socio-politica della letteratura (fondato sull'interpretazione materialistica della crescita storica), una visione dialettica del cambiamento della società ed un'analisi...
Superiori

Karl Marx: vita e opere

Nell' opera principale di Karl Marx: il Capitale, viene considerata come il testo chiave del marxismo, la teoria socio-politica scaturita dalle sue idee. L’opera, composta da quattro volumi, consiste non soltanto in un trattato di economia in cui viene...
Università e Master

Marx: pensiero sociologico

Karl Marx si può considerare uno dei più grandi filosofi del Novecento. Proprio a lui viene attribuita la nascita del pensiero comunista, difatti le sue teorie socio-politiche fanno da base per questa dottrina di estrema sinistra. Marx nasce a Treviri...
Superiori

Vita e opere di Pier Paolo Pasolini

Uno dei maggiori personaggi del Novecento italiano in ambito culturale, artistico e anche letterario è senza alcun dubbio Pier Paolo Pasolini. Ecco di seguito la vita e le opere di Pier Paolo Pasolini. La sua produzione artistica è davvero molto vasta....
Superiori

Guida al capitale di Marx

Karl Marx è stata la personalità più significativa della sinistra hegeliana. Tra le numerose opere che ha scritto, la più conosciuta è "Il capitale". Questa è suddivisa in quattro volumi: il primo uscì nel 1867 quando l'autore era ancora in vita,...
Università e Master

Max Weber: il pensiero in pillole

Max Weber è stato un economista, filosofo e sociologo tedesco, nato ad Erfurt nel 1864 e morto a Monaco di Baviera il 14 giugno 1920.  Negli anni in cui opera la concezione di alcune discipline del sapere cambia completamente volto: psicologia, sociologia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.