Letteratura: Aleixandre Vicente

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Aleixandre Vicente, è un poeta spagnolo, nato a Siviglia nel 1898. Egli intraprende, sin dagli albori della sua gioventù, trascorsa in zone limitrofe di Malaga, studi che lo avrebbero condotto in altre direzioni, rispetto a quello che poi, è diventato, grazie agli studi letterari. Aleixandre, cominciò, infatti, a studiare, come prima cosa, gli studi di diritto e dell'economia, ma nel 1917, quando aveva poco meno di venti anni, conobbe, in un villaggio, Las Navas del Marques, un suo coetaneo, Damaso Alonso, che lo aiuta ad intraprendere la strada della letteratura e della poesia, mediante gli scritti di Ruben Dario, ovvero, un poeta e giornalista del Nicaragua. Grazie proprio a Damaso Alonso, Vicente, capirà davvero qual è la sua strada percorrere, il sentiero da intraprendere, infatti, sarà dedicarsi totalmente alla letteratura.

24

I problemi fisici

Successivamente conclusi gli studi in legge nel 1920, continuerà nell'ambito accademico come assistente universitario. Poco dopo, a soli 27 anni, però, una rarissima nefrite tubercolare lo costringe ad abbandonare la vita pubblica, e di conseguenza il lavoro, e a concedersi un lungo periodo di riposo a Miraflores de la Sierra, un piccolo comune nei pressi di Madrid.

34

L'apice delle sue opere

Il non desiderato e lungo periodo di riposo, gli darà modo di gettarsi a capofitto nell'approndimento della letteratura, amore solo accantonato, ma mai dimenticato. Sono figlie di questo periodo le letture di San Juan de la Cruz e di Gustavo Adolfo Becquer e in quegli stessi anni usciranno le sue due prime raccolte di versi. Il miglioramento delle sue condizioni di salute, successivamente, gli permetteranno di tornare a Madrid, non dimenticando mai, la passione per le arti e per la poesia. Brillanti dell'epoca.

Continua la lettura
44

Conclusioni

Nonostante i miglioramenti, le sue condizioni di salute subiranno, comunque, un calo e nel 1932, Vicente, subirà, infatti, l'asportazione di un rene. Quello stesso anno, uscirà 'Espadas como labios', ovvero, un insieme di versi dal tono molto intenso ed altamente lirico, che gli frutterà, nel 1935 un 'Premio nacional de literatura'. Nel 1949, entra a far parte dell' Accademia Espanola, mentre nel 1977, sette anni prima della morte, sarà insignito del Premio Nobel per la Letteratura, con la motivazione di aver dato luogo, nel periodo delle due guerre, ad una poetica creativa che ha segnato un profondo rinnovamento nella tradizione letteraria spagnola. Nonostante tutto il lungo periodo di problematiche riguardo la sua salute, muore a Madrid nel 1984.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Letteratura: la poetica di Giovanni Pascoli

La poetica di Giovanni Pascoli riflette tutto il suo disagio nei confronti della vita, da cui emerge la sua fragilità di individuo, nonché una perenne insicurezza dalla quale cerca di evadere tramite la scrittura. Il modo migliore che escogita per sfuggire...
Superiori

Letteratura: la poetica di Gabriele D'Annunzio

Gabriele D'Annunzio, nato Pescara nel 1863 e morto nel 1938 al Vittoriale, è considerato uno dei maggiori scrittori e poeti delle letteratura italiana. Egi infatti è uno dei più significativi esponenti del Decadentismo, perché è riuscito a interpretare...
Superiori

Letteratura: i migliori poeti crepuscolari

Quando parliamo di "Crepuscolarismo" non dobbiamo pensare a una scuola di pensiero o a un movimento bensì al ripudio, da parte di un gruppo di poeti, del modello dannunziano. I poeti crepuscolari, infatti, contrappongono, nelle loro poesie, il mondo...
Superiori

Letteratura: le opere di Giovanni Pascoli

Giovanni pascoli è stato uno dei poeti più rappresentativi delle letteratura italiana di tutti i tempi. Nacque a San Mauro di Romagna (che oggi si chiama San Mauro Pascoli proprio in onore del poeta) e, insieme a Gabriele D'annunzio, è considerato...
Superiori

Letteratura del XIV secolo

“Umanesimo” è un termine che deriva dal latino “studia humanitatis”. Fin dalla denominazione si vuole indicare un genere di studio, un'educazione di tipo letterario e filosofico volta ad una formazione completa dell'uomo. Nel corso del XIV secolo...
Superiori

Letteratura: il Decadentismo di Gabriele D'Annunzio

Gabriele D'Annunzio nacque a Pescara nel 1863. Egli è considerato uno dei maggiori esponenti della letteratura italiana ed il più importante del decadentismo italiano. La poesia del D'annunzio rispecchia appieno la sensualità del suo temperamento,...
Superiori

Letteratura del XX secolo

Il Novecento letterario ha confini imprecisi: per qualcuno inizia con la prima guerra mondiale e si chiude con la fine dell'URSS, per altri è un secolo che parte con la fin de siècle e si espande ben oltre la fine del millennio. Così, la Letteratura...
Maturità

I principali poeti ermetici

Con il termine Ermetismo si intende, più che una vera e propria corrente filosofica o culturale, una sensazione, un atteggiamento e un tipo di stile poetico e autoriale assunto da alcuni poeti e scrittori nel corso del Novecento. Con il termine Ermetismo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.